Quando è obbligatorio assumere le categorie protette?

Assumere categorie protette è uno degli argomenti più importanti per qualsiasi imprenditore che si affaccia nel mondo del lavoro. Partiamo col dire che non è sempre una scelta dell’azienda: nel mondo del lavoro, esistono categorie protette che hanno determinate agevolazioni (che sono rapportate al grado di disabilità).

Chi appartiene alle categorie protette ha diritto a un collocamento obbligatorio. Ad ogni disabilità, corrisponde infatti una collocazione lavorativa adeguata. Ogni azienda possiede una quota di riserva connessa a formule di assunzione obbligatoria. In alcuni casi, è possibile assumere categorie protette senza dover indire un concorso.

Categorie protette: chi sono e requisiti

Tutti i lavoratori citati nella Legge 68 rientrano nelle categorie protette. Sono tutti quei soggetti con disabilità che sono facilitati nell’inserimento nel mercato del lavoro perché in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere tra i 18 e i 67 anni;
  • presentare un grado di invalidità superiore al 33% certificato dall’Inail;
  • avere minorazioni fisiche, sensoriali o psichiche;
  • essere classificati come portatori di handicap intellettivo;
  • avere una riduzione delle abilità lavorative superiore al 45%;
  • essere affetti da sordità dalla nascita o prima dell’apprendimento della parola;
  • essere ciechi assoluti o con un residuo visivo che non superi 1/10 in entrambi gli occhi;
  • avere il riconoscimento come invalidi di guerra;
  • presentare minorazioni dalla prima all’ottava categoria (dell’invalidità di guerra);
  • percepire l’assegno di invalidità civile, previo accertamento dell’Inps di una riduzione permanente inferiore a 1/3 della capacità lavorativa.

Per potersi iscrivere alle categorie protette, bisogna essere disoccupati. Per chiarezza, bisogna specificare che i soggetti affetti da disabilità sono solo una parte delle persone che possono rientrare in questa categoria.

Sono categorie protette a tutti gli effetti i familiari delle vittime della criminalità organizzata o del terrorismo, gli orfani o i coniugi di lavoratori deceduti sul posto di lavoro (o a causa del lavoro), i familiari delle persone invalide o morte in guerra e profughi italiani rimpatriati. Si possono iscrivere anche gli invalidi al 100%, a patto che siano in grado di mantenere una capacità lavorativa. Sono escluse da questa lista le persone che percepiscono la pensione di inabilità.

Leggi anche: Curriculum vitae per categorie protette: informazioni utili

assunzioni obbligatorie sospese categorie protette

Assumere categorie protette e disoccupazione

Come dicevamo, per iscriversi alle categorie protette occorre essere disoccupati o comunque essere in una fase lavorativa di non occupazione o disoccupazione parziale. Per rimanere in questa lista (o per entrarci), bisogna soddisfare i seguenti requisiti:

  • avere un reddito inferiore a 8mila euro lordi annui con lavoro subordinato o parasubordinato;
  • avere un reddito inferiore a 4.800 euro lordi annui da lavoro autonomo o occasionale;
  • svolgere lavori in ambiti particolari;
  • svolgere un lavoro subordinato della durata massima di 6 mesi.

Il lavoratore iscritto alle categorie protette deve recarsi al Centro per l’Impiego più vicino per comunicare l’intenzione di essere disponibile per lavorare. Non siamo di fronte a una scelta, ma a un obbligo vincolante: chi non conferma la sua disponibilità entro 12 mesi, viene cancellato dall’elenco della legge 68.

Quando assumere è obbligatorio

Ogni azienda pubblica o privata è tenuta per legge ad avere una quota di lavoratori appartenenti alle categorie protette. La legge, in questo caso, impone assunzioni obbligatorie (che se non vengono rispettate, possono portare a multe salatissime). Le regole sono le seguenti:

  • 1 assunzione obbligatoria fra i 15 e i 35 dipendenti;
  • 2 assunzioni fra i 36 e i 50 dipendenti;
  • 7% degli occupati per le aziende sopra i 50 dipendenti.

Superati i 14 dipendenti, diventa quindi obbligatorio assumere categorie protette (almeno un lavoratore disabile o tutelato). Per inserirli all’interno, il titolare dell’azienda ha 60 giorni di tempo e può scegliere tra diverse opzioni (richiesta nominativa, richiesta numerica o assunzione residuale). Stesso discorso per i lavoratori disoccupati che rientrano nelle categorie tutelate (pur non essendo disabili): ogni datore di lavoro può richiedere una preselezione dei soggetti.

Privato o pubblico non importa: l’obbligo di assunzione riguarda tutti in maniera indistinta. Quello che cambia sono le modalità di assunzione. Si può assumere un lavoratore appartenente alle categorie protette attraverso una convenzione, un bando di concorso o una richiesta al Centro per l’Impiego.

Leggi anche: Categorie protette legge 68/99 offerte lavoro: alcuni suggerimenti

quando è obbligatorio assumere categorie protette

Quando assumere categorie protette non è obbligatorio

Non tutti i datori di lavoro sono costretti ad assumere categorie protette (tutelati o disabili). Ecco una lista di lavori e di attività che non prevedono assunzione obbligatoria:

  • aziende di trasporti terrestri, marittime o aeree;
  • aziende con impianti su fune;
  • attività edilizie;
  • protezione civile e polizia (solo ruoli amministrativi).

Inoltre, la legge prevede la possibilità di una autocertificazione per ottenere l’esonero parziale dalle assunzioni obbligatorie. Questo può avvenire quando un’azienda con più di 35 dipendente dichiara di essere impossibilitata di adempiere alla quota prevista dalla legge a causa della condizione della propria attività.

Per ottenerlo, bisogna versare al Fondo Regionale per l’occupazione dei disabili 36,64 euro per ogni lavoratore non occupato e ogni giornata lavorativa non prestata. Per richiedere l’esonero dall’obbligo di assumere di categorie protette è necessario che sussista queste condizioni: lavoro particolare, faticoso o a rischio che comporta il versamento di un tasso di premio Inail superiore al 60 per mille.

Angelo Dino Surano
Angelo Dino Surano
Giornalista, addetto stampa e web copywriter con una passione particolare per le storie di successo. Esperto in scrittura vincente e comunicazione digitale, è innamorato della parola e delle sue innumerevoli sfaccettature dal 1983. La vita gli ha messo davanti sfide titaniche e lui ha risposto con le sue armi più potenti: resilienza e spirito di abnegazione. Secondo la sua forma mentis, il contenuto migliore è quello che deve ancora scrivere.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato