Quali sono i test per la diagnosi precoce di Alzheimer?

A oggi un esame univoco per determinare se qualcuno soffre di una forma di demenza senile, come l’Alzheimer, non esiste. Tuttavia a giocare un ruolo fondamentale per questa battaglia è la diagnosi precoce, soprattutto in pazienti con il morbo di Alzheimer.

Diagnosi precoce Alzheimer: come fare?

A oggi i medici possono diagnosticare il morbo di Alzheimer attraverso alcune procedure come l’anamnesi medica, un esame neurologico, somministrazione di test cognitivi ed esami di neuroimmagini.

Ovviamente si guarda anche ai sintomi, tuttavia è molto complesso specificare la forma di demenza senile in quanto i segni delle varie topologie possono sovrapporsi tra loro. Capita infatti che il medico diagnostichi la demenza senza conclamare di quale forma si tratti.

Una diagnosi precoce dell’Alzheimer quindi risulta fondamentale, in quanto permette di agire più rapidamente sulla malattia e di prevenire complicazioni e peggioramenti.

Leggi anche: “Timeless” è l’applicazione per smartphone che combatte contro il morbo di Alzheimer e arriva da Hong Kong

test per la diagnosi precoce dell'alzheimer

Diagnosi precoce Alzheimer: il SAGE Test

Si chiama SAGE test, acronimo che sta per Self-Administered Gerocognitive Examination (esame cognitivo geriatrico auto-amministrato), ed è stato messo a punto dall’Università dell’Ohio State.

Il test – apparso nel gennaio 2014 su Journal of Neuropsychiatry and Clinical Neurosciences e basato su 1047 partecipanti, scelti tra persone con più di 50 anni – ha dimostrato che il 28% dei pazienti mostra i primi segni di deficit cognitivo. La condivisione dei risultati del SAGE con il proprio medico, può aiutare il dottore a individuare prematuramente i sintomi di un deterioramento legato all’Alzheimer o ad altre forme di demenza.

Leggi anche: Qual è l’incidenza dell’Alzheimer nelle donne? Quali sono i volti femminili più noti del morbo?

Diagnosi precoce Alzheimer: il ruolo della Proteina Beta amiloide

Studi recenti dicono che l’Alzheimer è causata dall’accumulo nel cervello di una proteina neurotossica, la beta amiloide, molti anni prima dei tipici disturbi di memoria che nel giro di pochi anni portano a gravi difficoltà nelle normali attività della vita fino alla totale perdita dell’autosufficienza.

È oggi possibile riconoscere quando un cervello sta accumulando beta amiloide e porre diagnosi di malattia di Alzheimer quando il disturbo di memoria è ancora lievissimo e non disabilitante. Sono necessari esami sofisticati quali la Risonanza Magnetica ad alta definizione, la Tomografia a Emissione di Positroni (PET) con Fluorodesossiglucosio, e una rachicentesi (puntura lombare) con dosaggio liquorale di beta amiloide e proteina tau.

Leggi anche: Si lavora al vaccino contro demenza senile e Alzheimer: debellata la perdita di memoria nei topi

scanner medico diagnosi precoce alzheimer

Acetilcolina nella diagnosi precoce dell’Alzheimer

Per ritardare l’esordio della disabilità e permettere l’utilizzo dei nuovissimi farmaci anti-amiloide, la diagnosi precoce è preliminare a interventi farmacologici con farmaci attivi sull’acetilcolina volti a mantenere integre le funzioni cognitive per un periodo di tempo fino ad un anno superiore a quanto accadrebbe lasciando il malato a sé stesso.

Leggi anche: Alzheimer: scoperto anticorpo A13, una molecola che fa ringiovanire il cervello

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato