Free Porn
xbporn

Pensione caregiver 2024: come funziona e chi ne ha diritto

Redazione:

Per chi attende informazioni sulla pensione caregiver 2024, sono giorni di attesa trepidante. La Legge di Bilancio 2024, che deve ricevere l’approvazione definitiva da entrambe le Camere del nostro Parlamento entro la fine dell’anno, sta procedendo nel suo iter legislativo. Una parte significativa di questa legge si concentra sulle pensioni. Un tema di fondamentale importanza per il nostro Paese anche in rapporto alla crescente anzianità della popolazione.

Quota 103: come cambia l’età pensionabile per i caregiver

Anche nel 2023 è stata confermata la Quota 103 è confermata. Questa consente l’accesso anticipato alla pensione a condizione di soddisfare due requisiti minimi contemporaneamente: 62 anni di età anagrafica e 41 anni di contributi versati. Tuttavia, la Legge di Bilancio prevede alcuni aggiustamenti.

Il periodo di tempo tra il raggiungimento dei requisiti e il ritiro effettivo dal lavoro è esteso da 3 mesi a 7 mesi per i lavoratori privati e da 6 mesi a 9 mesi per quelli pubblici. Questo significa che nel 2024 solo coloro che compiono 62 anni entro maggio (privati) o marzo (pubblici) potranno andare in pensione, limitando notevolmente chi può beneficiarne. Inoltre viene introdotto un divieto di accumulo con altri redditi da lavoro superiori a 5.000 euro.

A quanto ammonta l’assegno di Quota 103

L’importo dell’assegno pensionistico subisce una penalizzazione poiché sarà calcolato con il metodo contributivo anche per gli anni di contribuzione precedenti al 1996. L’importo massimo della pensione non può superare i 2.250 euro al mese fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia (attualmente 67 anni).

Chi decide di rimanere al lavoro anche se potrebbe usufruire della pensione anticipata può ottenere il bonus Maroni. Questo rappresenta la parte dei contributi a carico del lavoratore versata dal datore di lavoro direttamente al lavoratore anziché all’INPS. Le finestre temporali più ampie e l’uso del calcolo contributivo rendono Quota 103 meno conveniente e più complessa per il 2024 rispetto all’anno precedente.

Leggi anche: Esiste una legge che riconosce il caregiver in Italia?

requisiti importi pensione caregiver 2024
By wirestock da envato elements

Pensione caregiver 2024 e Ape Sociale

L’anticipo pensionistico noto come APE sociale è prorogato per il 2024 e riservato a individui in situazioni di disagio, tra cui disoccupati, caregiver di familiari disabili, persone con un’invalidità pari o superiore al 74%, e lavoratori impegnati in occupazioni pesanti come operai edili, badanti, autisti di mezzi pesanti, insegnanti d’asilo o infermieri ospedalieri. Tuttavia, per il 2024, l’accesso all’APE sociale è possibile solo a 65 anni e 5 mesi di età, con 36 anni di contributi.

L’assegno viene erogato fino a quando si raggiunge l’età stabilita per la pensione da anzianità o si soddisfano i criteri per la pensione anticipata, ed è:

  • Se l’importo della pensione è inferiore a 1.500 euro al momento dell’accesso alla prestazione, l’indennità sarà uguale alla rata mensile di pensione calcolata all’accesso.
  • Se l’importo della pensione è pari o superiore a 1.500 euro al momento del calcolo, l’indennità sarà di 1500 euro.

L’importo dell’indennità non sarà rivalutato durante il periodo di percezione.

A quali lavoratori è rivolto l’Ape Sociale

Possono richiedere l’Ape Sociale i lavoratori dipendenti pubblici e privati, lavoratori autonomi e lavoratori iscritti alla gestione separata (eccetto casse previdenziali private). Si applica alle seguenti quattro condizioni:

  1. Disoccupati con almeno 30 anni di contributi, inclusi i lavoratori a contratto a termine, a condizione che nei tre anni precedenti la cessazione abbiano svolto lavoro dipendente per almeno 18 mesi.
  2. Lavoratori che assistono il coniuge o un parente di primo o secondo grado convivente (genitore, figlio) con grave handicap da almeno sei mesi al momento della richiesta e con 30 anni di contributi versati (pensione caregiver)
  3. Invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%, con 30 anni di contributi versati.
  4. Lavoratori dipendenti con 36 anni di contributi versati, che abbiano svolto, per almeno sei anni in via continuativa fino al 31.12.2017 o per almeno sette anni se si accede dal 2018, un lavoro pesante o gravoso elencato nell’allegato alla legge di bilancio 2022. Dal 2022, questa condizione si applica anche ai lavoratori edili e della ceramica, per i quali sono sufficienti 32 anni.

Il calcolo dei sei anni può includere periodi di sospensione fino a un totale di 12 mesi e può essere calcolato considerando gli ultimi sette anni di vita lavorativa.

Ape Sociale: quali sono i requisiti necessari

  • Avere almeno 63 anni di età al momento della richiesta.
  • Possedere l’anzianità contributiva richiesta per la categoria specifica.
  • Non essere beneficiari di alcuna pensione diretta.
  • Cessare qualsiasi attività lavorativa, tranne che per redditi minimi.

L’indennità viene erogata ogni mese per 12 mensilità all’anno, fino all’età della pensione di vecchiaia (67 anni nel 2021). La pensione caregiver (indennità l’Ape Sociale 2024) non è compatibile con l’indennità di disoccupazione involontaria, l’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale, il reddito di emergenza Covid e l’indennità ISCRO.

Tuttavia, è compatibile con l’assegno sociale purché i redditi non superino determinate soglie annuali. È anche compatibile con l’attività lavorativa, ma i redditi derivati da questa attività devono rispettare limiti specifici.

Pensione caregiver: come richiedere l’APE sociale

Prima di avanzare con la richiesta formale per ottenere l’indennità Ape sociale, è fondamentale attraversare il processo di certificazione del diritto a ricevere questa prestazione. Affinché l’INPS possa rilasciare tale certificazione, il richiedente deve seguire le disposizioni delineate nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 88/2017, precisamente negli articoli 4, 5, 6, 7 e 11. Questi step includono:

  1. Presentare una domanda per valutare se si soddisfano le condizioni necessarie per avere diritto alla pensione caregiver prevista dall’Ape Sociale
  2. Presentare una dichiarazione personale conformemente all’articolo 47 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000, in cui si attesti di possedere i requisiti anagrafici, contributivi e soggettivi al momento della richiesta o, in alternativa, entro il 31 dicembre dell’anno corrente
  3. Allegare la documentazione specifica richiesta per dimostrare il possesso dei requisiti soggettivi stabiliti nell’articolo 5 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 88/2017. Il tipo di documentazione richiesta può variare a seconda della categoria di appartenenza, ad esempio, potrebbe comprendere il verbale emesso dall’ASL che certifica un’invalidità civile pari o superiore al 74%

Una volta soddisfatti tutti i requisiti, l’indennità Ape Sociale avrà inizio dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda per il trattamento. Questo avverrà solo dopo aver cessato l’attività lavorativa, che può essere di tipo dipendente, autonomo o parasubordinato, sia in Italia che all’estero.

Pensione caregiver: domanda di presentazione all’Inps

Le condizioni per accedere all’Ape sociale devono essere state soddisfatte già al momento della presentazione della domanda di certificazione dei requisiti, con l’eccezione del requisito anagrafico, dell’anzianità contributiva, della conclusione della prestazione per la disoccupazione e del periodo di svolgimento dell’attività lavorativa gravosa in via continuativa; tutti questi requisiti, comunque, devono essere soddisfatti entro la fine dell’anno in corso al momento della presentazione della domanda.

Leggi anche: Stress del caregiver: che cos’è, come gestirlo e come superarlo

Angelo Dino Surano
Giornalista, addetto stampa e web copywriter con una passione particolare per le storie di successo. Esperto in scrittura vincente e comunicazione digitale, è innamorato della parola e delle sue innumerevoli sfaccettature dal 1983. La vita gli ha messo davanti sfide titaniche e lui ha risposto con le sue armi più potenti: resilienza e spirito di abnegazione. Secondo la sua forma mentis, il contenuto migliore è quello che deve ancora scrivere.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato