Pensioni invalidità civile, Consulta: “Costituzione violata”

Le pensioni di invalidità civile, previste dalla legge 118/1971, che attualmente ammontano a 285,66 euro mensili per le persone totalmente inabili al lavoro a causa di disabilità gravi, “non sono sufficienti a soddisfare i bisogni primari della vita”. A riferirlo è stata la Corte costituzionale con un comunicato stampa del 23 giugno 2020.

Pensioni di invalidità civile: la pronuncia della Corte costituzionale

La Corte costituzionale ha preso in esame un caso sollevato dalla Corte d’appello di Torino riguardante una persona con tetraplegia spastica neonatale, giudicata non in grado di compiere anche “i più elementari atti quotidiani della vita e di comunicare con l’esterno”, come recita la nota.

Per questo motivo, la Consulta ha riconosciuto la violazione dell’articolo 38 della Costituzione italiana in materia di pensioni di invalidità civile, specificando che l’assegno mensile di 285,66 euro è “inadeguato” a tutelare la vita degli invalidi civili totali. Così, la Corte costituzionale ha stabilito che il noto “incremento al milione” (di 516,46 euro, previsto dalla legge 448 del 2011) sia assicurato ai soggetti interessati senza attendere il compimento dei 60 anni d’età.

La validità del potenziamento della normativa non sarà retroattiva, ma sarà diretta a tutti gli invalidi civili totali che abbiamo compiuto i 18 anni e che non abbiano redditi annui pari o superiori a 6.713,98 euro.

Il comunicato, infine, spiega che “resta ferma la possibilità per il legislatore di rimodulare la disciplina delle misure assistenziali vigenti, purché idonee a garantire agli invalidi civili totali l’effettività dei diritti loro riconosciuti dalla Costituzione”.

Pensioni invalidità civile: quando si applicherà l’incremento al milione?

La sentenza sulle pensioni di invalidità civile del 23 giugno 2020 avrà effetto dal giorno seguente alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Successivamente, dovrà essere recepita in via legislativa. Infine, toccherà all’INPS adottare tutte le soluzioni necessarie per adeguarsi alla nuova norma.

Leggi ancheL’Inps ha approvato l’aumento delle pensioni di invalidità civile: ecco a chi spetta e come viene erogato

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato