Albert Einstein era autistico?

Spesso si asserisce che Albert Einstein fosse autistico: si tratta di una certezza oppure di una semplice diceria? Abbiamo provato a indagare sulle informazioni attualmente in circolo, e possiamo affermare che ciò che viene messo in relazione con il famoso fisico tedesco non è l’autismo, bensì la Sindrome di Asperger.

Einstein era autistico o aspie?

Einstein non era autistico, tuttavia sono state diffuse diverse teorie secondo cui si crede che il padre della teoria della relatività avrebbe mostrato fin dalla tenera età comportamenti tipici delle persone con Asperger. In particolare, secondo il Policlinico di Milano che parla anche di Isaac Newton, Einstein sarebbe stato descritto come un bambino “solo e sognante” che “non ha mai avuto realmente bisogno di contatti umani”.

Si trattano di caratteristiche abbastanza tipiche del comportamento degli Aspie (le persone con Asperger), tra cui troviamo anche un diverso sviluppo cognitivo e la difficoltà di avere relazioni sociali. Si ipotizza inoltre che Einstein avesse anche un ossessivo interesse per un singolo argomento, e quindi uno dei tratti peculiari per definirlo come individuo con la Sindrome di Asperger.

albert einstein con asperger

Einstein era autistico o dislessico?

Infine, i segni sopra elencati hanno portato anche alla nascita del dibattito secondo cui Albert Einstein fosse un individuo dislessico. Anche in questo caso, però, non abbiamo conferme ufficiali, come una diagnosi medica. Gli unici dettagli a sostegno di questa tesi sono la sua insofferenza verso l’approccio del sistema scolastico dei suoi tempi e alcune testimonianze secondo cui avrebbe iniziato a parlare molto tardi (a 3/4 anni dalla nascita).

Leggi anche: I geni straordinari con la Sindrome di Asperger: ecco quali sono

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato