Parcheggio disabili, strisce blu e multe: novità nel Codice della Strada

L’aggiornamento del Codice della Strada riguarda anche il parcheggio per disabili. In base al Decreto Infrastrutture (n. 121/2021), nel testo coordinato con la legge n. 156 del 9 novembre 2021, sono state approvate alcune novità per i posti auto delle persone con disabilità e le sanzioni per chi li occupa abusivamente.

Parcheggio disabili: gratis anche se ci sono le strisce blu

Uno dei cambiamenti concerne la gratuità dei parcheggi con strisce blu per le persone disabili. Di fatto, come si legge nel testo, “è consentito sostare gratuitamente nelle aree di sosta o parcheggio a pagamento” per chi è titolare del contrassegno disabili, ma solo nel caso in cui “risultino già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati” (art. 188 comma 3-bis). Tale aggiornamento si applicherà dal 1° gennaio 2022 (art. 1-ter).

Multa parcheggio disabili: pene più severe

Novità anche per i furbetti del parcheggio disabili. In base all’aggiornamento del Codice della Strada infatti, chiunque occuperà uno stallo per disabili senza la dovuta autorizzazione riceverà una sanzione raddoppiata rispetto al passato: invece che da 87 a 344 euro, adesso rischierà dai 168 ai 672 euro di multa. Inoltre i punti decurtati dalla patente passano da 2 a 6. Anche questa misura decorrerà dal 1° gennaio 2022.

Cambia il linguaggio: si scrive “persone con disabilità”

Un altro punto a favore del nuovo Codice della Strada riguarda il modo in cui vengono utilizzati i termini: da oggi in poi infatti il testo presenterà la dicitura “persone con disabilità” al posto di “persone in carrozzella”. Cambia anche la parola “debole” con “vulnerabile”.

Leggi anche: Ecco quali termini usare per parlare e scrivere di disabilità

multa parcheggio disabili
By ABBPhoto da Envato Elements

Semplificazioni su auto per disabili

Infine spazio anche a un aggiornamento dell’art. 1-bis, che introduce per “i soggetti con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, abilitati alla guida” un importante aggiornamento.

I beneficiari infatti potranno presentare “una copia semplice della patente posseduta” che riporti “l’indicazione di adattamenti, anche di serie, per il veicolo agevolabile da condurre, prescritti dalle commissioni mediche locali”, al fine di ottenere le agevolazioni previsti dall’art. 8 della Legge 449/1997. Per tale misura bisognerà attendere 30 giorni per la pubblicazione del decreto correttivo.

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato