Screening Neonatale, i primi risultati del progetto pilota sulla SMA

Tempo di lettura: 10 min.
Come già anticipato, Lazio e Toscana sono le Regioni italiane protagoniste del progetto pilota sullo Screening Neonatale per la SMA. Durante un convegno del 10 dicembre 2019, tenutosi all’Auditorium del Ministero della Salute a Roma, sono stati anche snocciolati i primi risultati ottenuti dalla sperimentazione dell’iniziativa del test di prevenzione.

Screening Neonatale e SMA, i dati raccolti

La situazione attuale del progetto pilota Screening Neonatale e SMA racconta un quadro positivo per le regioni coinvolte nell’iniziativa. In particolare nel Lazio, visto che la Toscana si sta adeguando giorno dopo giorno a poter effettivamente tagliare i nastri di partenza del piano quanto prima.

La ‘storia clinica’ della proposta è iniziata il 15 marzo 2019, con l’arruolamento del primo neonato dall’Ospedale Gemelli di Roma. La data ufficiale di avvio del progetto, invece, è datata 5 settembre 2019, con il reclutamento del primo neonato nel Lazio. Dopo ormai 4 mesi dalla messa in funzione, ecco i dati ricavati:

  • 94% centri nascita partiti;
  • 8000 neonati analizzati;
  • 90% compliance delle famiglie;
  • tempi di risposta: 4-10 giorni di età per i neonati sani;
  • 28 famiglie su 6596 (0,4%) non vuole sapere il risultato dello Screening Neonatale.

Famiglie SMA: “La diagnosi diventa un salvavita, non una condanna”

Sostanzialmente, quindi, il progetto ha raccolto solo conseguenze positive. “Lo Screening Neonatale per l’Atrofia Muscolare Spinale – si legge in una nota – è una svolta storica: non sarà più una condanna ma un salvavita“. Anche perché “il test genetico (volontario e gratuito) ha registrato un’ottima adesione e a oggi sono state oltre 7mila i neonati sottoposti allo screening. A regime, con l’adesione della Toscana, l’obiettivo è raggiungere 140 mila neonati in due anni”.

Di fatto, il progetto pilota sta ottenendo ottimi risultati in quanto “permette di avere con certezza la diagnosi della malattia quando ancora non ha fatto il suo esordio e quindi prima che produca gravi danni e irreversibili. In caso positivo, il bambino potrà essere immediatamente trattato per ottenere uno sviluppo normale simile a quello dei coetanei sani”. E chi ha percorso questa strada, ne ha trovato giovamento. “Tutti i pazienti inclusi nel trial risultano sopravvissuti a un’età media di 34,8 mesi e hanno acquisito la capacità di sedersi autonomamente. L’88% di loro riesce addirittura a camminare senza aver bisogno di assistenza”.

La speranza, ora, è ottenere un decreto che ampli a livello nazionale questo progetto, evitando che si creino microprogetti isolati in tutta Italia.

infografica sma e screening neonatale

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.