Sindrome da Burnout: cos’è, sintomi e come uscirne

Burnout è un termine anglosassone il cui significato è da ricercare nella traduzione: “to burn out”, cioè “bruciarsi” oppure “esaurirsi”. Da questa definizione possiamo già intuire che la Sindrome di Burnout riguarda principalmente l’esaurimento emotivo, mentale e fisico della persona – che viene associato al contesto lavorativo, e non deve essere confuso con ansia, depressione o disturbi specifici presenti in altri ambienti.

Noto anche come stress da lavoro o stress lavorativo, la Sindrome da Burnout può determinare svogliatezza, delusione e demotivazione per la propria quotidianità, determinato da un completo disinteresse per le mansioni da eseguire. L’Organizzazione Mondiale della Sanità l’ha riconosciuta come malattia, in quanto è presente uno stress cronico che può minare la qualità di vita di una persona.

Burnout sintomi: come si manifesta

L’esaurimento da lavoro nasce e si sviluppa nel momento in cui la persona è esposta eccessivamente a eventi stressanti sul proprio luogo di lavoro, come a un carico di lavoro eccessivo. Si trattano di eventi che possono protrarsi nel lungo periodo, e che possiamo riconoscere all’inizio con spossatezza e irritabilità per poi raggiungere l’abbattimento psicofisico.

Nella maggior parte dei casi, i sintomi non sono osservati e gestiti con adeguata attenzione, anche perché uno stress emotivo cronico caratterizza diverse condizioni simili al Burnout, come la depressione: sensazione di perdita del significato della propria mansione lavorativa, ridotta produttività, tendenza a considerare le persone come oggetti sono solo alcuni dei segni che possono essere confusi con altre situazioni.

A lungo andare la Sindrome da Burnout può determinare isolamento progressivo dal mondo del lavoro e aumento considerevole della sensazione di negatività. In aggiunta, l’evoluzione di tale condizione porta alla depressione stessa e agli stati d’ansia e di panico. Perciò possiamo riconoscere:

  • Sintomi psichici:
    • sensazione di sfinimento;
    • distacco mentale;
    • cinismo;
    • poca soddisfazione sul lavoro;
    • calo dell’efficienza lavorativa;
    • elevata sensibilità a stress e delusioni;
    • depressione;
    • mancanza di interesse in ciò che si fa;
    • alienazione;
    • mancanza di iniziativa;
    • costante sensazione di soffocamento;
    • calo della fiducia in se stessi.
  • Sintomi fisici:
    • stanchezza e spossatezza;
    • cefalea;
    • aggressività;
    • inappetenza;
    • gravi difficoltà a superare malattie banali come il raffreddore;
    • sintomi respiratori;
    • difficoltà a dormire o a prendere sonno (disturbi del sonno);
    • mal di testa;
    • disturbi gastrointestinali;
    • tachicardia.

Leggi anche: L’Ordine degli Psicologi: “Ecco cos’è lo stress da pandemia”

quali sintomi burnout
By twenty20photos da Envato Elements

Quali sono le cause della Sindrome da Burnout?

Il Born-out è un processo multifattoriale che dipende da individuo a individuo. Sostanzialmente non esistono cause universali che determinano l’insorgenza della sindrome, ma condizioni che, in base al vissuto della persona, possono farla apparire.

Per fare un esempio, da una parte abbiamo le condizioni individuali, dall’altra quelle di tipo organizzativo, che inglobano diversi fattori di crisi. A livello individuale ci possono essere svariati elementi che contribuiscono all’insorgenza della malattia:

  • età: in questo caso esistono opinioni contrastanti. C’è chi pensa che insorga principalmente in età avanzata, e chi invece crede sia più frequente nei giovani;
  • stato civile: persone senza una persona fissa accanto nella propria vita;
  • differenza di genere: le donne sono più colpite degli uomini;
  • personalità: il Burnout potrebbe apparire più facilmente in una persona con forte abnegazione al lavoro, che spesso sostituisce con la vita sociale e che si pone obiettivi fortemente irrealistici attraverso motivazioni elevate.

A livello organizzativo invece si guarda all’ambiente di lavoro in sé e alle sue mansioni:

  • richieste di lavoro eccessivo;
  • scarso controllo delle proprie mansioni;
  • lavoro autonomo scarsamente ricompensato;
  • conflitti con colleghi;
  • difficoltà a dire “No”;
  • maggiori responsabilità che non riguardano il ruolo specifico della persona;
  • alti rischi connessi alla professione;
  • problemi di lavoro in team;
  • organizzazione del lavoro incoerente;
  • mancato riconoscimento;
  • ingiustizia e assenza di equità;
  • mobbing e molestie.

Leggi anche: Il Doomscrolling può erodere la tua salute mentale e fisica

cause sindrome da burnout
By gpointstudio da Envato Elements

Sindrome da Burnout: chi colpisce?

In linea generale, le categorie lavorative più colpite riguardano le professioni stanitarie e assistenziali, che hanno come obiettivo la salvaguardia delle persone e la gestione delle crisi: medici, infermieri, poliziotti, vigili del fuoco, assistenti sociali, caregiver. Ovviamente, la Sindrome da Burnout può colpire indipendentemente dal tipo di lavoro, come chi è schiacciato da numerosi impegni che si dividono tra lavoro e famiglia oppure le maggiori responsabilità.

