La Riforma dello Sport è approvata ma sarà in vigore tra un anno

La Riforma dello Sport voluta dall’ex ministro Vincenzo Spadafora è stata approvata venerdì 26 febbraio 2021 dal Consiglio dei Ministri del Governo Draghi. L’ok ai 5 decreti legislativi è arrivato all’ultimo momento, in quanto la scadenza della delega era fissata al 28 febbraio scorso. Diverse le novità per lo movimento paralimpico, anche se molto probabilmente l’attuazione delle norme slitterà di un anno.

Riforma dello Sport: cosa dice per gli atleti paralimpici

La Riforma dello Sport era stata presentata da Spadafora durante il Governo Conte II, ma solo con il premier Draghi ha trovato l’ok definitivo (tranne per la parentesi riguardante l’autonomia del Coni). “Dopo tanti anni la Riforma dello Sport è fatta e aprirà una strada di cambiamento per tutti e solo in meglio”, ha commentato Spadafora. Ma in che modo?

Come sappiamo, innanzitutto la nuova Riforma dello Sport prevede che gli atleti paralimpici abbiano lo stesso trattamento economico e contributivo che viene applicato ai colleghi sportivi normodotati. Tutto ciò grazie a una norma presentata dalla deputata Giusy Versace, che nell’aprile 2019 propose una legge articolata su 2 punti:

  • equiparare il trattamento economico degli atleti paralimpici, in forza ai gruppi sportivi militari, a quello degli atleti normodotati”;
  • “offrire la stessa opportunità lavorativa al termine della carriera agonistica, consentendo loro di scegliere se congedarsi o prendere servizio”.

Tale condizione viene ulteriormente riconosciuta anche da un altro punto più generico, il quale cancella le differenze esistenti tra i lavoratori dello sport. In pratica non ci sarà più un distinguo tra professionisti e dilettanti, in quanto rientreranno tutti nella casistica del lavoratore sportivo, inteso come “l’atleta, l’allenatore, l’istruttore, il direttore tecnico, il direttore sportivo, il preparatore atletico e il direttore di gara che, indipendentemente dal genere o dal settore professionistico o dilettantistico, esercita l’attività sportiva verso un corrispettivo”.

Un’altra svolta decisiva per gli atleti paralimpici riguarda l’accesso all’interno dei Corpi dello Stato e dei Gruppi Sportivi Militari. “Si tratta di un passaggio storico per il nostro movimento, la fine di una disparità durata troppo a lungo e un grande passo in avanti dal punto di vista sociale e culturale”, ha dichiarato Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

Vi sono poi altre norme ‘minori’, come l’accesso e l’esercizio della professione di agente sportivo, le normative di sicurezza per la costruzione degli impianti sportivi e via discorrendo, che comunque potrebbero entrare in vigore solamente tra un anno.

la riforma dello sport paralimpico 2021

Perché la Riforma dello Sport entrerà in vigore tra un anno?

In base a quanto si apprende da diversi organi di stampa infatti, la Riforma dello Sport potrebbe essere operativa tra un anno, poiché il prossimo Decreto Sostegno (ex Ristori) applicherà una norma (“clausola pandemia”) che posticiperà l’attuazione della legge.

Questo perché, da una parte, si vuole dare tempo al Parlamento e al futuro sottosegretario allo Sport di aiutare gli enti sportivi ad acquisire gli aiuti dello Stato in tempo di pandemia. Dall’altra, il governo non vuole far cadere nel vuoto le richieste di FIGC, Federbasket e Federvolley, che già prima del 26 febbraio avevano richiesto un rinvio dell’approvazione della nuova normativa vista la situazione pandemica.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato