Orbite Sonore: “Siamo un collettivo musicale con normodotati e disabili”

Musica e disabilità, un binomio che intercorre non solo quando si è spettatori, ma anche quando si è artisti. È il caso di Orbite Sonore, un collettivo composto da numerose persone disabili e normodotate che, assieme, condividono l’amore e la passione per la musica.

Orbite Sonore: “Nel nostro gruppo c’è integrazione”

Marco Olivieri è il tastierista della band e, al telefono, ci racconta la storia di questa iniziativa artistica: “Siamo nati nel 2016, è iniziato tutto un po’ lentamente. Abbiamo cominciato a lavorare seriamente dall’aprile 2019”.

Un incipit che vale la pena di approfondire, in quanto Orbite Sonore si erge come baluardo significativo per il concetto di inclusione e integrazione tra persone disabili e normodotate.

Ci parli del progetto di Orbite Sonore?

“Il fondatore è Domenico Cataldo, un chitarrista di Como. Poi si è aggiunta Morhena, e insieme hanno cominciato a mettere su un gruppo su Whatsapp. Io sono subentrato più tardi. L’intento del progetto è riunire diversi musicisti, soprattutto con disabilità visiva: ci sono ciechi e ipovedenti. Ma c’è anche l’obiettivo dell’inclusione: da noi suonano musicisti vedenti. C’è integrazione”.

“Suoniamo insieme un repertorio di canzoni, sia originali sia classiconi. Non è una roba particolarmente sperimentale, ma la questione interessante è che veniamo da varie parti d’Italia, anche se lo zoccolo duro è lombardo. Avevamo l’intenzione di suonare dal vivo, c’erano in programma dei concerti, solo che il nuovo Coronavirus ci ha fermato. Ma ricominceremo”.

Ciò che stupisce è la facilità dell’arte di unire insieme persone diverse. Perché non si traduce anche nella società, nonostante la musica sia un espediente culturale molto forte?

“La musica è certamente un grande collante. Tra l’altro, nel nostro gruppo ci sono anche musicisti professionisti. Per l’integrazione con la società, è più complesso. La categoria dei ciechi è abbastanza integrata, anche se risente dell’individualismo. Quando uno ha questo tipo di disabilità, l’individualismo si può tradurre in un isolamento”.

“Per un cieco, stare in società significa avere una spinta maggiore, ci sono alcuni ostacoli da superare. L’individualismo, spesso, può diventare anche incapacità di relazionarsi. Questo si vede nella musica: abbiamo alcuni musicisti che devono crescere sotto questo aspetto. Quando sei in un gruppo, è importante suonare bene e parlare con gli altri strumentisti. Per questo è importante lavorare assieme: quelli che hanno più esperienza possono dare il buon esempio”.

Orbite Sonore in studio di registrazione

I concerti in estate non si faranno, la Fase 2 è decisamente incerta per chi lavora con la musica. Come andrà avanti Orbite Sonore nel futuro?

“Stiamo provando a fare registrazioni a distanza. I live sono saltati, probabilmente finiranno al prossimo anno. Quindi, intanto, si va avanti con questo espediente, oltre a registrare video a distanza. Cercheremo di avere una presenze sui social e vedremo cosa succede. Questo periodo è anche di scrematura: chi crede realmente nel nostro collettivo, si vede. Non auspico alla scrematura, ma è comunque una fase interessante”.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato