È stata bloccata la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) nei topi

Si aprono le porte a nuove possibili sperimentazioni contro la SLA su maiali e primati non umani: per ora è stata bloccata nei topi. Vediamo meglio cosa significa. Dagli Stati Uniti d’America arriva una buona notizia per la lotta alla Sclerosi Latera Amiotrofica. I ricercatori delle Università della California di San Diego, infatti, hanno condotto nuovi studi su topi adulti, ottenendo risultati sorprendenti.

SLA: i dettagli dello studio americano

Il team di ricerca statunitense ha preso di mira il gene SOD1 che, come spiega Open, “quando il suo ruolo viene meno, abbiamo la degenerazione del motoneurone e quindi la SLA”. Per colpire il diretto interessato, quindi, “i ricercatori hanno utilizzato del Rna sintetico in grado di silenziare il gene”.

Dopo di che, “è stato inserito usando un virus come vettore, inoculandolo nel midollo spinale delle cavie”. Le conseguenze sono state alquanto positive. Di fatto, l’inoculazione del virus “ha ridotto la degenerazione delle cellule nervose nei topi portatori del gene mutato, anticipando la comparsa dei primi sintomi. Gran parte dei motoneuroni sarebbe risultato protetto a seguito della terapia“.

Invece, sulla cavie che già presentavano dei sintomi, “la terapia si sarebbe rivelata capace di fermare l’avanzamento della malattia. Alcun effetto avverso sembra essersi registrato durante la sperimentazione.

Questo è importante, tenuto conto anche del fatto che dal trattamento di cui parliamo è passato già un anno e nessun effetto collaterale sembra essersi manifestato nei topi”. La ricerca ha anche avuto una pubblicazione sulla rivista scientifica Nature Medicine.

Quali sono i prossimi step?

Sempre secondo Open, il prossimo passo sarà allargare la sperimentazione. Principalmente su maiali e primati, cioè su organismi dotati di un midollo spinale di dimensioni e funzioni più vicine a quelle umane.

Leggi anche: Il Policlinico Gemelli è centro regionale per i malati di SLA

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato