Ecco l’elenco dei test per la diagnosi di acondroplasia

Prima di sapere come si fa la diagnosi dell’acondroplasia, conosciamo la patologia. L’acondroplasia, nota anche come ACP, è una forma di nanismo, un’alterazione che determina uno sviluppo corporeo insufficiente: a non essere particolarmente sviluppati è la cartilagine di accrescimento delle ossa lunghe degli arti. A causa di ciò, la malattia è riscontrabile con gravi disturbi della crescita.

Una persona con nanismo acondroplasico non cresce in maniera regolare, e lo possiamo notare nell’altezza media degli adulti: negli uomini è di circa 130 cm, invece nelle donne è di 125 cm.

La diagnosi di acondroplasia

Diversi anni fa una diagnosi di acondroplasia richiedeva del tempo, in quanto bisognava aspettare la nascita dell’individuo. Oggi però non è più necessario: in linea generale la ricerca della malattia usa osservazioni cliniche e radiologiche, ma per una conferma certa si può utilizzare anche l’analisi genetica. Per questo motivo possiamo riconoscere tre modi di diagnosticare la patologia:

  • diagnosi prenatale: ecografia ostetrica (che non è sufficiente a confermare la malattia) e un test genetico su liquido amniotico;
  • diagnosi post-natale: valutazione della proporzionalità degli arti, misurazione delle ossa delle gambe e delle braccio, esame a raggi X e scansione profilo genetico;
  • test genetico: ricerca la mutazione del gene FGFR3 nel cromosoma 4, che sarebbe alla base dell’acondroplasia (al momento il test diagnostico più attendibile).

Leggi anche: Ecco perché lo Screening Neonatale è uno strumento importante

acondroplasia diagnosi

Aspettativa di vita di una persona con acondroplasia

La fase più critica di una persona con acondroplasia è l’immediata nascita o l’infanzia. Un’alta percentuale di nascituri infatti sopravvive solo pochi giorni e, in casi ancora più estremi, nasce morta. In caso di sopravvivenza, la vita di una persona con acondroplasia è piuttosto lunga, anche se nella media generale della popolazione risulta un’aspettativa di vita inferiore a causa della possibile apparizione di malattie cardiovascolari. L’altezza massima che un adulto con acondroplasia può raggiungere è 140 cm.

Leggi anche: Renato Brunetta e il nanismo: ecco la verità

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato