“Timeless” è l’applicazione per smartphone che combatte contro il morbo di Alzheimer e arriva da Hong Kong

Si chiama Timeless ed è un’applicazione per smartphone che grida guerra aperta all’Alzheimer. L’idea arriva da Hong Kong, da una quattordicenne di nome Emma Yang. Il tutto è nato da una motivazione personale della piccolina: la nonna, infatti, è stata colpita da questa feroce forma di demenza senile e, con l’intento di fermarne la progressione, ha realizzato l’app.

Morbo di Alzherimer: come funziona Timeless

Timeless si basa tutto su un algoritmo per il riconoscimento facciale. In pratica, come riporta Impact, “basta un click e la persona potrà accedere alle foto raggruppate per categoria, caricate direttamente tramite dispositivi mobili” dei familiari.

Questi scatti serviranno alla persona con Alzheimer per “ricordare eventi, date speciali, rimanere in contatto con i propri cari e con il mondo intero”. Insomma, il riconoscimento facciale associa a ogni viso un nome e un legame di parentela, così da assistere la memoria del paziente in questione.

Come se non bastasse, Timeless notifica anche se una persona che si sta chiamando è già stata recentemente contattata negli ultimi 5 minuti. Oltretutto, se l’individuo con Alzheimer non riconosce la persona davanti in sé, può scattarle una foto cosicché l’applicazione darà un riscontro in merito.

All’inizio, il lavoro di Emma non è stato preso seriamente, nonostante anche il fondatore di Microsoft, Bill Gates, ha espresso apprezzamenti pubblici in suo onore. Tuttavia, a dare avvio al suo progetto è stata una campagna di crowdfunding indetta dalla stessa quattordicenne, raccogliendo così più di 10 mila dollari.

Leggi anche: Alzheimer: scoperto anticorpo A13, una molecola che fa ringiovanire il cervello

Timeless e Alzheimer: qual è il passo successivo?

Al momento Timeless è compatibile unicamente con il sistema iOS. Un grosso limite, che comunque potrebbe essere spezzato nei mesi avvenire. Di fatto, ciò su cui Emma sta attualmente lavorando – assieme a un team internazionale – è raggiungere 50 mila utenti entro il 2020.

Il motivo è abbastanza semplice: come riportato da Impact, citando alcune dichiarazioni di Emma, infatti, Timeless risulta essere l’unica app sul mercato per i malati di Alzheimer. Per cui, “lei e i suoi partner puntano a massimizzare l’accessibilità dell’app”. Non resta che aspettare i nuovi sviluppi.

Leggi anche: Si lavora al vaccino contro demenza senile e Alzheimer: debellata la perdita di memoria nei topi

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato