Covid e quarantena, l’Inps: l’isolamento fiduciario non è equiparabile a “malattia” anche per i lavoratori fragili

Sei un lavoratore fragile in quarantena causa Covid? Dovrai lavorare da casa in smart-working. A dirlo è un recente aggiornamento dell’Inps. Nel dettaglio, la nota spiega che la quarantena e l’isolamento fiduciario “non configurano un’incapacità temporanea al lavoro per una patologia in fase acuta tale da impedire in assoluto lo svolgimento dell’attività lavorativa, ma situazioni di rischio per il lavoratore e per la collettività che il legislatore ha inteso tutelare equiparando, ai fini del trattamento economico, tali fattispecie alla malattia”.

Inoltre, come riportato da Il Corriere della Sera, l’Inps specifica che “non è possibile ricorrere alla tutela previdenziale della malattia nei casi in cui il lavoratore in quarantena o in sorveglianza precauzionale perché soggetto fragile continui a svolgere, sulla base degli accordi con il proprio datore di lavoro, l’attività lavorativa presso il proprio domicilio, mediante le citate forme di lavoro alternative alla presenza in ufficio”

Ovviamente, continua l’Inps, la “malattia” è invece confermata nel caso in cui “il lavoratore è temporaneamente incapace al lavoro, con diritto ad accedere alla corrispondente prestazione previdenziale, compensativa della perdita di guadagno”.

Leggi anche: Diabete mellito e Coronavirus, lo studio di Padova: con tipo 2 cresce il rischio di contrarre il Covid

Covid, quarantena e isolamento fiduciario: quand’è malattia?

In caso di isolamento fiduciario/domiciliare non scatta la tutela previdenziale, come previsto inizialmente dal Cura Italia del 17 marzo 2020 (la quale equiparava la quarantena a malattia). Per l’Inps, infatti, anche in situazioni di nuovi lockdown dati dall’emergenza Coronavirus che impediscano l’attività lavorativa non si accede automaticamente all’equiparazione di “malattia”.

Perciò, quando scatta la malattia? In caso di persone che entrano in contatto stretto con soggetti positivi al Coronavirus, confermato poi da un provvedimento emanato dalla ASL, dal medico generale o da quello dell’ospedale che ne riconosca la tutela previdenziale.

Leggi anche: Coronavirus e sclerosi multipla: minor rischio contagio da COVID-19 per pazienti con SM

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato