Sala Blu, nuove regole per il trasporto disabili nella Fase 2

Tempo di lettura: 10 min.

Dal 4 maggio 2020 la Fase 2 del Coronavirus è iniziata, e anche la Sala Blu si è dovuto adeguare per garantire il trasporto disabili. In particolare, la Rete Ferroviaria Italiana ha apportato qualche cambiamento per tutelare il servizio ai viaggiatori con disabilità che hanno necessità di mobilità.

Sala Blu, ecco le modifiche di Trenitalia

Come si legge da una nota di RFI, Sala Blu ha cambiato alcune delle sue impostazioni iniziali per far sì che vengano rispettate le regole emanate dal Dpcm del 26 aprile.

Nuovi orari

Cambiano gli orari della Sala Blu. In particolare, a Torino Porta Nuova, Genova Piazza Principe, Trieste Centrale, Verona Porta Nuova, Venezia Santa Lucia, Ancona, Napoli Centrale, Bari Centrale, Reggio Calabria e Messina Centrale, sarà aperte al pubblico dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.30, tutti i giorni, festivi inclusi.

Per quanto riguarda, invece, Milano Centrale, Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella e Roma Termini, orari di apertura invariati: dalle 6.45 alle 21.30, tutti i giorni, festivi inclusi.

Cambio di tempo di preavviso per richiedere assistenza

Per prenotare l’assistenza per persone con mobilità ridotta, bisognerà dare un preavviso di 24 ore in tutte le stazioni. È possibile farlo attraverso i canali telefonici delle Imprese Ferroviarie, rivolgendosi ai Call Center di Trenitalia oppure recandosi direttamente alla Sala Blu.

sala blu
Fonte Foto: romatermini.com

Il lavoro in sicurezza della Sala Blu

Le porte della Sala Blu resteranno sempre chiuse. Gli utenti che vorranno accedere negli uffici, dovranno usufruire del campanello. L’ingresso sarà regolamentato per evitare assembramenti e garantire la distanza di sicurezza di un metro. L’utente dovrà presentarsi con mascherina e guanti monouso.

L’utilizzo della carrozzina e del carrello elevatore sono comunque garantiti, “se non sarà altrimenti possibile mantenere il distanziamento di sicurezza”.

Infine, RFI raccomanda “a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora al di fuori dai casi di stretta necessità”.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.