test

Transaminasi GPT: cosa sono e come abbassare i valori

Redazione:

Le transaminasi GPT e GOT sono enzimi localizzati principalmente nel cuore e nel fegato. Se la cellula è intatta, gli enzimi rimangono all’interno ma in caso di fenomeno infiammatorio causato da virus o da tossici in genere, si può determinare un’alterazione della permeabilità della membrana cellulare o addirittura la distruzione della cellula con liberazione di transaminasi gpt e got all’esterno nel torrente sanguigno, con conseguente aumento dei loro livelli.

Transaminasi GPT: cos’è e come funzionano 

Le transaminasi GPT (o ALT, acronimo di Alanina aminotransferasi) sono un enzima presente principalmente nel fegato, ma anche in altri tessuti come cuore e muscoli scheletrici. La loro funzione principale è quella di catalizzare la conversione dell’amminoacido alanina in acido piruvico, durante il metabolismo degli aminoacidi.

In pratica, le transaminasi GPT sono coinvolte nel processo di produzione di energia all’interno delle cellule. Convertono l’alanina in acido piruvico, che può essere utilizzato per la produzione di energia cellulare.

Le transaminasi GPT sono importanti anche perché il loro livello nel sangue può essere un indicatore di eventuali problemi al fegato o ad altri tessuti che le producono. In particolare, un aumento dei livelli di Transaminasi GPT nel sangue può essere indicativo di danno al fegato, ad esempio a seguito di malattie come l’epatite virale, la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) o la cirrosi.

Per questo motivo, il dosaggio delle Transaminasi GPT è un test di laboratorio comune per valutare la salute del fegato. Altri test importanti per le Transaminasi GOT e per la bilirubina. Bisogna sottolineare che un aumento dei livelli di Transaminasi GPT non è sempre indicativo di problemi al fegato, ma può dipendere anche da altre cause come l’assunzione di farmaci o l’attività fisica intensa.

Valori delle transaminasi GPT: cosa significano e come interpretarli

I valori normali delle Transaminasi GPT nel sangue possono variare leggermente a seconda del laboratorio che effettua l’analisi, ma solitamente si considera che i valori normali siano tra 10 e 40 unità per litro (U/L) per gli uomini e tra 7 e 35 U/L per le donne. Tuttavia, è importante sottolineare che i valori di riferimento possono variare anche in base all’età, alla presenza di altre patologie o all’assunzione di determinati farmaci.

Se i valori delle Transaminasi GPT sono superiori a quelli normali, questo può indicare la presenza di un danno al fegato o ad altri tessuti che producono l’enzima. In particolare, se i valori GPT sono superiori a tre volte il valore di riferimento indica un danno significativo al fegato.

Ad ogni modo è importante tenere presente che un aumento dei valori delle Transaminasi GPT non è sempre indicativo di una malattia al fegato. Può essere causato anche da altre condizioni, come l’assunzione di farmaci o integratori, l’attività fisica intensa o alcune patologie muscolari.

Leggi anche: AST o aspartato transaminasi: a cosa serve questo enzima

transaminasi GPT GOT
By choreograph da Envato Elements

Le cause dell’aumento delle transaminasi GPT 

L’aumento delle Transaminasi GPT nel sangue può essere causato da diversi fattori, tra cui:

  1. Malattie del fegato: patologie come l’epatite virale, la steatosi epatica non alcolica (NAFLD), la cirrosi, l’epatite autoimmune e l’epatite alcolica possono causare un aumento dei livelli di Transaminasi GPT nel sangue.
  2. Farmaci e sostanze: alcuni farmaci possono causare un aumento dei livelli di Transaminasi GPT nel sangue, come ad esempio i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), alcuni antibiotici e antiepilettici. Anche l’abuso di alcol, droghe e sostanze psicoattive può causare un aumento dei livelli di Transaminasi GPT.
  3. Patologie muscolari: alcune malattie muscolari come la distrofia muscolare e la miopatia possono causare un aumento dei livelli di Transaminasi GPT.
  4. Sovrappeso e obesità: l’obesità e il sovrappeso sono spesso associati alla steatosi epatica non alcolica (NAFLD), che può causare un aumento dei livelli di Transaminasi GPT.

Malattie del fegato e Transaminasi GPT: come riconoscere i sintomi

Le malattie del fegato possono manifestarsi con sintomi variabili, ma in alcuni casi possono essere asintomatiche e di difficile diagnosi. Tuttavia, la presenza di valori anomali di Transaminasi GPT nel sangue può essere un segnale di allarme che indica un possibile danno al fegato. Ecco alcuni sintomi che possono indicare la presenza di una malattia del fegato:

  • Affaticamento e debolezza: la sensazione di stanchezza e di debolezza può essere un sintomo comune nelle malattie del fegato
  • Dolore addominale: il dolore addominale può essere causato da diverse patologie del fegato, come ad esempio l’epatite virale e la cirrosi
  • Nausea e vomito: la nausea e il vomito possono essere sintomi comuni in diverse malattie del fegato
  • Prurito: il prurito può essere causato da alcune patologie epatiche, come ad esempio la colestasi
  • Alterazioni dell’appetito: la perdita o l’aumento dell’appetito possono essere sintomi di diverse patologie del fegato
  • Ictus: la colorazione giallastra della pelle e degli occhi (ittero) può essere un sintomo di malattie del fegato
  • Aumento dell’addome: l’aumento del volume dell’addome può essere un sintomo di ascite, una condizione caratterizzata dall’accumulo di liquidi all’interno dell’addome
analisi del sangue e delle urine e transaminasi gpt

Come abbassare i valori delle Transaminasi GPT in modo naturale

Le transaminasi GPT (o ALT) sono un enzima presente principalmente nel fegato e nei tessuti muscolari. Valori elevati di transaminasi GPT possono indicare un danno al fegato o ad altri organi. Per abbassare i valori GPT in modo naturale è importante adottare uno stile di vita sano e attenersi a una dieta equilibrata.

Consigli per abbassare le transaminasi

  • Ridurre l’assunzione di alcol: l’alcol è una delle principali cause di danno al fegato e può aumentare i livelli di transaminasi GPT. Ridurre o eliminare l’assunzione di alcol può aiutare a migliorare la salute del fegato e ridurre i livelli di GPT
  • Seguire una dieta equilibrata: una dieta equilibrata e ricca di frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre può aiutare a migliorare la salute del fegato e ridurre i livelli di GPT. Evitare cibi ricchi di grassi saturi e zuccheri aggiunti, in quanto possono contribuire al danno al fegato
  • Mantenere un peso sano: l’obesità è spesso associata a un aumento dei livelli di transaminasi GPT. Mantenere un peso sano attraverso una dieta sana ed esercizio fisico regolare può aiutare a ridurre i livelli di GPT
  • Fare esercizio fisico regolarmente: l’esercizio fisico regolare può aiutare a migliorare la salute del fegato e ridurre i livelli di transaminasi GPT. Si consiglia di fare almeno 30 minuti di attività fisica al giorno, come camminare, correre, nuotare o fare yoga
  • Assumere integratori naturali: alcuni integratori naturali come il cardo mariano, il curcuma e il tè verde possono aiutare a migliorare la salute del fegato e ridurre i livelli di transaminasi GPT. Tuttavia, è importante parlare con il medico prima di assumere qualsiasi integratore
  • Evitare il fumo: il fumo di sigaretta può aumentare il danno al fegato e i livelli di transaminasi GPT. Smettere di fumare o evitare di iniziare può aiutare a migliorare la salute del fegato e ridurre i livelli di GPT

I valori normali delle transaminasi

  • la glutammato-ossalacetato transaminasi, GOT, detta anche per aspartato-aminotransferasi (AST) i valori per gli uomini variano fra 10 e 45 UI/l, per le donne fra 5 e 31.
  • la glutammato-piruvato transaminasi, GPT, detta ancheper alanina-aminotransferasi (ALT) i valori per gli uomini variano fra 10 e 43 UI/l, per le donne fra 5 e 36.

Il rapporto tra le transaminasi GPT e GOT

Il rapporto tra le transaminasi gpt e got è molto importante. Generalmente viene indicata una lesione di tipo cardiologico come un infarto del miocardio o un’alterazione a livello muscolare quando siamo di fronte ad un aumento prevalente delle GOT o AST rispetto alle GPT o ALT. Quando il fegato non funziona correttamente, si evidenzierà un innalzamento delle GPT o ALT e in modo meno elevato un aumento delle GOT o AST.

Considerato i vari motivi per cui possiamo avere un innalzamento dei valori di gpt e got, non è il caso di allarmarsi immediatamente appena si osservano le transaminasi alte, ma è preferibile prima ripetere l’esame e, solo successivamente, se ancora alte, indagare meglio, su consiglio del medico.

Transaminasi e Epatite C

Questi enzimi sono presenti principalmente nel fegato e nei tessuti muscolari. I livelli di GPT possono aumentare quando il fegato è danneggiato o infiammato. L’epatite C è una delle cause più comuni di danni al fegato e può portare ad un aumento dei livelli di GPT.

L’epatite C è un’infezione virale che colpisce il fegato. La maggior parte delle persone infette dall’epatite C non presenta sintomi evidenti. L”infezione ad ogni modo può portare a danni al fegato a lungo termine. Se non viene trattata, l’epatite C può causare cicatrici (fibrosi) nel fegato e portare a cirrosi epatica e cancro al fegato.

Quando il fegato viene danneggiato dall’epatite C, i livelli di transaminasi GPT possono aumentare. Tuttavia, i livelli di GPT possono essere normali anche se il fegato è gravemente danneggiato. Per questo motivo, i medici utilizzano altri test, come la biopsia epatica, per valutare la gravità del danno al fegato causato dall’epatite C.

Come si cura l’epatite C

L’epatite C è una malattia virale che colpisce il fegato e può causare danni progressivi al fegato nel tempo. Ecco alcune opzioni di trattamento per l’epatite C:

  1. Terapia farmacologica: L’epatite C può essere trattata con farmaci antivirali a base di interferone, ribavirina e altri farmaci antivirali di ultima generazione chiamati inibitori delle proteasi. Questi farmaci sono prescritti in base al genotipo del virus dell’epatite C e alla gravità della malattia.
  2. Trapianto di fegato: In casi estremi di danno al fegato causato dall’epatite C, un trapianto di fegato può essere considerato come opzione di trattamento. Tuttavia, poiché l’epatite C può infettare il nuovo fegato trapiantato, spesso i pazienti vengono sottoposti a terapia antivirale prima e dopo il trapianto per prevenire la reinfezione del nuovo fegato.
  3. Modifiche dello stile di vita: Una buona igiene personale, l’evitamento dell’uso di droghe iniettabili, l’evitamento del consumo di alcol e una dieta sana ed equilibrata possono aiutare a migliorare la salute del fegato.

Leggi anche: Dieta per Transaminasi alte (gpt): ecco cosa fare

Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato