test

Elezioni politiche 2022 e disabilità, FISH: “Ecco il nostro appello ai partiti”

Redazione:

La speranza è che, durante le elezioni politiche 2022, si parli anche di disabilità (qui la nostra guida con le proposte dei partiti sul tema). O almeno, è ciò che si augura la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap.

“È nostra intenzione capire come le diverse forze politiche vorranno approcciarsi durante la prossima legislatura al tema della disabilità – spiega in una nota stampa il presidente FISH Vincenzo Falabella – e, allo stesso tempo, vogliamo obbligare chi andrà al governo del Paese a combattere l’abbandono, bandire la segregazione, dare concretezza all’uguaglianza delle opportunità e all’inclusione sociale delle persone con disabilità”.

Per questo motivo, il presidente FISH si augura che questa campagna elettorale non sia contrassegnata solo da “semplici spot elettorali”, ma crei “un vero e proprio contratto che le forze politiche dovranno sottoscrivere con la Federazione e di conseguenza con l’intero movimento associativo delle persone con disabilità e con le loro famiglie”.

Leggi anche: Come si vota e come funziona il Rosatellum?

elezioni politiche 2022 disabilità
By NomadSoul1 da Envato Elements

Elezioni politiche e disabilità, i suggerimenti della FISH ai partiti

E a tal proposito, il presidente Falabella ha annunciato la pubblicazione di un documento “appello” programmatico alle forze politiche in corsa alle prossime elezioni politiche 2022, che presenta numerose proposte dedicate alla disabilità.

Tale testo, dal titolo “Le politiche future per la disabilità. Un nuovo welfare per tutti. Diritti, Inclusione Sociale e Pari Opportunità“, elenca quelle che, secondo la FISH, sono le misure più urgenti da seguire in materia di disabilità. Ad esempio:

  • ancoraggio ai paradigmi della Convezione Onu sui diritti delle persone con disabilità;
  • attuazione dei decreti applicativi della Legge 227 del 2021, la Legge delega sulla disabilità;
  • definizione di piani nazionali per avviare processi di deistituzionalizzazione e di contrasto a ogni forma di segregazione con sostegni alla vita autonoma, indipendente e alla domiciliarità;
  • riordino complessivo delle provvidenze economiche con relativo innalzamento e adeguamento delle pensioni di invalidità;
  • riconoscimento del ruolo di cura dei caregiver familiari attraverso adeguati sostegni sia di natura economica che previdenziale;
  • rivisitazione e aggiornamento dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza Sanitari);
  • definizione e adozione dei LEPS (Livelli Essenziali di Prestazione Sociali);
  • definizione di percorsi di concreta inclusione nel mondo del lavoro;
  • garanzia del pieno godimento del diritto ai percorsi di inclusione scolastica;
  • garanzia all’accesso alle cure e alla salute in condizione di sicurezza ed agibilità anche rispetto alle diverse disabilità;
  • garanzia dell’esigibilità del Diritto alla mobilità;
  • garanzia del diritto all’accessibilità anche delle ICT (Tecnologie dell’informazione e della Comunicazione);
  • garanzia e l’adeguata protezione delle persone con disabilità nelle catastrofi naturali e pandemiche.

“Nonostante le leggi e i riferimenti teorici ci siano – sottolinea Falabella -, la realtà è tutta diversa: la disabilità è tutelata solo a parole, perché la politica non sa concretamente sostenerla. E non si impegna a farlo, come dimostra anche l’attuale campagna elettorale in cui, fino a questo momento, il tema non è proprio entrato, o quantomeno non si è sentito nessun leader politico parlare di disabilità e delle azioni da perseguire qualora andranno a governare il nostro paese”.

Per questi motivi è nata l’esigenza della redazione di un appello programmatico in vista delle elezioni politiche 2022. “Queste richieste – conclude il presidente FISH – comportano una sostanziale riforma dell’attuale sistema di welfare che è attualmente basato principalmente sul sistema di protezione e che dovrà essere profondamente modificato, invece, nella direzione di un nuovo modello basato sui diritti umani, civili e sociali”.

Leggi anche: Voto assistito, a domicilio o ai seggi: guida per le persone con disabilità

quando si vota elezioni politiche 2022
By wanaktek da Envato Elements

Elezioni politiche 2022: quando si voterà?

A causa della crisi di governo innescata antecedentemente la fine della legislatura dell’esecutivo Draghi – prevista per marzo 2023 -, gli italiani sono chiamati nuovamente alle urne per formare il nuovo Parlamento. Stavolta però ci sarà una grossa novità portata avanti dal risultato della riforma del taglio dei parlamentari del settembre 2020: il prossimo parlamento infatti sarà composto da 200 senatori e 400 deputati. Dunque, per le elezioni politiche 2022 si voterà domenica 25 settembre 2022.

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato