Che cos’è l’oziofobia? Sintomi, cause e come gestirla

Redazione:

Nella società contemporanea, frenesia sembra essere la parola d’ordine: le persone sembrano interessate sempre di più alla quantità e non qualità delle loro vite e degli obiettivi raggiunti. La produttività deve essere all’ordine del giorno e non c’è spazio per il “dolce far niente“. Infatti, il tempo libero viene percepito come ostacolante al rendimento: in questo caso, si parla di oziofobia, che è proprio la paura di non avere nulla da fare.

Oziofobia: di cosa si tratta?

Il termine oziofobia, coniato per la prima volta dallo psicologo spagnolo Rafael Santandreu, indica la paura di non fare niente e di non avere programmi. Questo fenomeno è comune nella società odierna in quanto le persone cercano di mantenere la maggior parte della loro giornata e vita occupata con diverse attività, progetti o lavoro.

L’abitudine sempre più diffusa è quella di imparare a programmare anche il tempo libero per non uscire dalla nostra zona comfort, per evitare la noia e i momenti inaspettati. Infatti, i soggetti che ne soffrono hanno bisogno di avere tutto sotto controllo.

I sintomi dell’oziofobia

L’ansia è il principale sintomo. Nello specifico, nelle persone oziofobiche, quando si rendono conto che non hanno programmi e devono affrontare del tempo libero, si verifica una intensa attivazione del sistema nervoso simpatico.

Questo avviene perché sono normalmente influenzati dal pensiero di un’eccessiva produttività ed efficienza, mettono al primo posto i loro risultati e successi a discapito della felicità. Sono soliti parlare facendo riferimento alla quantità e non alla qualità degli obiettivi e dei successi raggiunti.

Leggi anche: Che cos’è la multipotenzialità e chi sono le persone multipotenziali

I sintomi dell'oziofobia
Fonte: bilyanas1 by Envato

Cause dell’oziofobia

Un possibile motivo dell’oziofobia lo si può imputare alla frenesia che caratterizza l’attuale società, nella quale tutto e tutti corrono e scorrono senza fermarsi. Questa condizione fa sì che le persone tendano sempre di più a voler essere costantemente occupate per conseguire efficienza, importanza e sentirsi realizzate. Questa tendenza le spinge a voler sempre di più e a non accontentarsi mai, perseguendo l’abbondanza. Una seconda causa è la paura di non avere il controllo o della mancanza di pianificazione, che potrebbero portare alla noia.

Quali sono i soggetti maggiormente a rischio?

In linea di massima, le persone più soggette a vivere la fobia del tempo libero sono quelle che hanno più responsabilità o compiti quotidiani. Infatti, avendo la maggior parte della giornata occupata da impegni, quando vivono del tempo libero sentono la necessità di prendere il controllo della situazione e cercarne di nuovi.

Tuttavia, questo tipo di fobia può colpire qualsiasi tipo di persona, non è solo legato a dirigenti e manager, poiché può manifestarsi in tutte le aree e livelli.

Ecco 8 consigli per gestire l’oziofobia

Di seguito, 8 consigli utili per gestire al meglio l’oziofobia.

  • Identificare la causa delle quella paura.
  • Essere consapevoli del problema.
  • Esprimere le proprie emozioni.
  • Ridurre le aspettative e non generare aspettative elevate.
  • Mantenere tempi di riposo e non riempire i tempi liberi con attività.
  • Ridurre il ritmo, fare una pausa e rallentare.
  • Flessibilità e adattarsi ai cambiamenti con relativa facilità.
  • Ridurre al minimo la richiesta ed essere poco esigenti con se stessi.

Leggi anche: Sindrome da Burnout: cos’è, sintomi e come uscirne

Le cause dell'oziofobia
Fonte: Lazy_Bear by Envato

Oziofobia: malattia o disagio?

L’oziofobia non è definita come una vera e propria malattia. Si tratta infatti di un disagio che si manifesta con ansia, inquietudine, attacchi di panico, sensi di colpa e frustrazione. Questa condizione è conseguente principalmente ad un’ossessione per il lavoro e si traduce nell’impossibilità di staccarsi dai propri impegni ed obblighi.

Oziofobia e social media

L’ubiquità e l’onnipresenza determinata dai social media stanno, sempre di più, diffondendo tra i giovani e non l’illusione che possano portare a termine qualsiasi impegno in qualsiasi momenti, non lasciando spazio al tempo libero, alimentano così la necessità delle persone mantenere il tempo sempre occupato per programmare e progettare le loro attività, necessità che si traduce in stress e malessere.

Leggi anche: Che cos’è il Doomscrolling e come possiamo evitarlo

Annalisa Bencivenni
Dottoressa in comunicazione pubblica e d’impresa ed attualmente studentessa magistrale in organizzazione e marketing per la comunicazione d’impresa presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Appassionata di marketing e comunicazione, fa parte della redazione di Abilitychannel come tirocinante in copywriting.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.