test

JOMO (Joy Of Missing Out): la gioia di perdersi qualcosa

Redazione:

JOMO, ovvero la gioia di perdersi qualcosa. Ecco la nuova tendenza nata col digitale, che si contrappone alla FOMO (Paura di perdersi qualcosa). La Gioia di Perdersi Qualcosa è la sensazione di felicità che si prova quando si sceglie di disconnettersi dalle tecnologie digitali, come smartphone e computer. Al contrario, il termine “FOMO” sta a significare la paura di perdersi qualcosa se non si è connessi al mondo virtuale.

La generazione dei millenials è nota per essere fortemente attaccata agli smartphone e trascorre almeno metà della giornata sui social network, in particolare su Instagram, Snapchat, Facebook e Twitter. Secondo le ricerche socio-culturali, questo avrà conseguenze importanti sullo sviluppo della personalità.

Cos’è il FOMO

Il fenomeno moderno che coinvolge gli adolescenti fino ai trentacinque anni è chiamato FOMO, che sta per “Fear of Missing Out” (paura di perdere qualcosa). Si contrappone alla JOMO (gioia di perdersi qualcosa). Si tratta di un’ansia sociale caratterizzata dal desiderio di rimanere costantemente aggiornati sulle attività altrui e dalla paura di essere esclusi da eventi o contesti sociali. Nel tempo, questo fenomeno è diventato sinonimo di navigazione senza scopo, in un tentativo di soddisfare il bisogno di essere sempre connessi al mondo virtuale. Non sorprende che, alla fine, si finisca per perdere la vita reale in mezzo a tutte queste richieste virtuali.

L’avvento dei social media e delle tecnologie digitali ha alimentato il fenomeno del FOMO, o Fear Of Missing Out, in quanto i giovani e gli adolescenti sono costantemente esposti alle vite “perfette” e alle emozionanti esperienze condivise online. I post sui social media spesso ritraggono persone che si divertono, raggiungono successi e vivono momenti di felicità, creando l’illusione di una vita sociale vivace e appagante. Di conseguenza, molti si sentono sotto pressione per partecipare a quante più attività possibili, al fine di evitare di perdere momenti significativi e di sentirsi esclusi.

FOMO come conseguenza della comunicazione digitale

L’effetto FOMO è amplificato anche dalla natura immediata e pervasiva della comunicazione digitale. Grazie agli smartphone e ai social media, siamo costantemente connessi e riceviamo notifiche che ci tengono aggiornati sull’attività degli altri. Questa continua esposizione a ciò che gli altri stanno facendo può generare ansia e la sensazione di essere costantemente sotto pressione per partecipare a ogni evento o occasione sociale, anche se non siamo realmente interessati o non ne abbiamo voglia.

Ciò che spesso viene trascurato è il fatto che la vita reale, con tutte le sue sfaccettature e relazioni interpersonali significative, viene spesso sacrificata a causa della costante ricerca di esperienze virtuali. L’attenzione e l’energia che dedichiamo alle attività online possono distogliere l’attenzione dai momenti di connessione reale con gli altri. O dai momenti di auto-riflessione e dalle opportunità di crescita personale che possono presentarsi nella vita offline.

Per contrastare il FOMO c’è bisogno della JOMO, ovvero di sviluppare una consapevolezza critica sull’impatto dei social media e delle tecnologie digitali sulla nostra vita. Dobbiamo ricordare che ciò che viene mostrato online è una rappresentazione filtrata e spesso idealizzata della realtà. Invece di cercare costantemente nuove esperienze, dobbiamo concentrarci sulla qualità delle relazioni e delle esperienze reali, ascoltando i nostri bisogni e desideri personali.

Leggi anche: FOMO e Victoria De Angelis dei Maneskin: ecco cos’ha detto l’artista

fomo fear of missing out and jomo, joy of missing out
By larisikstefania da Envato Elements

JOMO, la nuova tendenza contro la dipendenza dai social media

Ogni estate, si spera segretamente che quella corrente sia la migliore della nostra vita. Naturalmente, vorremmo trascorrere del tempo in spiaggia, magari condividendo tutto su Instagram. Ma questo potrebbe rovinare il periodo più bello dell’anno. La tendenza di quest’estate è il “JOMO”, come riportato dal New York Times. JOMO è il fratello minore del FOMO e significa la gioia di perdersi qualcosa.

Anche i colossi della tecnologia hanno introdotto iniziative e nuove funzionalità per favorire una gestione più consapevole dei dispositivi e delle applicazioni. Lasciare lo smartphone in modalità aereo o lasciarlo direttamente a casa per godere di momenti di tranquillità. O apprezzare le cose meravigliose senza essere disturbati dalla suoneria del telefono. Questo significa essere JOMO.

Come combattere la FOMO: scegli la via della JOMO

Se c’è un ambito in cui la JOMO può produrre immediati e positivi risultati, non c’è dubbio che sia il lavoro. Perché non cominciare proprio da qui? La prima regola da tenere sempre a mente è semplice ma essenziale: concentrarsi su un compito alla volta. Chiudere tutte le finestre del browser, riporre il cellulare in un cassetto e dedicarsi completamente e unicamente a ciò che si sta facendo, sia che si tratti di scrivere una email o partecipare a una riunione.

Un’opzione ideale potrebbe essere stabilire dei momenti specifici per recuperare e rispondere ai messaggi in sospeso e, perché no, concedersi qualche minuto di svago tra una storia su Instagram e l’altra. I social media non sono in sé nocivi, ma diventano dannosi quando diventano una presenza costante che distrae costantemente dalle attività in corso. Basta seguire questi semplici accorgimenti per sperimentare un aumento di produttività, sentirsi meno stanchi alla fine della giornata e alleviare la tensione.

Cosa dice la scienza

Uno studio recente condotto dall’Università dello Stato di Washington, ha fatto emergere una correlazione fra ansia, FOMO e JOMO. “In generale, molte persone amano essere connesse”, ha affermato Chris Barry, professore di psicologia alla WSU e autore principale dell’articolo pubblicato su Telematics and Informatics Reports. “Nel tentativo di valutare la JOMO, abbiamo scoperto che alcune persone si godevano il perdersi qualcosa, non per la solitudine o per un’esperienza zen e calmante di poter ricomporre sé stessi, ma per evitare l’interazione sociale”.

Barry e i suoi collaboratori hanno condotto sondaggi con due gruppi diversi di circa 500 partecipanti ciascuno. Il reclutamento è avvenuto attraverso la piattaforma di crowdsourcing di Amazon, MTurk. Per misurare la JOMO, i ricercatori hanno posto una serie di domande riguardanti il piacere di trascorrere del tempo da soli e di disconnettersi. Per esempio, se i partecipanti amavano il tempo per riflettere su se stessi e se erano felici di vedere gli amici divertirsi anche se non erano con loro. Il sondaggio includeva anche domande volte a valutare la solitudine, l’ansia sociale, l’uso dei social media, i tratti di personalità e la soddisfazione di vita.

La correlazione ansia-JOMO

Lo studio sul primo campione ha rivelato connessioni tra coloro che erano molto inclini alla JOMO, l’uso dei social media e la soddisfazione di vita, ma l’ansia sociale aveva la correlazione più forte.

Con questi risultati contrastanti, il team ha progettato un secondo studio per cercare di trovare un gruppo di persone molto incline alla JOMO ma senza ansia sociale. Li hanno trovati, ma quel gruppo era piccolo e rappresentava circa il 10% dei partecipanti. Sebbene non soffrissero di ansia sociale, questo gruppo con una forte JOMO ha comunque riportato sentimenti moderati di solitudine. Barry ha suggerito che la JOMO potrebbe essere solo una fase momentanea di bisogno di disconnettersi.

Leggi anche: Dipendenza da cellulare e smartphone: consigli per usarlo in modo corretto

Angelo Dino Surano
Giornalista, addetto stampa e web copywriter con una passione particolare per le storie di successo. Esperto in scrittura vincente e comunicazione digitale, è innamorato della parola e delle sue innumerevoli sfaccettature dal 1983. La vita gli ha messo davanti sfide titaniche e lui ha risposto con le sue armi più potenti: resilienza e spirito di abnegazione. Secondo la sua forma mentis, il contenuto migliore è quello che deve ancora scrivere.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato