Temple Grandin la Professoressa autistica

Quando nasce Temple Grandin, all’inizio degli anni Cinquanta, autismo è una parola nuova usata per descrivere una malattia inspiegabile, a molti sconosciuta. E’ chiusa nel suo mondo Temple, a tre anni ancora non parla e non è una bambina espansiva né alla ricerca dell’affetto e dell’approvazione degli altri.

Temple Grandin

Temple Grandin, una vita con gli animali

Temple GrandinQuando sua madre la tiene in braccio Temple si irrigidisce e la graffia, cercando di divincolarsi. Invece di fare i puzzle mastica le tessere e le sputa. Ma con gli animali è diverso: è con loro che Temple, fin da bambina, sente di riuscire a stabilire un metodo di comunicazione più efficace che con gli umani, che spesso si dimostrano incapaci di comprendere, e quindi di accettare, una mente che ragiona in un modo così diverso dal consueto. Gli animali invece riesce a sentirli, a comprenderne le paure, a capirne le necessità. Gli animali rispondono agli stimoli esterni secondo regole precise e con un’attenzione concentrata su particolari visivi, uditivi e tattili che in genere agli uomini sfuggono. Ma non a Temple Gradin. Accanto a lei c’è sempre la figura materna, una donna determinata e pronta a sostenerla sempre e che, scoperte le difficoltà espressive e relazionali della figlia, non cede alle indicazioni di “rinchiuderla” in un Istituto ma, seguendo il proprio istinto, la stimola incessantemente affinché non diventi prigioniera di quel suo mondo inesplorabile.

Grazie al sostegno materno e di alcuni insegnanti che credendo nelle sue potenzialità le insegnano a parlare, leggere, scrivere e a stare con gli altri, Temple è motivata ed incoraggiata ad intraprendere qualsiasi nuova strada, sperimentando quello che la sua mente le suggerisce. Negli anni consegue diversi titoli, partendo da una laurea di primo livello in psicologia al Franklin Pierce College, passando per una laurea in zoologia all’Università Statale dell’Arizona e concludendo poi con il dottorato di ricerca in zoologia presso l’Università dell’Illinois nel 1989.

“Pensare per immagini”

Temple GrandinSentire e vedere il mondo come lo sentono e vedono gli animali è il punto di forza di Temple Grandin, la capacità di visualizzare oggetti conosciuti e oggetti inesistenti, di immaginare di modificarli o di guardarli da nuove angolazioni. Temple chiama tutto questo pensare per immagini, ed è questa capacità ad averla resa una studiosa conosciuta in tutto il mondo per le sue ricerche sugli animali destinati a nutrirci e per gli impianti da lei progettati, in grado di migliorare sensibilmente le condizioni di vita all’interno degli allevamenti.

Per domare le paure delle mucche Grandin ha disegnato degli allevamenti che prendono spunto dal comportamento naturale degli animali e dalle loro paure. Le mucche ad esempio tendono ad essere spaventate da suoni ed ombre, che andrebbero tenuti al minimo; può disturbarle anche una semplice catena fuori posto, che possono avvertire come una sensazione di pericolo. Sono più tranquille invece quando si muovono in gruppo in circoli, e per questo motivo Temple Grandin ha progettato percorsi al cui interno si trovano diverse curve così da impedire alla mandria di vedere gli uomini che le spaventano. Nonostante questo percorsi portino al macello, per la Grandin non significa che debbano essere trattate in modo disumano.

La mente innovativa di Temple Grandin raccontata in un film

Diretto da Mick Jackson, con Claire Daines e Catherine O’Hara  “Temple Grandin, una donna straordinaria” racconta la vita della donna che ha rivoluzionato le pratiche per il trattamento degli animali negli allevamenti di bestiame.

Scopri gli altri film sull’autismo

Come raccontato dalla stessa Professoressa, pensare per immagini significa avere il cinema nella testa, vuol dire possedere una mente che funziona come “Google immagini”. Quando era bambina credeva che tutti pensassero per immagini come lei, poi crescendo e con l’occasione della stesura del suo primo libro ha cominciato ad intervistare le persone sulla loro modalità di pensiero: è stato sconvolgente e del tutto imprevisto per Temple scoprire che il suo modo di pensare fosse del tutto unico e parecchio diverso da quello comune.

“Per farvi un’idea di come possa funzionare la mia mente, immaginate una presentazione in PowerPoint: voi dovete semplicemente cliccare perché le slide procedano.”

Secondo il pensiero della Grandin, le persone con diagnosi di autismo possono dare un contributo notevole e fondamentale alla società, ma è importante dare loro la possibilità di farlo individuando e sviluppando i punti di forza, quelli che sono i loro talenti ed interessi, evitando al contrario di concentrarsi sui deficit, su “ciò che non funziona”.

La macchina degli abbracci di Temple Grandin

A rendere famosa la Grandin è stata la sua invenzione nota sotto il nome di “Macchina degli abbracci”, un sistema che consta di due assi di compensato che si stringono ai lati di una panca. L’idea ha avuto origine dall’osservazione di come le mucche diventassero mansuete dentro la gabbia di contenimento usata dal veterinario per visitarle. Un abbraccio per Temple, soprattutto quando era molto giovane, significava un sovraccarico sensoriale di impulsi contrastanti che scatenavano in lei la necessità di rifugiarsi all’interno della macchina.

Temple Grandin libri

La macchina per gli abbracci, che Temple ha usato per parecchi anni durante i suoi attacchi di panico, è anche il titolo di uno dei suoi diversi libri che ha avuto maggior successo.

Se vuoi avere maggiori informazioni sui testi scritti da Temple Grandin e su come acquistarli, puoi visitare il suo sito ufficiale cliccando qui:

http://www.templegrandin.com/templegrandinbooks.html

Articoli correlati

Autismo, viaggiare in aereo diventa più semplice

Sindrome di Asperger, sintomi e diagnosi

Disturbi dello spettro autistico

“Il Giardino dei profumi e dei colori” per la cura dell’autismo

Autismo e Lavoro, una MiniGuida per chi assume

Un’app per la diagnosi precoce dell’autismo

Autismo nella fiction di frontiera

Film sull’autismo e il caso De Niro

La legge senza soldi sull’autismo

Autismo e DI: tutta colpa di una proteina

InTandem – Per divertirsi insieme

Rendere un ragazzo autistico autonomo è possibile?

Inserire gli autistici nel lavoro: il progetto di una ONLUS

Video correlati

Canottaggio e autismo, comunicare attraverso lo sport

Fabiana Sonnino – l’Accademia per l’autismo

Scoprire l’autismo

Il canottaggio integrato

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.