test

Reddito di cittadinanza 2023: come funziona, chi lo può ricevere e novità

Redazione:

Il reddito di cittadinanza è una misura introdotta in Italia nel 2019 con lo scopo di contrastare la povertà e la disuguaglianza sociale. Si tratta di un sostegno economico erogato ai cittadini che rispondono a determinati requisiti, al fine di garantire un reddito minimo a chi è in difficoltà.

Per ottenere il reddito di cittadinanza, bisogna essere residenti in Italia e avere un ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) inferiore a 9.360 euro. Inoltre è necessario essere privi di lavoro o avere un reddito basso. Chi percepisce il reddito, ad ogni modo, dovrebbe essere impegnati a cercare attivamente un impiego o a seguire un percorso di formazione o riqualificazione professionale.

Quando viene erogato il reddito di cittadinanza

Il Reddito di cittadinanza viene erogato ogni mese per un importo che varia a seconda delle esigenze familiari e della composizione del nucleo. Tuttavia, la somma non può superare i 780 euro al mese. La Legge di Bilancio 2023 ha stabilito che questa somma, se erogata a persone che sono in grado di lavorare, non può essere percepita per più di 7 mesi.

Oltre a rappresentare un aiuto economico per le famiglie più bisognose, il Reddito di Cittadinanza ha anche una finalità attiva: incentivare le persone a cercare lavoro e a partecipare a programmi di formazione e riqualificazione professionale.

Reddito di cittadinanza e formazione

Le persone che percepiscono il reddito di cittadinanza, prima della Legge di Bilancio 2023, erano tenute a partecipare a incontri con i centri per l’impiego e a sottoscrivere un patto per il lavoro in cui venivano definiti gli obiettivi e le azioni per la ricerca di un impiego o per il miglioramento delle proprie competenze lavorative. Il governo Meloni ha abrogato queste misure legate al reinserimento lavorativo e sociale, mai effettivamente decollate.

La Legge di Bilancio 2023 inoltre ha sancito che in caso di mancata frequenza al programma assegnato il nucleo del beneficiario del RDC perde il diritto alla prestazione. Le regioni devono trasmettere all’Anpal gli elenchi dei soggetti che non rispettano l’obbligo di frequenza. I beneficiari di età compresa fra 18 e 29 anni che non hanno raggiunto l’obbligo scolastico, riceveranno il contributo solo se iscritti a un percorso di istruzione di primo livello. Se il beneficiario, attraverso contratti stagionali o intermittenti, riceve reddito da lavoro entro i 3 mila euro lordi può continuare a percepire il RDC.

Leggi anche: Elenco Bonus 2023

reddito di cittadinanza e reddito universale europeo
By JJFarquitectos da Envato Elements

Novità: 2023 come cambia il Reddito di Cittadinanza

Il reddito di cittadinanza ha incontrato sia consensi che critiche. Da una parte, c’è chi lo ritiene un importante strumento per contrastare la povertà e la disuguaglianza sociale. Dall’altra c’è chi lo considera una misura poco incisiva e che non rappresenta una soluzione duratura per le difficoltà economiche delle famiglie. La guerra mediatica sul “reddito di cittadinanza” ha visto la vittoria dei detrattori. Il governo Meloni infatti ha sancito che il 2023 sarà l’ultimo anno del reddito di cittadinanza. Dal 2024 quindi, non ci sarà più. Il governo ha stimato che andrà a risparmiare 950 milioni di euro nel 2023.

La durata massima dell’erogazione del contributo è di 7 mesi e rimane di 18 mesi sono per i nuclei familiari con minori, con persone disabili (come definite dal DPCM del 5 dicembre 2013, n. 159) o con persone di età pari o superiore ai 60 anni. Inoltre, la componente del reddito di cittadinanza corrispondente al canone annuo di affitto viene erogata direttamente al locatore dell’immobile. Al momento non si conoscono ancora le modalità, che saranno definite da un decreto specifico del Ministro del Lavoro.

Infine, i datori di lavoro privati che nel 2023 assumeranno personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato beneficiario del Rdc, sarà riconosciuto l’esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali a loro carico. Tutte queste misure saranno attive fino al 31 dicembre 2023, giorno in cui terminerà per sempre il reddito di cittadinanza. Il governo ad ogni modo ha comunicato che non intende abbandonare la lotta alla povertà. Si stanno valutando nuove modalità per sostenere per sostenere le famiglie in difficoltà.

Leggi anche: Agevolazioni e bonus per persone disabili 2023: l’elenco completo

Angelo Dino Surano
Giornalista, addetto stampa e web copywriter con una passione particolare per le storie di successo. Esperto in scrittura vincente e comunicazione digitale, è innamorato della parola e delle sue innumerevoli sfaccettature dal 1983. La vita gli ha messo davanti sfide titaniche e lui ha risposto con le sue armi più potenti: resilienza e spirito di abnegazione. Secondo la sua forma mentis, il contenuto migliore è quello che deve ancora scrivere.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato