Nina Sophie Rima, storia e incidente dell’influencer amputata

Nina Sophie Rima è una giovane influencer amputata alla gamba sinistra a causa di un’incidente stradale. Recentemente ha reso noto di essere incinta di una bambina. In passato ha anche partecipato al concorso per diventare Miss Italia Lombardia 2018.

La storia di Nina Sophie Rima

Nina Rima è nata a Como nel 2000. “La mia è la storia di una bambina che ha avuto bene o male tutto – racconta la stessa influencer in una nostra intervista -. Mia madre ha fatto sia da mamma che da papà. Con mia sorella, che ha dieci anni in più di me, non siamo riuscite ad avere un buon rapporto fin da subito, anzi”.

Dopo una parentesi a Milano però, una Nina Rima appena 13enne deve spostarsi in un paesino di montagna, dove la madre comincia a essere poco presente. A 17 anni decide di riprendere i rapporti col padre, ma quest’ultimo la manda dalla zia, dove finalmente la giovane trova un po’ di tranquillità. E sempre a 17 anni, Rima riesce a ottenere anche il suo primo contratto con un’agenzia di moda. Sembra un sogno che si realizza. Fin quando però arriva una tragica fatalità.

Come ha perso la gamba Nina Rima?

Il 21 aprile 2017 Nina Sophia Rima perde il piede sinistro in un incidente stradale a Mentone, in Francia, mentre era con il suo ex ragazzo. Successivamente la giovane sarà costretta ad amputare la parte inferiore della gamba sinistra, dal ginocchio in giù.

“Da lì la mia vita è ricominciata – ha ammesso ai nostri microfoni -. Tutto quello che c’è stato prima l’ho… non rimosso, ma cambiato totalmente!”. Così Rima inizia a raccontare la sua ospedalizzazione e la sua nuova vita da amputata, e i suoi followers aumentano vertiginosamente. “Da quel giorno ho iniziato a vivere una vita come si deve, regolare, sana, fatta di obiettivi e sogni che piano piano sto realizzando”.

Leggi anche: Gioia Di Biagio, intervista alla “donna porcellana”

nina rima

Nina Rima, il fidanzato e la Disabilità Positiva

Tra i desideri Nina Rima c’è “quello di essere conosciuta, non voglio morire senza che si sappia chi sono”. E così ha fatto: oggi il suo profilo Instagram conta 97,5mila followers, e da poco ha annunciato anche che avrà una bambina con il suo attuale fidanzato, Giuseppe Elio Nolfo.

“Al giorno d’oggi è a tutti gli effetti un lavoro quello da influencer – ci ha spiegato la donna bionica -, ma per me ha anche un altro significato: riuscire positivamente ad influenzare le persone. Anzi, sia positivamente che negativamente. Ogni persona è libera di mandare i messaggi che meglio crede… l’importante è che arrivino”.

“Ci sono un sacco di persone – conclude – soprattutto donne, anche amputate, che mi scrivono per ringraziarmi perché da quando mi hanno vista o mi seguono sono riuscite a mettersi una minigonna, ad uscire con disinvoltura. Penso che questo sia molto importante nel mondo della disabilità”.

Leggi anche: Quello che le donne (con o senza disabilità) vogliono| 2° puntata

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato