In Italia solo il 5% dei parchi giochi è accessibile per i disabili: cosa dice l’inchiesta

I parchi giochi diffusi in Italia non sono accessibili per i disabili. O meglio, solo il 5% delle strutture ludiche è adatta ad accogliere i bambini con disabilità. Cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia: i più piccoli soffrono l’esclusione dal diritto al gioco.

A riferirlo è una recente inchiesta del Corriere della Sera. Usufruendo dell’esperienza della piattaforma online Parchi per tutti, la testata giornalistica ha potuto saggiare la situazione nazionale in materia.

Quali sono i dati precisi dell’inaccessibilità dei parchi gioco?

I dati di Parchi per tutti non sono istituzionalmente ufficiali, tuttavia dipingono ufficiosamente un quadro assai problematico. Di fatto, a oggi, non esiste una mappatura dei parchi gioco inclusivi nel Bel paese. Come non esiste una normativa che disciplini la fattispecie.

Vista la cornice sociale, dunque, possiamo prendere per buone le statistiche diffuse dalla piattaforma sopracitata. In particolare, “i parchi gioco totalmente inclusivi, dove cioè tutti i giochi sono accessibili ai disabili, sono soltanto 62 in tutta Italia, mentre quelli parzialmente inclusivi, dove sono accessibili almeno una parte delle giostre, sono 296. Ammontano invece a 418 le altalene accessibili ai bambini in carrozzina”.

Tra le varie, quali sono le regioni più virtuose? “Lombardia (che elargisce fondi ai comuni che vogliono realizzare giostre accessibili), Campania, Toscana e Puglia“. Non c’è da stupirsene, in quanto, senza un’effettiva regolamentazione, tutto dipende dall’opera spontanea di alcuni cittadini oppure dall’intraprendenza dei comuni di riferimento.

Parchi giochi per disabili: cosa dice l’Organizzazione delle Nazioni Unite?

Per risalire a una legislazione il più possibile attinente al tema, dobbiamo andare a bussare direttamente alle Organizzazione delle Nazioni Unite. Come riporta la stessa inchiesta giornalistica, infatti, esistono ben due articoli della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità che pongono attenzione sui parchi gioco accessibili. In particolare:

  • Articolo 7, punto 1: “Gli Stati Parti prenderanno ogni misura necessaria ad assicurare il pieno godimento di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali da parte dei bambini con disabilità su base di eguaglianza con gli altri bambini”;
  • Articolo 30, punto 5, paragrafo d: “assicurare che i bambini con disabilità abbiano eguale accesso rispetto agli altri bambini alla partecipazione ad attività ludiche, ricreative, di tempo libero e sportive, incluse le attività comprese nel sistema scolastico”.

Leggi anche: Italia, il diritto al gioco per disabili è un’utopia: i risultati di una ricerca

dati parchi giochi per disabili inaccessibili
Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato