Tokyo 2020, c’è il rischio della cancellazione definitiva?

Tempo di lettura: 10 min.

Mentre diversi paesi nel mondo hanno ormai preso la strada della Fase 2, nella giornata del 28 aprile 2020 è rimbalzata un po’ ovunque una notizia riguardo alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020.

In un’intervista al quotidiano sportivo giapponese Nikkan Sports, infatti, il presidente dei Giochi Yoshiro Mori ha affermato che, nel caso in cui la pandemia da Coronavirus non sarà sotto controllo nemmeno il prossimo anno, “le Olimpiadi verranno demolite” (RTE).

Tokyo 2020: nessuna decisione ufficiale

Al momento, come accaduto in passato, si trattano solo di ipotesi, non ci sono decisioni ufficiali sulla cancellazione delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi. Semplicemente, Mori ha avvertito che, se la pandemia non sarà sotto controllo nel 2021, i Giochi olimpici e paralimpici potrebbero non avere luogo (Gazzetta dello Sport).

Tuttavia, il presidente del comitato organizzatore ha aggiunto che crede ancora nella possibilità di debellare il nuovo Coronavirus. “Dopo che il mondo avrà vinto il virus – spiega -, se si realizzeranno le Olimpiadi, sarà un torneo che è molte volte più prezioso dei precedenti. Altrimenti, il nostro duro lavoro e i nostri sforzi non saranno premiati” (Nikkan).

Yoshiro Mori
Yoshiro Mori (Fonte foto: english.kyodonews.net)

Presidente CIO: “Tokyo 2020 non oltre il 2021”

Le parole di Miro si allineano a quelle pronunciate qualche giorno prima (13 aprile 2020) dal presidente del Comitato Internazionale Olimpico Thomas Bach.

In un’intervista al Die Welt, di fatto, ha dichiarato che “il Giappone non potrebbe gestire un rinvio oltre la prossima estate (del 2021, ndr). È un’impresa mastodontica, sia per il Comitato Organizzatore che per il Paese nel suo insieme. Non esiste un progetto per il rinvio”.

Tokyo 2020, cosa dice la Japan Medical Association

Lo ribadiamo: al momento, non ci sono decisioni ufficiali. Sono solo ipotesi che, ovviamente, nascono dai dubbi su come i vari Paesi partecipanti alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020 (denominazione ufficiale anche se si svolgeranno nel 2021) gestiranno la pandemia da COVID-19 nei prossimi mesi.

Per questo motivo, anche la Japan Medical Association ha predicato cautela. Il presidente Yoshitake Yokokura, infatti, ha specificato che, senza l’esistenza di un vaccino e di un controllo del virus in Giappone, sarebbe “difficile” (The Guardian) far disputare Olimpiadi e Paralimpiadi.

atleta guarda pista dagli spalti

Coates: “Tokyo 2021? Problemi seri per il suo svolgimento”

A gettare ulteriore preoccupazione sul tema è John Coates, membro del Comitato olimpico internazionale: esistono, di fatto, “problemi reali” che potrebbero compromettere la realizzazione dei prossimo Giochi.

Olimpiadi e Paralimpiadi, a detta di Coates, potranno svolgersi solo nel 2021, in quanto “non possiamo rimandarle di nuovo” (Rainews). Il rischio ulteriore, poi, riguarda anche il tempo di diffusione del vaccino: i Giochi potrebbero saltare anche se “non avremo abbastanza tempo per condividerlo in tutto il mondo” (Rainews).

Tokyo 2020 diventa un caso politico

Come se non bastasse, stavolta è la politica locale a mettere altra benzina sul fuoco. Lo scorso 15 giugno, il candidato Governatore di Tokyo Taro Yamamoto ha promesso di cancellare i Giochi nel caso in cui venisse eletto il prossimo anno (Ansa).

Secondo Yamamoto, il Coronavirus non sarà controllabile nemmeno nel 2021, e quindi Olimpiadi e Paralimpiadi andrebbero cancellate.

Taro Yamamoto è il leader del partito di oppozione Reiwa Shinsengumi e, al momento, non è dato favorito per l’elezione a Governatore, carica per la quale si prevede la rielezione di Yuriko Koike.

atleta

Quando si terranno le Olimpiadi di Tokyo 2020?

Come abbiamo alla fine di marzo, le prossime Olimpiadi si terranno dal 23 luglio all’8 agosto 2021.

Quando si terranno le Paralimpiadi di Tokyo 2020?

Le prossime Paralimpiadi, invece, avranno luogo dal 24 agosto al 4 settembre 2021. Tra l’altro, sempre a Nikkan, Mori ha raccontato che, prima del rinvio, il tema dei Giochi “era la ‘simbiosi’ che rimuove la barriera con le persone disabili”.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.