Conosciamo Giulia e Andrea, due travel blogger focalizzati sulla condivisione del turismo accessibile

Giulia e Andrea sono una coppia, moglie e marito, amano viaggiare e sono travel blogger dediti al turismo accessibile, nonché esperti Heyoka. Insieme passeggiano in giro per il mondo, e lo raccontano attraverso il blog MyTravelsTheHardTruth.

La loro passione in ciò che fanno emerge notevolmente dagli scritti e dai post sui social (tutto a nome di Giulia), tra racconti di viaggio, foto mozzafiato e pensieri motivazionali degni di nota. La particolarità sta nel fatto che Giulia è una persona con disabilità, e questo apre uno scenario di forte impatto per tutte quelle persone in carrozzina che pensano di essere limitate negli spostamenti.

Leggi anche: I percorsi di Google Maps suggeriscono itinerari accessibili per le persone disabili

Turismo accessibile: dove nasce la storia di Andrea e Giulia?

Giulia Lamarca e Andrea Decarlini sono diventati travel blogger per puro caso. Lei è psicologa e pasticcera al bisogno, lui fisioterapista. Si sono conosciuti a seguito di un incidente stradale di circa 7 anni fa che ha colpito proprio Giulia, episodio raccontato dalla stessa 27enne nel suo blog: “Ero in moto, trasportata dietro, la dinamica dell’incidente non la ricordo; so solo che ad un certo punto siamo scivolati da soli. Non ho mai perso coscienza durante l’incidente, ma ricordo bene poche cose”. Poi, il trasporto in ospedale e la diagnosi: paraplegia incompleta.

Da lì, l’incontro con Andrea. “Era uno studente al 2° anno di fisioterapia, stava facendo tirocinio dove ero ricoverata io. Ai tempi, il caso volle che fu affiancato a me! Insomma, lui narra che per lui fu un colpo di fulmine; per me non fu così”.

Un rapporto iniziato faticosamente, prima da amici, poi da amanti e, tutt’ora, da sposati, con una proposta di matrimonio particolare: “a Parigi, in un aeroporto, durante un viaggio, una proposta di matrimonio con un anello mozzafiato”.

Leggi anche: Nasce “Ravenna per tutti”, la guida dedicata al turismo accessibile

View this post on Instagram

🌎💪💪 Ustionati in faccia dopo ore nel deserto del sale, assonnati da sveglie presto al mattino e facce distrutte da notti passate in pullman dormendo sui sedili (compresa la carrozzina!), esausti da gradini in pietra e scalate su pendii scoscesi… Eppure, non siamo mai stati così soddisfatti ed orgogliosi delle nostre imprese e della meta raggiunta!!! Avete presente quando vedete un posto in cartolina e poi rimanete delusi visto con i vostri occhi? Ecco, Machu Picchu non è così!! È davvero una Meraviglia!! A tutto questo però, noi abbiamo aggiunto tanto sudore, tanta voglia di rimanere aggrappata alla schiena di Andrea… Ah… Ovviamente, un pizzico di follia!!! 😘 #peruviangirl #peru #wheelchair #disability #disabled #travelph #travelblogger #travelgram #mountain #mobility #accesible #nolimits #nevergiveup #neverstopexploring #spinalcordinjury #passportready #passionpassport #girlpower💪 #bestcouple #couplesgoals #traveller #backpackers #lovetravel

A post shared by Giulia Lamarca (@_giulia_lamarca) on

Una storia d’amore che si contraddistingue per i numerosi viaggi. “Quasi per scherzo abbiamo iniziato a viaggiare – ci scrivono – e non ci siamo più fermati; insieme abbiamo scoperto il mondo e riscoperto noi stessi”.

Il loro è un fulgido esempio di come sia possibile visitare varie parti del mondo anche con una carrozzina in più: “Il nostro obiettivo è quello di portare un cambiamento nel mondo, nelle persone e nel modo di vedere i viaggi, le coppie e la quotidianità di persone con disabilità. Vogliamo mostrare la normalità che si cela dietro moltissimi aspetti che spesso vengono ignorati”.

Ovviamente, non tutto è rose e fiori, ma vi sono delle accortezze particolari da tenere in considerazione: “Vogliamo mostrare le difficoltà che si possono incontrare per via di barriere fisiche e mentali che ancora ad oggi sono presenti nel mondo”. Un’esperienza di vita caratterizzata da oltre 22 Paesi e 70 città visitate: “Questo ci ha donato una prospettiva in più dalla quale guardare la vita e comprendere meglio le necessità e i bisogni delle persone”.

Leggi anche: Turismo Accessibile, in viaggio con Covid-19

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato