Autismo e lavoro, una MiniGuida per chi assume

Tempo di lettura: 10 min.

start autismo Sono sempre di più le aziende, italiane ed estere, che vogliono assumere persone autistiche, a partire dalla Microsoft, e arrivando alla SAP, la multinazionale dei software gestionali.
Così StartAutismo, il progetto Sistema Territoriale per l’Autonomia e la Realizzazione dei Talenti di persone con Autismo della regione Abruzzo, ha elaborato una MiniGuida per Datori di lavoro, uno strumento che fornisce indicazioni in merito alle potenzialità e criticità che presentano le persone con autismo in ambito lavorativo nato per migliorare la relazione tra dipendente e datore di lavoro.

Le persone autistiche rappresentano una risorsa

start autismo 02La capacità di ricordare le informazioni, l’attenzione per i dettagli, la cura dell’ordine, le straordinarie abilità matematiche, il rispetto dell’etica umana e professionale. Tutte queste abilità, che si riscontrano spesso nelle persone autistiche, sono sempre più riconosciute dai datori di lavoro che le considerano utili per vari settori aziendali.
Spesso però accade che, anche chi vuole, non riesca ad assumere un dipendente autistico perché incapace di relazionarsi con lui. E’ proprio con questo intento che è nata la guida “Lavoro di persone con autismo: nuova risorsa per l’azienda – MiniGuida per Datori di lavoro” di StartAutismo, con lo scopo di informare e formare i datori di lavoro delle aziende sulle opportunità di crescita e sviluppo che una persona autistica, inserita con gli adattamenti opportuni in ambito lavorativo, può apportare. Per far sì che ciò accada quindi è necessario che il datore di lavoro abbia in questo senso una preparazione adeguata e che il posto di lavoro sia adattato alle esigenze ed alle necessità della persona.

Per fare un esempio pratico, tra i punti chiave della relazione del datore di lavoro con il dipendente autistico, si riconoscono:

  1. Non giudicare la persona dallo sguardo
  2. Concedere più tempo per rispondere alle domande così da mettere la persona a suo agio
  3. Fornire al candidato i quesiti in anticipo, così che nell’attesa abbia il tempo di prepararsi
  4. Scegliere per il colloquio un luogo tranquillo, possibilmente con pochi rumori e luci soffuse. In questo modo la persona sarà più tranquilla e priva di ansia. 

Gli obiettivi della MiniGuida

  • Aumentare in generale la conoscenza dei datori di lavoro in tema di autismo;
  • Sottolineare i vantaggi per le aziende nell’assumere persone con autismo;
  • Aiutare i datori di lavoro ad individuare le mansioni più adatte per persone affette da autismo;
  • Fornire informazioni sui programmi di supporto disponibili sia per i datori di lavoro che per le persone con autismo;
  • Fornire alle aziende maggiori informazioni e consigli pratici per l’inserimento lavorativo di persone con autismo.

 

Perché le persone autistiche, come le altre, hanno il diritto di poter lavorare così come le aziende, assumendo personale con disturbi dello spettro autistico, hanno il diritto di poter accrescere il proprio valore sociale, innovativo, e creativo.

Scarica la Guida:  www.startautismo.it/uploads/main/File/Documenti/guidaSTARTaziende.pdf

 

Articoli correlati

Disturbi dello spettro autistico

Sindrome di Asperger, sintomi e diagnosi

Autismo, viaggiare in aereo diventa più semplice

“Il Giardino dei profumi e dei colori” per la cura dell’autismo

Un’app per la diagnosi precoce dell’autismo

Autismo nella fiction di frontiera

Film sull’autismo e il caso De Niro

La legge senza soldi sull’autismo

Autismo e DI: tutta colpa di una proteina

Autismo: nessun nesso con il vaccino!

InTandem – Per divertirsi insieme

Rendere un ragazzo autistico autonomo è possibile?

Inserire gli autistici nel lavoro: il progetto di una ONLUS

Temple Grandin, la professoressa autistica

 

Video correlati

Canottaggio e autismo, comunicare attraverso lo sport

Fabiana Sonnino – l’Accademia per l’autismo

Scoprire l’autismo

Il canottaggio integrato

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.