Elezioni Europee 2024: programma Volt e proposte disabilità

Redazione:

Sabato 8 e domenica 9 giugno in Italia si apriranno le urne per le Elezioni Europee 2024, grazie alle quali sarà possibile eleggere il nuovo Parlamento europeo che, rispetto al 2019, ha 720 seggi (5 anni fa erano 705).

Al Bel paese sono stati assegnati 76 seggi, che dovranno essere assegnati proprio grazie a questa tornata elettorale, che prevede un sistema proporzionale, il voto di preferenza e una soglia di sbarramento al 4%.

In questo approfondimento scopriamo quali sono i candidati di Volt, il programma elettorale promosso e se ci sono proposte per le persone con disabilità, in particolare indirizzate alla difesa dei diritti delle persone disabili.

Elezioni Europee 2024: quali sono le proposte per la disabilità di Volt?

All’interno del proprio programma elettorale, Volt prevede una pagina dedicata proprio ai diritti delle persone con disabilità, elencando i seguenti punti:

  • Imporre agli altri Stati membri di ratificare il protocollo opzionale alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (CRPD) e creare un’Agenzia Europea per la Disabilità che garantisca l’attuazione armonizzata di questi diritti.
  • Abolire i regimi di protezione discriminatori come la tutela, che negano la capacità giuridica alle persone con disabilità, sostenendo l’attuazione di nuovi modelli decisionali assistiti (SDM).
  • Cessare immediatamente l’utilizzo dei fondi europei per finanziare la costruzione di nuovi istituti per disabili all’interno dell’UE e nei Paesi terzi.
  • Fare pressione sugli Stati membri affinché creino chiare tabelle di marcia per uscire dal modello istituzionale, mettendo a disposizione i servizi di assistenza personale necessari alle persone disabili per partecipare attivamente alla società.
  • Incorporare la CRPD come standard vincolante nel quadro giuridico dell’UE, riconoscendo i Commenti generali della CRPD come guida autorevole all’interpretazione, in linea con la risoluzione del 18 giugno 2020 sulla strategia europea per la disabilità post-2020, e consentire il suo riferimento diretto da parte dei cittadini europei con disabilità.

In aggiunta, in altre sezioni del programma, possiamo trovare le seguenti voci:

  • Sostenere lo sviluppo di un sistema educativo inclusivo e di alta qualità, che sia gratuito, accessibile e offra a ogni bambino l’opportunità di realizzare il proprio potenziale, anche fornendo un supporto educativo supplementare agli insegnanti e un sostegno sociale supplementare ai bambini con ogni tipo di disabilità.
  • Le persone con disabilità hanno bisogno di un’adeguata protezione giuridica, tra l’altro attraverso la proposta di una direttiva sulla e istituzionalizzazione che attui un piano a livello europeo per garantire una vita indipendente a coloro ai quali è stato diagnosticato un disturbo mentale o una disabilità dello sviluppo
  • Fornire procedure semplificate per evitare inutili ritardi e proteggere le persone in situazioni vulnerabili, compresi i minori (non accompagnati), le donne incinte e le persone con disabilità, che dovrebbero essere identificate durante la procedura di asilo, in particolare all’arrivo, e ricevere un sostegno adeguato. I tutori o assistenti appositamente formati devono essere disponibili per i minori non accompagnati richiedenti asilo non appena vengono identificati.
  • Mettere in atto iniziative di educazione degli elettori per garantire che siano ben informati sul processo elettorale, sui loro diritti e sulle responsabilità. Stabilire sistemi per aiutare tutti, comprese le persone con disabilità, a partecipare al processo democratico.
  • Rivedere la proposta di direttiva SLAPP, volta ad affrontare le azioni legali abusive che prendono di mira giornalisti e difensori dei diritti umani e garantire che contenga garanzie adeguate per proteggere gli individui e le organizzazioni che difendono i diritti fondamentali, compresi i diritti ambientali e climatici, i diritti delle donne, i diritti delle persone LGBTIQ, i diritti dei disabili, i diritti delle minoranze razziali o etniche, i diritti del lavoro e le libertà religiose.

Scopri anche gli altri programmi delle principali liste candidati alle prossime elezioni:

Leggi anche: Elezioni 2024, quanto guadagna un europarlamentare?

come votare in italia elezioni europee 2024

Chi sono i candidati di Volt alle Elezioni Europee 2024?

I candidati di Volt per le Elezioni Europee 2024 sono Silvia Panini e Marcello Saltarelli, entrambi votabili nella lista del Partito Democratico per la circoscrizione Nord-Est.

Leggi anche: Elezioni Europee 2024: elenco candidati italiani e partiti

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.