Cosa sappiamo sulla sepsi meningococcica

Nella maggior parte dei casi le infezioni da meningococco possono causare la meningite (infezione dei tessuti che riguardano le meningi) e la sepsi meningococcica (infezione del sangue, dove tessuti e organi non ricevono abbastanza ossigeno e sostanze nutritive, provocando conseguenze permanenti e morte). Le persone che vengono più comunemente colpite sono bambini tra i 6 mesi e i 3 anni d’età.

I sintomi della sepsi meningococcica

In genere, la condizione di sepsi è di difficile diagnosi, in quanto può essere accomunata all’insorgere di altre malattie. Nelle prime 4/6 ore di presenza dei sintomi, infatti, i primi segni sono abbastanza comuni (come la febbre lieve, la nausea e la stanchezza). Nell’elenco dei sintomi più noti troviamo:

  • febbre;
  • pressione bassa;
  • dolore alle articolazioni o agli arti;
  • eruzione cutanea;
  • pelle a macchie e pallida;
  • shock;
  • diarrea e vomito;
  • sonnolenza e stato confusionale;
  • ipoperfusione;
  • coagulazione intravasale disseminata;
  • papule;
  • acidosi lattica;
  • cefalea.

La spesi menigococcica può avere alcune evoluzioni significative. Di fatto possiamo trovare:

  • spesi grave da menigococco fulminante;
  • pochi segni di alterazione meningea;
  • Sindrome di Waterhouse-Friderichsen (o porpora fulminante).

Come si trasmette la sepsi meningococcica

Come nel caso della meningite, la sepsi data da infezione da meningococco si trasmette per via respiratoria, tramite goccioline di saliva o secrezione nasali, che possono essere disperse con starnuti, tosse o mentre si parla. Il contagio può avvenire anche in altri modi, come la condivisione dello stesso ambiente, di un fazzoletto, di una tazza o di un asciugamano utilizzati da una persona infetta.

Esiste una cura?

La terapia più indicata è quella farmacologica, sebbene non sempre è assicurata un’ottima prognosi. Nei casi più gravi, i pazienti devono essere sottoposti a un controllo medico giornaliero, e per questo si può ricorrere al ricovero in terapia intensiva.

come si prende la sepsi menigococcica
Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato