Coronavirus Italia, come cambia la vita dei disabili?

Gli ultimi aggiornamenti del Coronavirus Italia riguardano le disposizioni emanate d’urgenza dal governo tra l’8 e il 9 marzo 2020. Di fatto, dopo il primo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che aveva delineato alcune parti del Nord Italia nella zona arancione, il successivo Dpcm di lunedì ha ampliato le misure per tutto il Paese. In questo contesto, dunque, quali sono le conseguenze sulle vite dei disabili?

Coronavirus Italia, ultime notizie: cosa dice il decreto

In base alle disposizioni dell’ultimo decreto, l’esercizio degli ambulatori medici è garantito. Invece, per i centri riabilitativi, dipende dal gestore di riferimento. E qui, sorge una possibile domanda: che fine fa la fisioterapia per disabili? Un dubbio non di poco conto, visto che numerosi sono i disabili che necessitano di cure fisioterapiche e riabilitative, anche giornaliere. Insomma, resta tutto in mano alla discrezionalità e al senso di responsabilità delle strutture.

La storia di Francesca: “Io, disabile, chiedo più senso di responsabilità”

Tra le persone disabili a rischio per il contagio da Coronavirus c’è Francesca Arcadu, donna di 44 anni di Sassari con una disabilità motoria per una malattia neuromuscolare. Francesca, che abbiamo imparato a conoscere tempo fa con il tema della violenza sulle donne, è chiusa in casa da diversi giorni. Da lì, posta su Facebook numerosi messaggi per richiamare tutti al senso di responsabilità comune e all’importanza di garantire assistenza ai disabili. L’abbiamo intervistata.

Francesca Arcadu

Il nuovo decreto del governo sul Coronavirus in Italia ha avuto effetti anche sulla tua vita quotidiana?

“I decreti che si stanno susseguendo di giorno in giorno hanno avuto profondi effetti sulla mia vita quotidiana. Da diversi giorni sono chiusa in casa senza poter andare a lavoro, poiché faccio parte delle categorie di soggetti fragili maggiormente a rischio che devono prendere precauzioni ed evitare al massimo il contatto con le persone. Ho fatto richiesta per lo smart working, sono in attesa che mi venga attivato”.

Sono state mobilitate soluzioni alternative per garantirti l’assistenza dovuta per la fisioterapia e la ginnastica respiratoria?

“No. Purtroppo le sedute settimanali di fisioterapia e ginnastica respiratoria di cui usufruisco quasi tutti i giorni sono state interrotte a scopo precauzionale. Non sappiamo quando saranno ripristinate perché, al momento, non ci sono le condizioni di sicurezza per fruirne. Questo per me, e per tutte le persone con problemi di salute, rappresenta un problema serio perché in assenza di trattamenti le nostre condizioni possono aggravarsi”.

In diversi post su Facebook hai ribadito la necessità a un senso di responsabilità comune per fermare il contagio da Coronavirus in Italia. Ti senti preoccupata da chi sembra prendere con troppa superficialità il tema?

“Non sono solo preoccupata, sono angosciata per la leggerezza con la quale troppe persone hanno da subito affrontato questa emergenza, sottovalutando gli avvisi degli scienziati e delle autorità e continuando a uscire, seguire comportamenti sconsiderati minimizzando gli effetti di questa epidemia”.

Sempre sul tuo canale social, ho letto che non hai scritto quei post per fare la vittima, ma per rammentare che ogni comportamento irresponsabile può avere delle conseguenze gravi. Come mai c’è bisogno di sottolineare tutto ciò?

“Purtroppo, proprio a causa dei comportamenti sconsiderati e della totale mancanza di empatia e di consapevolezza di molte persone, il contagio è altissimo e il rischio per le categorie fragili è ancora più alto e pericoloso che per le persone sane. Per questo ho ritenuto fosse utile e necessario espormi in prima persona, con la mia esperienza di persona con disabilità, per raccontare attraverso i social in modo chiaro, empatico e anche ironico (per veicolare meglio il messaggio) tutti gli effetti diretti e indiretti di questo momento così difficile. Credo, a giudicare dal numero delle condivisioni e dai commenti ricevuti, di esserci riuscita e che questa condivisione sia stata utile. Continuerò a farlo anche nei prossimi giorni, infatti”.

Quali sono le soluzioni che tu e i tuoi cari state mettendo in pratica per evitare che vi siano spiacevoli episodi legati al nuovo coronavirus?

“Personalmente non esco da casa da oltre 5 giorni, non ricevo persone se non le operatrici della cooperativa che si occupano della mia assistenza personale quotidiana. Operatrici che vengono nella mia casa con dispositivi come mascherina, guanti, camice per tutelarmi e tutelarsi. Le ringrazio profondamente perché, nonostante la tensione e le difficoltà, non hanno interrotto il servizio che diventa necessario e fondamentale per poter condurre la propria vita.

Ho due genitori anziani che non stanno uscendo di casa, perché anche loro soggetti a rischio, e un compagno che si muove solo per lavoro e con la massima accortezza perché poi il resto del tempo si occupa di me. Come potete vedere per noi questa situazione rappresenta una ulteriore grande limitazione di vita, alla quale si aggiunge la paura che qualcuno di noi si ammali. Cerchiamo, nonostante questo, di stare calmi, utilizzando i social per mantenere i contatti col mondo e non sentirci troppo isolati”.

Sei fiduciosa che l’Italia riuscirà ad arginare questa situazione?

“Lo spero. Temo che molti comportamenti di responsabilità individuale siano stati messi in atto troppo tardi. Forse si poteva arginare prima e meglio il numero dei contagi, ma mi pare che adesso stia passando la consapevolezza che tutto dipende da noi. E dalla immensa bravura e preziosità del nostro Sistema Sanitario Nazionale che sta facendo un lavoro immenso e al quale va tutta la nostra gratitudine”.

Cos’è il Coronavirus?

Vuoi saperne di più riguardo al nuovo Coronavirus? Leggi il nostro articolo di approfondimento.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.