Luca Marola, inventore della cannabis light: “Ecco com’è nata l’idea”

La normativa italiana sulla cannabis è fumosa e incompleta, e questo determina inchieste giudiziarie che, molto spesso, sono costrette fare chiarezza su intricati fatti di cronaca (come quello di Walter De Benedetto). Possiamo riassumere così la storia di Luca Marola, inventore della cannabis light e fondatore della prima azienda in Italia di commercializzazione della sostanza a bassissimo contenuto di THC.

Cannabis light, Marola: “Tutto dipende dal THC”

Durante una manifestazione a Roma organizzata da Meglio Legale e 6000 sardine, Marola è intervenuto per raccontare la propria storia, la situazione attuale delle imprese di settore, la strada verso la legalizzazione e la grande incongruenza legislativa su come distinguere cannabis e droga.

“La grande differenza su cui c’è molto dibattito è la cannabis droga e non droga – ci ha spiegato lo stesso Marola -. L’elemento che distingue è il THC, uno dei 100 principi attivi presenti nella cannabis, l’unico che dà un effetto psicotropo, cioè che interagisce con il sistema nervoso centrale”.

Un elemento che, comunque, nella canapa industriale ha una concentrazione molto basa, dello “0,3% o 0,2% a seconda della nazione”, e non è considerata droga: di fatto, viene impiegata “per altri utilizzi”.

Tuttavia il quadro generale è caratterizzato da un impianto normativo di difficile comprensione: “Quando è entrata in vigore la legge sulla canapa industriale, a inizio 2017, non c’era una normativa per la coltivazione. C’erano le piantagioni, ma si basavano su una circolare ministeriale di inizio 2000. Quando è entrata in vigore la legge, si pensava che tutta la pianta potesse essere coltivata, e quindi anche commercializzata“.

Da questo vuoto legislativo, Marola ha colto un’opportunità: “Ho avuto l’intuizione di separare il fiore di canapa industriale, quindi senza THC, e venderla come infiorescenze. Poi le persone le avrebbero usate come meglio credevano. La mia iniziativa ha avuto così tanto riscontro che è nato un intero settore commerciale: si parla di 12mila posti di lavoro creati e migliaia e migliaia di aziende agricole”.

Leggi anche: Cannabis, avvocati di Walter De Benedetto: “Serve normativa chiara”

luca marola inventore cannabis light

Cannabis: “Abbiamo chiesto chiarezza alla politica”

Una normativa poco chiara non dà solo ampio margine a iniziative personali, ma causa anche una serie di inchieste giudiziarie che sono chiamate a mettere una toppa al contesto complessivo.

“In questi anni abbiamo provato a chiedere alla politica di specificare meglio la normativa sulla canapa e prendere in considerazione anche il fiore – ha ammesso Marola -, ma non è stato possibile”. E ciò ha avuto delle ricadute pesanti anche sull’azienda dell’imprenditore parmense: chiusura dell’attività nel 2019 da parte della magistratura e sequestro di tutto il magazzino (649 kg di canapa senza THC).

Oltretutto il prossimo 15 luglio Marola sarà chiamato a processo: “Se riusciremo a vincere, aggiungeremo un elemento di chiarezza per l’intero settore. Penso che sia molto difficile per l’accusa riuscire a dimostrare che una droga, che non droga, è comunque droga”.

Leggi anche: Perché è difficile fare ricerca scientifica sulla cannabis in Italia?

cannabis light luca marola easyjoint
Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.