Stress da pandemia nei bambini: come riconoscerlo e affrontarlo

Lo stress da pandemia da Coronavirus sta colpendo anche i bambini: è arrivato il momento di individuarlo e contrastarlo. Il Covid ha fatto risuonare il campanello d’allarme in merito alle cure psicologiche, il cui argomento è divenuto una necessità moderna da affrontare. Tutto ciò non coinvolge solo i lavoratori, ma anche studenti e bambini.

Come individuare lo stress da pandemia nei bambini

A dare alcune indicazioni su come rintracciare lo stress da pandemia nei bambini è l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che in un recente numero di “A scuola di salute” ha tracciato i sintomi principali che possono insorgere nei più giovani.

Innanzitutto bisogna saper rintracciare lo stress da pandemia, oggi come oggi identificabile con disturbi del sonno, del linguaggio e dell’alimentazione, deficit di attenzione, atti di autolesionismo e somatizzazione. In ognuna di queste sfere ci sono degli ulteriori segni da tenere sott’occhio.

Per quanto riguarda il sonno, ad esempio, i bambini possono essere colpiti da “terrore notturno” ripetuto nel tempo. Nel campo del linguaggio, invece, sono segnalati regressione o balbuzie intermittenti.

In merito al comportamento alimentare, poi, serve porre attenzione alla quantità e al tipo di cibo, oltre alle sensazioni associate dal bambino al mangiare. Inoltre, a causa della maggiore vita sedentaria dell’ultimo anno, potrebbe essere riscontrato un aumento di peso causato soprattutto da una riduzione dell’attività fisica.

In aggiunta c’è l’autolesionismo, atto con il quale il bambino manifesta dolore procurandosi ferite o lesioni sul corpo, come graffi, tagli o bruciature sulla pelle. Nell’insieme generale sono annoverati anche cambiamenti repentini dell’umore, estrema riservatezza nel mostrare alcune parti del corpo e tendenza farsi coinvolgere in situazioni di pericolo.

Con la Didattica a Distanza, invece, sono aumentati i problemi di attenzione e di apprendimento scolastico. Oltre al rischio di poca inclusione per i bambini con disabilità, l’isolamento casalingo ha generato nel tempo una perdita di interesse nello studio e un’emotività più fragile e instabile.

Tutti questi malesseri psicologici si possono tradurre anche in dolori addominali, emicranie, rabbia, aggressività e irritazione: in alcuni casi possiamo parlare di una vera e propria somatizzazione.

Leggi anche: Gli effetti psicologici della pandemia impongono lo psicologo di base

stess da pandemia come riconoscere
By twenty20photos da Envato Elements

Come affrontare lo stress da pandemia nei bambini

La soluzione più adeguata contro lo stress da pandemia nei bambini è contattare il proprio pediatra, il quale fornirà delle soluzioni in base alla situazione clinica del paziente in questione.

Per esempio, in caso di disturbi alimentari, potrebbe essere assegnato un particolare regime alimentare adeguato a ristabilirne l’equilibrio. Oppure, se il bambino a 18 mesi non indica, non batte le mani o non fa “ciao”, è utile una visita specialistica, così come se tra i 3 e i 6 anni ha periodi lunghi di balbuzie, non parla a scuola o ha disturbi del sonno.

Stress da pandemia nei bambini: quanto ha influito la DAD?

Il dibattito è ancora aperto, eppure c’è chi ha già sottolineato quanto la Didattica a Distanza sia stata un fattore di rischio per bambini e ragazzi. In una nostra recente intervista, per esempio, la dott.ssa Paola Medde, consigliera dell’Ordine degli Psicologi ha sottolineato che “la mancata organizzazione strutturata” della Dad ha esposto la salute psicofisica a “una situazione dannosa”, determinando “un isolamento dal contesto scolastico e domestico”.

Leggi anche: Effetti del Covid sui bambini disabili: il lockdown cambia la salute

stress da pandemia bambini
By twenty20photos da Envato Elements
Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato