Decreto Rilancio, 2 emendamenti per tutela dei lavoratori disabili

Nel Decreto Rilancio sono stati inseriti e depositati da alcuni gruppi parlamentari alla Camera due emendamenti che sono rivolti peculiarmente ai lavoratori disabili, e in particolare a chi ha una malattia rara.

La notizia è stata resa nota da FAVO (Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia), AIL (Associazione Italiana contro Leucemie uniformi e mieloma), FISH (Federazione Italiana del Superamento dell’Handicap) e UNIAMO Federazione Italiana Malattie Rare.

Decreto Rilancio: cosa dicono i 2 emendamenti rivolti ai lavoratori disabili?

Come sappiamo, il Decreto Rilancio è una delle prime misure adottate dal governo per contrastare gli effetti socio-lavorativi creati dal nuovo Coronavirus e dalla quarantena, che ci hanno costretto a riqualificare le nostre vite. Anche quelle delle persone disabili.

All’interno del decreto, sono previste diverse misure per le persone con disabilità, ma secondo le organizzazioni sopracitate qualcosa manca.

In particolare, come si legge nella nota stampa, vi sono “due rilevanti emendamenti presentati dalle stesse organizzazioni, espressione delle persone con disabilità ma anche di tanti lavoratori con malattie rare, esiti di patologie oncologiche, ematologiche e immunodepressione”.

Leggi anche: Lavoro per disabili: è online la piattaforma SuperJob

lavoratrice con disabilità prende un libro

Articolo 83: sorveglianza sanitaria

Uno degli emendamenti riguarda la sorveglianza sanitaria. Al momento, il Decreto Rilancio ne prevede l’aumento e l’indirizzo per i lavoratori in età avanzata e con quadri clinici a rischio. “L’intento è positivo – si legge nella nota -, ma il rischio è che quando viene sancita l’inidoneità temporanea rimanga nel frattempo privo di reddito o altre forme di sostegno”.

Per le organizzazioni, quindi, c’è una soluzione: il medico competente deve assumersi “come prescrizione la facoltà di adottare forme di smart-working“. Ma se c’è “l’effettiva inidoneità alla mansione non compensabile nemmeno con prescrizioni”, la valutazione del medico deve essere sufficiente per “equiparare l’assenza al ricovero ospedaliero e come tale retribuirla”.

lavoratore dal medico curante

Articoli 75 e 86: sostegni per lavoratori autonomi

L’altro emendamento del Decreto Rilancio, invece, riguarda il sostegno ai lavoratori autonomi.

“Dopo un contorto percorso – recita il comunicato – sono stati ammessi a quei sostegni anche i lavoratori autonomi ce percepiscono prestazioni (spesso irrisorie) di sostegno alla parziale invalidità. Il Legislatore ha però ammesso ai nuovi benefici solo i titolari di assegno di invalidità erogato in forza della legge 222/1984, lavoratori dipendenti e autonomi iscritti alla Gestione Separata (INPS)”

“Molti lavoratori autonomi – continua la nota – sono iscritti ad altre casse che prevedono forme simili all’assegno, ma lo chiamano in altro modo e discendono da altre norme. Se la norma fa riferimento solo all’assegno ex legge 222/1984 ma dimentica gli altri, crea disparità”.

Decreto Rilancio, le organizzazioni: “Speriamo che i 2 emendamenti non incontrino ostacoli”

Al momento, i due emendamenti sono stati depositati nel Decreto Rilancio, ora si aspetta la loro approvazione. “Ci auguriamo – concludono le organizzazioni – che entrambi gli emendamenti non incontrino sorprese od ostacoli nel loro percorso”.

Leggi anche: Emendamento Versace approvato al Decreto Rilancio: “5 milioni di euro per protesi e ausili ai disabili”

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato