World Flags: guerrieri manga per i paesi a Tokyo 2020

Guerrieri manga raffiguranti tutte le nazioni in gara alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020. Si chiama World Flags ed è un’iniziativa personale di un gruppo di artisti giapponesi che ha trasformato i paesi partecipanti in guerrieri manga dai tratti particolarmente emozionanti. Personale in quanto non è collegata ufficialmente agli organizzatori dei Giochi che il prossimo anno si terranno in Giappone. “Abbiamo avviato questo progetto non ufficiale per presentare le bandiere del mondo e alcune informazioni sulle nazioni utilizzando abiti tradizionali giapponesi”, si legge sul sito ufficiale. E sì, c’è anche l’Italia.

World Flags paralimpiadi tokyo 2020

Guerrieri manga, ecco l’eroe italiano

Sguardo fiero e sicuro di sé, passo deciso e solido, postura dinamica, abbigliamento spettacolare e un enorme tricolore sulle spalle. Sì, anche l’Italia è tra i guerrieri manga pensati e realizzati da World Flags. La raffigurazione dell’eroe italiano è pressoché appassionante. Un’opera che suscita fierezza e sicurezza in ogni dove. Per celebrare questa e le altre figure disegnate da World Flags, è stato anche creato un hasthag dedicato: #worldflags_fa. Insomma, conoscere i dettagli delle bandiere mondiali non è più solo una prerogativa di Sheldon Cooper, ma un’iniziativa lodevole e artisticamente intrigante. C’è anche una sezione dedicata all’Italia, con tutte le informazioni basilari per amare il nostro tricolore.

World Flags paralimpiadi tokyo 2020

Il progetto è simpatico e accattivante, tuttavia gli atleti realizzati illustrano solo le persone normodotate. Quindi, nonostante il progetto si interfacci per i Giochi nella sua totalità (Olimpiadi e Paralimpiadi), l’assenza della raffigurazione di un atleta con disabilità pesa. Sarebbe auspicabile – e anche interessante – vedere la bandiera italiana (e non solo) rappresentata da un guerriero manga con disabilità. Una sfida non solo in nome dell’arte, ma anche per lanciare un messaggio d’integrazione sociale non indifferente.

World Flags paralimpiadi tokyo 2020

Se l’atleta con disabilità diventa manga

Messaggio d’inclusione sociale che, qualche tempo fa, è stato fortemente espresso dalla combinazione tra l’artista Michel Borges e l’azienda Ottobock do Brasil. Le due compagini, infatti, hanno realizzato una nuova protesi della gamba destra di Daniel Dias, atleta disabile brasiliano specializzato nel nuoto. La particolarità? Sopra all’ausilio è stato disegnato lo stesso Dias con le caratteristiche tipiche dell’arte del Sol Levante. Un oggetto che “mi ha immerso ancora di più nel clima delle Paralimpiadi di Tokyo 2020”, come ha scritto su Facebook il campione olimpico.

daniel dias-protesi manga-protesi manga daniel dias-protesi daniel dias-manga daniel dias-paralimpiadi tokyo 2020-paralimpiadi 2020-ability channel

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.