In aggiunta, una recente indagine di guidapsicologi.it ha individuato nei millenials la fascia d’età più colpita dallo stress da lavoro (39,54%). Seguono la Generazione X (25,62%), i baby boomers (15,32%) e la Generazione Z (7,53%).

Burnout e caregiver: una relazione da approfondire

Nella maggior parte dei casi il ruolo del caregiver è svolto dai famigliari degli anziani con ridotte capacità o delle persone con disabilità gravi. Tuttavia, prendersi cura di qualcuno, annullando completamente la propria esistenza, comporta un dispendio d’energie non indifferente. Soprattutto nei casi in cui una famiglia non può assumere un badante o fare forza sull’aiuto di più persone.

Come sottolinea Harmonia Mentis, “il caregiver è sottoposto a uno stress intenso e prolungato, che incide sulla sua qualità di vita e sulla sua salute, sia fisica sia mentale”. Un quadro aggravato dalla mancanza di risorse che, il più delle volte, lo Stato italiano non garantisce. E che, come detto precedentemente, può riguardare svariate professioni simili a questa – che però la legislazione corrente riconosce in maniera più uniforme.

Leggi anche: Consigli su come ridurre lo stress del caregiver familiare

caregiver familiare ddl bignami
By AnnaStills da Envato Elements

Come si cura il Burnout?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fornito ai medici tutte le istruzioni per diagnosticare la Sindrome da Burnout, così da non confonderla con altre patologie simili e scegliere la migliore strada per la terapia.

Lo stress da lavoro non è autodiagnosticabile e non è relazionata a una semplice sensazione di stanchezza lavorativa. Tuttavia, ci sono delle azioni che possiamo compiere nel quotidiano per contrastare l’avanzamento della patologia: soddisfare i propri bisogni, esercizi per rilassarsi, stile di vita sano, porre dei limiti, ridurre aspettative e ritrovare un equilibrio tra lavoro e vita privata.

Un primo step è parlare con qualcuno dei propri problemi o confrontarsi con un amico. Importante, poi, è prendersi del tempo per sé al fine di recuperare le energie: non solo una vacanza, ma anche un’attività fisica quotidiana portata avanti nel tempo. Infine, un suggerimento per sentirsi meno sopraffatti dalle questioni lavorative è realizzare una lista con tutte le proprie mansioni, così da migliorare l’organizzazione del proprio lavoro.

Ovviamente non bastano queste semplici azioni o eseguire dei test online per affrontare il burnout, ma è necessario rivolgersi a uno specialista che, in base alle esigenze del singolo individuo, saprà realizzare un percorso di cura e crescita personale che farà vedere la luce in fondo al tunnel. In questo senso, anche i tempi di recupero possono variare in base alla persona e alla cura seguita.

Test Maslach Burnout Inventory

Il modello Maslach o MBI viene utilizzato in psicologia per valutare il livello di burn-out in una persona. Si tratta di un questionario composto da 22 domande con 6 riposte ciascuna. Fu sviluppato nel 1981 da Christina Maslach e Susan Jackson per le professioni sanitarie, ma successivamente fu esteso anche a quelle professionalità che richiedono un costante contatto con il pubblico. Il test indaga su esaurimento emotivo, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale.

terapia sindrome da burnout
By twenty20photos da Envato Elements

Burnout riconosciuto come malattia professionale

Nel 2019 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ufficialmente riconosciuto la Sindrome da Burnout come condizione medica patologica. Tuttavia il riconoscimento della malattia sarà effettivo solo da gennaio 2022, in quanto è stata inserita nell’undicesima revisione dell’elenco internazionale delle malattie note a livello mondiale. Non si tratta comunque di una scoperta recente. I primi studi su questa condizione risalgono al 1974, e porterebbero la firma dello psicologo Herbert Freudenberger.

Burnout in 2020

Espressioni come “essere in Burnout” o “andare in Burnout” sono diventate quasi di uso comune nel 2020, a causa della scoppio della pandemia da Covid, una condizione globale che ha modificato profondamente le nostre abitudini quotidiane.

A delinearci il quadro della situazione è “Stress e burnout ai tempi del Covid 19“, un articolo firmato da un gruppo di psicologici e pubblicato su JAMD, un periodico di approfondimento scientifico, di formazione e sui modelli assistenziali che ha sottolineato come l’attualità imponga di “mettere in atto politiche di prevenzione della salute mentale di coloro ai quali è affidata l’erogazione dell’assistenza”.

“L’attuale emergenza sanitaria – si legge ancora – ha fatto si che gli operatori sanitari siano diventati tra le categorie professionali più esposte allo stress lavorativo tanto che la rivista Lancet ha recentemente sottolineato l’importanza di realizzare interventi in grado di tutelare il benessere psicofisico di tale fascia della popolazione”.

Nello stesso articolo si parla di “Work Engagement (WE)”, inteso come “condizione psicologica associata al lavoro, caratterizzata da vigore, dedizione, e coinvolgimento”, che ha rappresentato “la modalità predominante per la maggior parte delle equipe sanitarie”. In soldoni, questo termine si riferisce alla “risultanza della compartecipazione emotiva durante il lavoro che favorisce la percezione di sentirsi in marcia, quindi il non volersi fermare e lavorare non solo per il risultato e la responsabilità, ma anche per il piacere di quello che si sta facendo”. Secondo il pezzo, “tale stato deve essere garantito e mantenuto, al fine di prevenire il burn out”.

Leggi anche: Stress da pandemia nei bambini: come riconoscerlo e affrontarlo

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato