L’Inps ha approvato aumento delle pensioni di invalidità civile

Dopo che la Consulta le aveva definite “inadeguate” a tutelare la vita degli invalidi civili, ora siamo alla svolta decisiva per il riconoscimento dell’aumento delle pensioni di invalidità civile. Il 23 settembre 2020, infatti, l’Inps ha recepito quanto disposto dalla Corte Costituzione e quanto poi imposto dal Decreto Agosto (passando anche per il Decreto Rilancio).

A quanto ammonta l’aumento delle pensioni di invalidità civile?

Inizialmente, la pensione di invalidità civile prevedeva un fisso mensile di 285,66 euro, che appunto è stato giudicato dalla Consulta non sufficiente “a soddisfare i bisogni primari della vita” di un invalido civile. Così, la Corte ha chiesto un “incremento al milione”, come previsto dalla legge 448 del 2011, così da lievitare la cifra a 516,46 euro.Tuttavia, grazie al Decreto Agosto, la somma ha subito un ulteriore incremento, toccando i 651,51 euro, cifra confermata poi dall’Inps per 13 mensilità.

Leggi anche: Invalidità civile, Coronavirus: restano i benefici anche con verbale scaduto

incremento al milione per le pensioni di invalidità civile

A chi spetta l’aumento delle pensioni di invalidità civile?

Come si può leggere dalla circolare Inps n. 107 del 23 settembre 2020, l’aumento delle pensioni di invalidità civile spetta a chi risponde a due tipi di requisiti:

  • anagrafico – l’incremento spetta a tutti i titolari di pensione di inabilità che hanno compiuto 18 anni (quindi no ai minorenni invalidi civili);
  • reddituali – con i seguenti requisiti (importi aggiornati al 2020):
    • il beneficiario non coniugato deve possedere redditi propri non superiori a 8.469,63 euro;
    • il beneficiario coniugato (non effettivamente e legalmente separato) deve possedere redditi propri di importo non superiore a 8.469,63 euro o redditi cumulati con quello del coniuge di importo annuo non superiore a 14.447,42 euro. Nel caso in cui entrambi i coniugi hanno diritto all’aumento delle pensioni di invalidità civile, concorre al calcolo reddituale. Se invece viene raggiunto il limite, va tenuto conto del reddito cumulato comprensivo.

Cosa viene inserito e cosa viene tolto dal calcolo reddituale?

Concorrono al calcolo i redditi di qualsiasi natura, assoggettabili ad IRPEF, sia a tassazione corrente che a tassazione separata, i redditi tassati alla fonte, i redditi tassati alla fonte e i redditi esenti da IRPEF.

Ciò che invece non rientra nel calcolo sono:

  • il reddito della casa di abitazione;
  • le pensioni di guerra;
  • l’indennità di accompagnamento;
  • l’importo aggiuntivo di 300.000 lire (154,94 euro) previsto dal comma 7 dell’articolo 70 della legge 23 dicembre 2000, n. 388;
  • i trattamenti di famiglia;
  • l’indennizzo previsto dalla legge 25 febbraio 1992, n. 210, in favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati.

Leggi anche: Invalidità civile e accompagnamento 2020: quali sono le cifre dell’indennità

a chi spetta aumento pensioni invalidità civile

Come fare domanda per l’aumento delle pensioni di invalidità civile?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo fare due distinzioni. In primis, per gli invalidi civili totali, ciechi civili assoluti e sordi non vi è alcuna domanda da presentare, ma sarà l’INPS stessa a riconoscere automaticamente l’incremento con decorrenza dal 1° agosto 2020.

Chi ha una pensione di inabilità ordinaria, invece, deve presentare una domanda per l’apposito beneficio, che ha sempre decorrenza dal 1° agosto 2020. Una volta fatta la richiesta, l’incremento sarà riconosciuto dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della richiesta.

Leggi anche: Che cos’è la Legge 509/88? Perché riguarda l’invalidità civile? Quali benefici e agevolazioni disciplina?

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato