Che cos’è la Legge 509/88? Perché riguarda l’invalidità civile? Quali benefici e agevolazioni disciplina?

La legge 509/88 è la pietra miliare della legislazione italiana in merito alle normative inerenti all’invalidità civile. Non è una materia che si presta a facili interpretazioni, perché entrano in gioco valori come la giustizia, l’etica e l’equità.

La legislazione inerente all’invalidità civile quindi è composta da leggi e decreti molto complessi che tengono conto di tutte le variabili e che affrontano variabili di primaria importanza come agevolazioni, prestazioni economiche e diritti degli invalidi civili.

La legge 509/88: agevolazioni per invalidi civili

In particolare, la legge 509 del 23 novembre 1988 è il testo di riferimento in merito all’invalidità civile che delibera in materia di “norme per la revisione delle categorie delle minorazioni e malattie invalidanti, nonché dei benefici previsti dalla legislazione vigente per le medesime categorie ai sensi dell’articolo 2, comma 1 della legge 26 luglio 1988, n. 291”.

Questa legge fu resa esecutiva dopo tre anni con il decreto del Ministero della Sanità del 5 febbraio 1992 che ha approvato la tabella di invalidità permanente, le percentuali indicative di invalidità e le modalità di utilizzo. Questo decreto è una sorta di pietra miliare per la legislazione inerente all’invalidità ed è stato seguito nel tempo da altre leggi che individuano criteri di valutazione dell’indennità di accompagnamento.

disabile cerca informazioni su legge 508 99

Come si ottiene il verbale di invalidità civile

Il documento più importante è il verbale invalidità civile. Al suo interno, viene declinata ogni categoria di invalidità civile con le relative percentuali e attraverso la tabella invalidità permanente vengono affrontati tutti le patologie dei portatori di handicap: l’anziano con deambulazione sensibilmente ridotta, il portatore di handicap comma 1 art 3 (che può avere bisogno dell’accompagnamento legge 104), il portatore di handicap comma 3 art 3 (persona con handicap grave che ha necessariamente bisogno della legge 104).

Il certificato di invalidità serve quindi per poter beneficiare di alcune misure assistenziali come pensione di invalidità, assegno mensile, indennità di accompagnamento, agevolazioni per la circolazioni e per la sosta dei veicoli (art 381 del dpr 495 92).

L’emissione del verbale di invalidità civile prevede un percorso amministrativo ben preciso che parte con la richiesta al proprio medico di base. Dopo una serie di visite specialistiche e la visita medica finale della commissione Asl, l’iter si conclude con l’emissione del certificato da parte dell’Inps. L’Inps in qualsiasi momento può avviare un accertamento e stabilisce i termini per la visita di revisione invalidità civile.

Leggi anche: Come richiedere l’Invalidità civile all’Inps e quali sono i benefici

certificato per legge 509/88

Cosa stabilisce il certificato di invalidità

Il verbale definitivo (che viene firmato da almeno 3 medici) viene validato dal Centro Medico Legale (CML) dell’Inps e definisce i seguenti giudizi. A seconda della percentuale di invalidità, crescono i benefici (che includono sempre tutti quelli precedenti).

  • Non invalido – Assenza di patologia o con una riduzione delle capacità inferiore ad 1/3. In questo caso, non sono previste agevolazioni o benefici economici
  • Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa dal 34% al 73% – Dal 34% c’è la concessione gratuita di ausili e protesi, dal 46% si ottiene il diritto di iscrizione alle liste di collocamento mirato

Benefici invalidità civile 50 per cento

  • dal 51% si ottiene il diritto di usufruire del congedo straordinario per cure, dal 60% si può essere inserito nelle categorie protette, dal 66% si ha esenzione totale del pagamento delle tasse universitarie

Agevolazioni invalidità civile 70 per cento

  • dal 67% al 73% si ha: esenzione ticket, tessera agevolata di viaggio regionale e agevolazioni per case popolari
  • Invalido dal 74% al 99% – Oltre alle agevolazioni precedenti, tra i 18 anni e i 67 si ottiene un assegno mensile di assistenza commisurato al reddito

Diritti invalidi civili 100 per cento

  • Invalidità civile 100% con permanente inabilità lavorativa. In questo caso si ottiene una pensione di inabilità per 13 mensilità (pensione invalidità 100) e l’esenzione totale dal pagamento del ticket.
  • Invalidità civile 100% con permanente inabilità lavorativa e necessità di assistenza continua (legge 18 80).
  • Invalidità civile 100% con permanente inabilità lavorativa e impossibilità a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore – Ai benefici precedenti, si aggiunge la pensione di inabilità per 13 mensilità, esenzione totale dal pagamento del ticket, indennità di accompagnamento senza alcun limite di reddito

La legge 509/88 delibera anche in merito alle agevolazioni per gli anziani over 65 che vanno incontro alla fase calante della propria vita.

Chi ha difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie della sua età (L 509/88 L 124/98) tra il 67% e il 99% ha diritto alla fornitura di protesi, presidi e ausili, esenzione ticket per patologia, tessera agevolata di viaggio regionale e agevolazioni per case popolari.

indennità accompagnamento legge 509/88

Invalidità civile accompagnamento: la Legge 104/92

La Legge 509/88 è stata seguita, il 5 febbraio 1992, dalla legge n.104 che è la normativa nazionale di riferimento in merito a integrazione, assistenza, diritti dei disabili, assegni di accompagnamento e permessi di lavori retribuiti.

Per i portatori di handicap comma 1 art 3 sono previste: agevolazioni fiscali per l’acquisto di protesi, ausili e sussidi tecnici informatici (Iva agevolata al 4% e detrazione IRPEF 19%); agevolazioni fiscali in materia di auto per titolari di patente speciale con ridotte o impedite capacità motorie; agevolazioni fiscali per l’eliminazione di barriere architettoniche; detraibilità protesi e ausili; agevolazioni fiscali e spese mediche generiche di assistenza specifica; scelta delle priorità tra sedi disponibili.

I portatori di handicap più gravi vengono citati nel comma 3 art 3. Sia i familiari sia i parenti hanno diritto a permessi e periodi di congedo retribuiti (fino a un massimo di tre giorni al mese). I permessi possono essere richiesti soltanto da un familiare.

I lavoratori in questione hanno il diritto di richiedere per ogni anno di lavoro due mesi di contributi figurativi (fino a un massimo di 5 anni) per anticipare la data della pensione. Sono previste inoltre agevolazioni per quanto concerne l’acquisto di sussidi informatici (Iva al 4%), detrazioni IRPEF, bonus ristrutturazione per barriere architettoniche e detrazioni per le spese mediche.

Leggi anche: Quali sono le differenza tra invalidità civile e Legge 104?

Integrazioni legislative alla Legge 509/88

Il decreto ministeriale 2 agosto 2007 si è espresso in maniera di individuazione delle patologie rispetto alle quali sono escluse visite di controllo sulla permanenza dello stato invalidante.

Con la legge 3 agosto 2009 n. 102 si è deciso che le domande di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità sono presentate all’Inps secondo modalità stabilite dall’Ente e solo per via telematica.

Angelo Dino Surano
Angelo Dino Surano
Giornalista, addetto stampa e web copywriter con una passione particolare per le storie di successo. Esperto in scrittura vincente e comunicazione digitale, è innamorato della parola e delle sue innumerevoli sfaccettature dal 1983. La vita gli ha messo davanti sfide titaniche e lui ha risposto con le sue armi più potenti: resilienza e spirito di abnegazione. Secondo la sua forma mentis, il contenuto migliore è quello che deve ancora scrivere.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato