Roma 1960, da oggi fino al 25 settembre 2020 il CIP celebrerà i primi Giochi Paralimpici della storia

Da oggi, venerdì 18 settembre 2020, fino al prossimo venerdì, 25 settembre 2020, il movimento paralimpico italiano celebrerà i 60 anni dei Giochi Paralimpici di Roma 1960, che andarono in scena proprio dal 18 al 25 settembre di quell’anno. I festeggiamenti hanno una valenza storica molto importante, in quanto l’edizione di Roma 1960 è stata la prima Paralimpiade della storia – in grado tra l’altro di chiamare più di 400 atleti provenienti da 21 Paesi diversi.

Celebrazioni Roma 1960: cosa dobbiamo aspettarci?

Le celebrazioni per le Paralimpiadi di Roma 1960 hanno avuto inizio questa mattina allo Stadio “Paolo Rosi” di Roma, con una cerimonia d’apertura presenziata da varie istituzioni e, durante la quale, è stata apposta una targa commemorativa per ricordare la cerimonia inaugurale dei primi giochi paralimpici. Stasera, invece, il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), con la collaborazione del MIBACT e di Roma Capitale, proietterà sul Colosseo immagini iconiche e rappresentative dello sport paralimpico.

La settimana dedicata al movimento paralimpico si chiuderà il 25 settembre 2020 con un convegno dal titolo “Paralimpiadi, 60 anni di Roma 60“, con CIP, INAIL e SuperAbile INAIL, presso l’Auditorium INAIL (Roma). Vista la portata dell’evento, il CIP ha realizzato una sezione dedicata alle celebrazioni delle Paralimpiadi di Roma 1960.

Leggi anche: Ecco le date ufficiali delle prossime Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020

Roma 1960, Pancalli: “Da lì sono iniziate storie di campioni”

Prima dell’avvio della kermesse, il presidente del CIP Luca Pancalli ha rilasciato un video messaggio nel quale ha spiegato che “siamo qui per ricordare che non dobbiamo perdere i pezzi di quella storia, un racconto fatto di immagini in bianco e nero che poi, via via, si sono andate a colorire nel corso degli anni fino a consacrare campioni paralimpici straordinari, oggi patrimonio del mondo sportivo in Italia e in tutto il mondo”.

“Oggi – continua- noi vogliamo celebrare l’inizio di quella storia affinché tutti siano consapevoli che da quel momento non è nata solo la storia di un’organizzazione, la famiglia paralimpica, ma da lì sono iniziate le storie personali di tanti campioni e di tanti atleti, di tante ragazze e ragazzi disabili che in questo Paese, ma non solo, grazie allo sport hanno ripreso in mano la propria vita con coraggio, sfidando con curiosità la vita che era di fronte a loro”.

Leggi anche: Roma 1960, “60 anni di Roma 60”: dalla targa commemorativa alle immagini sul Colosseo

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato