Perché il discusso ddl Zan riguarda anche i disabili?

Il ddl Zan interessa anche i disabili. Non si tratta di una presa di posizione ideologica, poiché all’interno del testo è stata inserita anche la voce “disabilità”, sebbene all’inizio dei giochi non veniva per niente menzionata. Cerchiamo di capire cosa prevede tale proposta di legge e perché, in caso di approvazione, avrà effetto anche sulle persone con disabilità.

Cosa dice il ddl Zan sui disabili?

Come possiamo leggere dal testo unificato, la proposta di legge nota come ddl Zan (attualmente bloccata in Senato) contiene 10 articoli che approfondiscono anche alcuni aspetti per le persone disabili. In particolare, gli articoli 2 e 3 introducono i reati fondati su sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e, appunto, disabilità.

Tale principio si applica a cascata anche agli altri articoli previsti dal testo di legge, che contiene ad esempio aggiornamenti in merito alle pene previste (articolo 5), come la reclusione per 4 anni in caso di discriminazioni basate sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità. Ma in cosa consiste l’intero ddl Zan? Di seguito gli altri punti:

  • ART. 1: disciplina le definizioni di sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere;
  • ART. 4: garantisce la difesa del pluralismo delle idee e della libertà di espressione, contrastando i casi di discriminazione;
  • ART. 6: modifica il codice 90 quater del codice penale in merito alle condizioni di particolare vulnerabilità;
  • ART. 7: istituisce la giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la biofobia e la transfobia ogni anno al 17 maggio, data che coincide con la Giornata Mondiale e la ricorrenza della rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (avvenuta nel 1990);
  • ART. 8: l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali dovrà elaborare una strategia nazionale al fine di prevenire e contrastare le discriminazioni;
  • ART. 9: il Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità riceverà un incremento di 4 milioni di euro l’anno;
  • ART. 10: l’Istat dovrà realizzare ogni 3 anni un report statistico su come sta andando la legge.

Al momento la calendarizzazione del ddl Zan è ferma all’estate scorsa, quando alcune divergenze politiche (che non riguardano specificatamente la disabilità) sugli articoli 1, 4 e 7 hanno bloccato l’iter del ddl Zan, che potrebber comunque riprendere il 25 ottobre 2021.

cosa dice ddl zan sui disabili
By FabrikaPhoto ad Envato Elements

Alessandro Zan: “Il mio ddl arricchimento per i disabili”

Il ddl Zan è un “arricchimento ulteriore” anche per le persone disabili, un concetto espresso dal primo firmatario della proposta Alessandro Zan. Durante una nostra chiacchierata di qualche mese fa, l’esponente della comunità LGBT aveva anche spiegato che la disabilità non era stata prevista nel testo base, ma la necessità di inserirla è arrivata successivamente.

“Durante le audizioni in Commissione Giustizia – ci ha raccontato il deputato -, alcuni penalisti hanno ritenuto importante inserire anche il tema della discriminazione nei confronti delle persone disabili, e parlare dunque dell’abilismo, in relazione al fatto che una direttiva europea del 2012 ha individuato che, tra le vittime più vulnerabili dei crimini d’odio e dell’istigazione all’odio e alla violenza, ci sono le donne, le persone LGBT+ e le persone disabili, oltre ai migranti che sono già inseriti nella Legge Mancino“.

Tutto ciò è stato possibile soprattutto grazie alla “deputata di maggioranza Lisa Noja”, arrivando così “a costruire un percorso di condivisione che ci ha portato a inserire la fattispecie della disabilità nei 604-bis e 604-ter del codice penale“. Tuttavia Zan specifica che “vi erano alcune perplessità da parte di alcuni deputati sul fatto che la disabilità avesse già una tutela legislativa con delle aggravanti”.

Esitazioni che sono state comunque superate, soprattutto perché si è pensato che l’inserimento dei disabili nel ddl Zan “avrebbe costituito un arricchimento ulteriore nel contrastare quelle forme di violenza che avvengono soprattutto attraverso i social network. Credo sia una conquista veramente importante e rappresenta un avanzamento europeo”.

alessandro zan firmatario legge contor omotransfobia
In foto: Alessandro Zan, primo firmatario della Legge contro l’Omotransfobia

Disability Pride: “Il ddl Zan è importante anche per i disabili”

Cosa ne pensano i disabili del ddl Zan? Come abbiamo visto finora, l’approvazione di questa proposta di legge estenderebbe i reati per i crimini d’odio alla disabilità della vittima. Si tratta di un notevole aggiornamento che metterebbe al centro del villaggio le persone con disabilità sotto un’altra ottica in materia di difesa dei diritti umani e civili.

In prima a fila a difendere questo testo di legge c’è anche il presidente del Disability Pride Network Carmelo Comisi, che in una nostra intervista ha spiegato che il ddl Zan “è il primo disegno di legge che incomincia a parlare dei crimini d’odio verso le persone con disabilità”, e quindi risulta necessario per “far capire che anche le persone con disabilità hanno bisogno di una particolare tutela”.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato