17 maggio: giornata mondiale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia

Il 17 maggio di ogni anno ricorre la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In inglese è nota con il nome di International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia (IDAHOBIT).

Storia della Giornata contro l’omofobia

Tale ricorrenza è stata idea da Louis-Georges Tin, curatore del Dictionnaire de l’homophobie. La data fu promossa nel 2004 dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l’Omofobia e la Transfobia, e fu da subìto riconosciuta dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite. Nel corso degli anni la ricorrenza subì delle integrazioni:

  • dal 2009 si cominciò a parlare anche della transfobia, riguardo agli atti di violenza perpetrati nei confronti delle persone transgender, divenendo così “Giornata Internazionale contro l’omofobia e la transfobia” (International Day Against Homophobia and Transphobia);
  • dal 2015 fu aggiunta anche la bifobia.
giornata mondiale contro l'omofobia

In Italia ecco il ddl Zan

In Italia l’omofobia, la bifobia e la transfobia sono temi divenuti nuovamente attuali in ambito politico per il ddl Zan, un disegno di legge che lotta contro l’omotransfobia, l’omolesbobitransfobia e la misogenia (estendendo i reati commessi tenendo conto anche della disabilità della vittima).

In una nostra recente intervista, il primo firmatario della legge sperava nella sua approvazione entro la primavera del 2021, ma a causa di diverse vicende politiche al momento ancora non c’è stata una decisione ufficiale. A oggi sappiamo che il testo è stato adottato dalla commissione giustizia, e che quindi avrà un proprio iter di discussione.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato