Pride, disabilità in piazza: “Il DDL Zan è importante anche per noi”

Sabato 26 giugno 2021 bandiere di tutti i colori hanno sventolato nei cieli di Roma in occasione dell’edizione 2021 del Pride. Quest’anno una parata fortemente ridotta (non ci sono stati i consueti carri) e condizionata dalla stretta attualità, tra il ddl Zan, noto anche come legge contro l’omotransfobia, e la recente lettera del Vaticano inviata al Governo italiano. In mezzo a un corposo fiume di persone che hanno sfilato da Piazza Vittorio Veneto a Piazza della Repubblica, c’era anche una rappresentanza delle persone con disabilità.

Roma Pride, Carmelo Comisi: “Le lotte vanno condotte tutte insieme”

Carmelo Comisi è il fondatore del Disability Pride Italia, nonché presidente del Disability Pride Network. In piazza scende assieme a un enorme cartellone, con su scritto “#intersezionalità“. Come mai? “Delle lotte che sono intersezionali sono lotte che ci riguardano tutti”, ci risponde lo stesso Comisi.

Al momento una lotta che sta riguardando tutti è il ddl Zan, poiché anche i reati per i crimini d’odio sono stati estesi nei casi riguardanti la disabilità della vittima. “È il primo disegno di legge che incomincia a parlare dei crimini d’odio verso le persone con disabilità“, ci sottolinea Comisi, il quale ritiene che tale proposta di legge sia necessaria per “far capire che anche le persone con disabilità hanno bisogno di una particolare tutela”.

Leggi anche: La nostra intervista ad Alessandro Zan sul ddl Zan

disability pride roma
Carmelo Comisi, fondatore del Disability Pride Italia

Il Disability Pride Italia 2021 si farà: ecco quando

Con l’occasione, Comisi conferma l’edizione 2021 del Disability Pride Italia: si farà a Roma l’1, il 2 e il 3 ottobre prossimo, sarà caratterizzato da convegni e spettacoli. Infine ci sarà anche un corteo “che partirà da via dei Fori Imperiali e arriverà al centro del cuore della città”. Il tema sarà quello dell’intersezionalità.

Leggi anche: Perché il ddl Zan riguarda anche i disabili?

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.