Assegno Unico figli a carico nel 2021: cosa c’è da sapere

Il 27 dicembre 2020 la Camera ha dato il proprio ok alla Legge di Bilancio per il 2021, che include anche l’Assegno Unico per i figli a proprio carico. La manovra infatti è stata inserita grazie al Family Act, e ora si attendono l’ok del Senato e i vari decreti attuativi che metteranno in vigore l’incentivo.

Come funziona l’Assegno Unico per i figli a carico nel 2021?

A meno di eventuali aggiornamenti significativi, l’Assegno Unico per figli dovrebbe diventare operativo il 1° luglio 2021 e sarà un contributo mensile erogato dallo Stato per famiglie che hanno a carico uno o più figli. Tale misura andrà anche a sostituire altre detrazioni e bonus che dovrebbero rimanere attivi fino all’entrata in vigore dell’Assegno Unico.

All’Assegno Unico sono stati stanziati anche dei fondi: per il 2021 si parla di 3 miliardi di euro, mentre per il 2022 saliamo a 5. Sull’ammontare della cifra invece non ci sono ancora delle certezze, ma si dovrebbero oscillare tra i 200 e i 250 euro per ciascun figlio (a cui potrebbe essere calcolata anche una variabile sulla base dell’Isee familiare).

chi ha diritto assegno unico figli

Chi ha diritto all’Assegno Unico per figli a carico?

La misura spetta alle famiglie che attendono figli dal settimo mese di gravidanza fino a chi ha a carico figli con età massimo di 21 anni. Di seguito, le caratteristiche per rientrare nell’assegnazione del bonus:

  • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione Europea o del diritto di soggiorno permanente o essere suo familiare, oppure essere cittadino non UE ma titolare di permesso di soggiorno di lungo periodo, per motivi di lavoro o di ricerca;
  • pagare le imposte di reddito;
  • vivere in Italia con i figli a carico;
  • essere residente in Italia per almeno 2 anni (anche non continuativi) oppure avere un contratto a tempo indeterminato o determinato di almeno 2 anni.

Assegno Unico per figli disabili: tutte le misure

Veniamo nei dettagli di quanto promosso nella Legge di Bilancio, cominciando dagli incentivi dell’Assegno Unico per le famiglie con a carico figli disabili.

Innanzitutto, va detto che per le famiglie con figli con disabilità, la quota fissa dell’Assegno Unico subirà una maggiorazione dal 30 al 50 per cento in base alla tipologia di disabilità. Nel caso in cui il figlio raggiunga i 21 anni di età, ma risulti ancora essere a carico della famiglia, l’assegno continuerà a essere erogato, senza però la maggiorazione.

Previsto anche un assegno di 500 euro per le mamme sole, disoccupate o monoreddito con a carico figli con disabilità almeno del 60%. Vale la pena sottolineare, comunque, che in attesa dell’entrata in vigore della nuova norma, resteranno in funzione le note detrazione figli disabili anche nel 2021 (che può arrivare fino a 1.350 euro per ogni figlio e a 1.550 euro con più di un figlio).

Leggi anche: Superbonus al 110% per l’eliminazione delle barriere architettoniche

assegno unico per figli disabili

Bonus Asilo Nido 2021

Il Bonus Asilo Nido sarà uno degli incentivi che decadrà con l’attivazione dell’Assegno Unico. Sarà comunque garantito fino al 30 giugno 2021 e varierà a seconda dell’ISEE:

  • 3 mila euro per i redditi fino a 25 mila euro;
  • 2.500 euro fino a 40 mila euro,
  • 1.500 euro oltre i 40 mila euro.

Bonus Mamme Domani 2021

Si sta parlando anche del Bonus Mamme Domani 2021, un incentivo da 800 euro per le future mamme da corrispondere al settimo mese di gravidanza fino all’attivazione dell’Assegno Unico.

Congedi parentali e di maternità nel 2021

Novità anche sul fronte dei congedi. Per quelli parentali, infatti, saranno prorogati nel 2021 da 7 a 10 giorni. Mentre, il congedo di maternità 2021 consentirà alle donne di lavorare anche al nono mese di gravidanza, ma deve essere attestata la buona salute. In aggiunta, per il reinserimento delle neomamme nel mondo del lavoro, dovrebbero arrivare stanziamenti pari a 50 milioni di euro.

bonus bebè 2021

Bonus Bebè 2021

Tale beneficio è confermato e sarà corrisposto al primo anno di vita del bambino (anche se adottato). Nel caso di un secondo figlio, gli importi aumenteranno del 20%. Ecco le cifre:

  • Primo figlio: 160 euro al mese; Figlio successivo al primo: 192 euro (per ISEE non superiore a 7.000 euro);
  • Primo figlio: 120 euro al mese; Figlio successivo al primo: 144 euro al mese (per ISEE tra 7.001 euro e 40.000 euro);
  • Primo figlio: 80 euro al mese; Figlio successivo al primo: 96 euro al mese (per ISEE oltre i 40.000 euro).

Bonus Vacanze 2021

Prorogata anche la misura relativa alle vacanze, con un assegno da 150 a massimo 500 euro in base al numero dei componenti del nucleo familiare. Il Bonus Vacanze sarà valido solo nelle strutture aderenti della lista di Confesercenti.

bonus vacanze 2021

Altre misure

Infine, ci sono altri 2 incentivi in cantiere:

  • Le famiglie coi bambini sotto i 3 anni potranno richiedere un prestito agevolato di 10 mila euro al Fondo di sostegno della natalità;
  • Bonus terzo figlio Inps 2020/2021.
Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato