Frida Kahlo: storia, vita e biografia

Affetta da spina bifida, erroneamente scambiata per poliomielite dai genitori e le persone a lei intorno (probabilmente perché sua sorella soffriva di questa malattia), fin dall’adolescenza Frida Kahlo (si pronuncia Frida Calo) ha mostrato una personalità forte e passionale, oltre ad uno spirito indipendente e ad un singolare talento artistico.

Chi è Frida Kahlo?

Frida Kahlo è stata una pittrice messicana nata nel 1907 a Coyoacán, un sobborgo di Città del Messico. I suoi genitori erano ebrei ungheresi emigrati in Germania: la madre aveva origini meticce, mentre il padre, fotografo, era nato a Baden-Baden.

Dopo aver frequentato il liceo, Frida fu ammessa al migliore istituto superiore del Messico, la Escuela Nacional Preparatoria: il suo sogno era di diventare medico. Fu l’unica ragazza a far parte del gruppo studentesco dei Los Cachuchas (così chiamati per i loro berretti) che si interessavano di letteratura e sostenevano le idee socialiste-nazionaliste di José Vasconcelos, a quei tempi nominato ministro della Pubblica Istruzione.

Nonostante la sua determinazione ed il suo impegno, la vita di Frida non fu resa facile dal contesto in cui viveva. La sua disabilità (come purtroppo capita ancora oggi) fu oggetto di scherno e denigrazione, e gli atti di bullismo non mancarono. Ma sarà proprio la diversità a rappresentare l’immagine della sua arte, in seguito al fatidico incidente.

biografia di frida kahlo

Il giorno dell’incidente di Frida Kahlo

Era il 17 settembre 1925, Frida aveva 18 anni e stava tornando a casa da scuola in compagnia di Alejandro Gomez, uno studente di diritto di cui era innamorata. All’improvviso un tram si scontrò con l’autobus sul quale si trovavano i due giovani, schiacciandolo contro il muro.

Molte persone morirono sul colpo, Frida rimase ferita gravemente. La colonna vertebrale si spezzò in tre punti nella regione lombare, si fratturò il bacino, le costole, la gamba sinistra, il piede destro. La spalla destra fu slogata in modo permanente e, a causa di una ferita penetrante all’addome causata da un corrimano entrato nell’anca sinistra ed uscito attraverso la vagina, Frida perse anche la possibilità di avere figli.

Gli anni dopo l’incidente: la nascita della sua arte

L’incidente portò Frida a dover subire 32 operazioni chirurgiche e restò in ospedale per 3 mesi. A causa delle fratture alle vertebre lombari dovette indossare per 9 mesi diversi busti di gesso e, anche se tornata a casa, fu costretta a rimanere immobile, nel suo letto.

E fu in quei momenti che Frida Kahlo iniziò a dipingere, facendo della sua immobilità un’opportunità. Grazie ad un cavalletto, dei colori ad olio ed uno specchio posto sul soffitto così da vedere ed utilizzare la sua immagine come modello, Frida iniziò a dipingere autoritratti: “Dipingo me stessa perché passo molto tempo da sola e sono il soggetto che conosco meglio“.

Verso la fine del 1927, dopo aver tolto il gesso, Frida riprese a camminare (accompagnata da dolori che non l’abbandoneranno mai più) e a condurre una vita “normale”, ritrovando i suoi compagni dell’università e partecipando attivamente alla vita politica tanto da diventare un’attivista del Partito Comunista a cui si iscrive nel 1928.

l'incidente di frida kahlo
Fonte foto: lasottilelineadombra.com

Frida, Diego Rivera ed il matrimonio

Negli stessi anni Frida Kahlo conobbe Diego Rivera, un illustre pittore del tempo a cui sottopose le sue opere per avere una critica autorevole – e che presto sarebbe diventato suo marito. A causa della situazione politica dominante del tempo, caratterizzata dalla repressione dei dissidenti politici, il Partito Comunista Messicano venne dichiarato fuorilegge. Frida e il marito Diego, come molti altri comunisti, furono costretti a trasferirsi negli Stati Uniti.

Purtroppo nemmeno la vita sentimentale di Frida si rivelò felice e soddisfacente. I continui tradimenti del marito, tra i quali anche quello con sua sorella, portarono i due a separarsi nel 1939. L’anno seguente, consapevole dell’errore commesso, Rivera propose nuovamente all’ormai ex moglie di sposarlo.

Frida, divenuta ormai indipendente e consapevole sia sul piano sessuale che su quello economico, decise di accettare a 2 condizioni: non avrebbe più accettato denaro da lui e non avrebbero più avuto rapporti sessuali.

frida kahlo e il marito diego rivera
Fonte foto: arteinworld.com

Quando e come muore Frida Kahlo

Tornati in Messico dopo aver celebrato le seconde nozze, per la pittrice messicana si ripresentarono i problemi di salute. A causa dei continui dolori alla schiena ed al piede destro, nel 1944 fu costretta a indossare un busto d’acciaio. Questo episodio portò Frida a dipingere uno dei suoi quadri più noti, “La colonna spezzata”. 

Con il passare degli anni le condizioni di salute di Frida peggiorarono, irreversibilmente. Qualche anno prima di morire le venne amputata la gamba destra, ormai in cancrena. Il 13 luglio 1954, alla giovane età di 47 anni, Frida morì per embolia polmonare lasciando le ultime parole al suo diario personale:

Spero che l’uscita sia gioiosa e spero di non tornare mai più”.

La vita di Frida Kahlo fu intensa e crudele, ma la grandezza della sua arte ha sovrastato qualsiasi pregiudizio ed etichetta, salvandola dall’essere ricordata come “una povera vittima disabile”.

Frida Kahlo è stata una donna che ha sempre affrontato la vita opponendosi alla sorte avversa e dimostrando una grandezza propria solo degli artisti, riuscendo a trasformare la sua immobilità obbligata in un’opportunità artistica e la sofferenza in arte.

Attraverso i suoi numerosi autoritratti, stravaganti e pieni di colore, si percepisce quanto il suo corpo di donna ferita sia stato centrale nella esistenza e soprattutto, nella sua arte.

Frasi di Frida Kahlo

  • A sei anni ebbi la poliomielite. A partire da allora ricordo tutto molto chiaramente. Passai nove mesi a letto. Tutto cominciò con un dolore terribile alla gamba destra, dalla coscia in giù. Mi lavavano la gambina in una bacinella con acqua di noce e panni caldi. La gambina rimase molto magra. A sette anni portavo degli stivaletti. All’inizio pensai che le burle non mi avrebbero toccata, ma poi mi fecero male, e sempre più intensamente
  • Dipingo autoritratti perché sono spesso sola, perché sono la persona che conosco meglio.
  • Pensavano che anche io fossi una surrealista, ma non lo sono mai stata. Ho sempre dipinto la mia realtà, non i miei sogni.
  • Non sono malata. Sono rotta. Ma sono felice, fintanto che potrò dipingere.
  • La morte può essere crudele, ingiusta, traditrice…
  • Ma solo la vita riesce a essere oscena, indegna, umiliante.
  • L’amore? Non so. Se include tutto, anche le contraddizioni e i superamenti di sé stessi, le aberrazioni e l’indicibile, allora sì, vada per l’amore. Altrimenti, no.
  • Scegli una persona che ti guardi come se fosse una magia.
  • Ho subito due gravi incidenti nella mia vita… il primo è stato quando un tram mi ha travolto e il secondo è stato Diego Rivera.
  • Le cicatrici sono aperture attraverso le quali un essere entra nella solitudine dell’altro.
  • La rivoluzione è l’armonia della forma e del colore e tutto esiste, e si muove, sotto una sola legge: la vita.
  • Piedi, perché li voglio se ho ali per volare?
  • Da bambina, crepitavo. Da adulta, ero una fiamma.
  • Il surrealismo è la magica sorpresa di trovare un leone in quell’armadio in cui si voleva prendere una camicia.
  • Hanno pensato che fossi una surrealista, ma non lo ero. Non ho mai dipinto sogni. Ho dipinto la mia realtà
  • Dove non puoi amare non soffermarti.
  • Murare la propria sofferenza è rischiare di lasciarsi divorare da essa.
chi era frida kahlo
Fonte foto: chi-e.com

Opere, quadro e autoritratti di Frida Kahlo

L’elenco dell’arte di Frida:

  • Autoritratto con vestito di velluto (1926)
  • Autoritratto (1926)
  • Ritratto di Alicia Galant (1927)
  • Ritratto di Miguel N. Lira (1927)
  • L’autobus (1929)
  • Autoritratto (1930)
  • Autorretratto con mono (autoritratto con scimmia)
  • Frida e Diego (1931)
  • Ritratto di Eva Frederick (1931)
  • Ritratto di Luther Burbank (1931)
  • Ospedale Henry Ford (o Il letto volante) (1932)
  • Autoritratto al confine tra Messico e Stati Uniti (1932)
  • La mia nascita (1932)
  • Il mio vestito è appeso là (o New York) (1933)
  • Qualche piccola punzecchiatura (1935)
  • I miei nonni, i miei genitori e io (1936)
  • Autoritratto dedicato a Lev Trockij (1934)
  • Frida e l’aborto – (1936)
  • Il piccolo defunto Dimas Rosas all’età di tre anni (1937)
  • La mia balia e io (1937)
  • Ricordo (1937)
  • Ciò che ho visto nell’acqua e ciò che l’acqua mi ha dato (1938)
  • I frutti del cuore (1938)
  • Il cane itzcuintli con me (1938)
  • Quattro abitanti del Messico (1938)
  • Due Nudi nella Giungla (La Terra Madre) (1939)
  • Il suicidio di Dorothy Hale (1939)
  • Le due Frida (1939)
  • Autoritratto con collana di spine (1940)
  • Autoritratto con i capelli tagliati (1940)
  • Autoritratto con scimmia (1940)
  • Autoritratto per il Dr. Eloesser (1940)
  • Il sogno (o Il letto) (1940)
  • Cesto di fiori (1941)
  • Io con i miei pappagalli (1941)
  • Autoritratto con scimmia e pappagallo (1942)
  • Autoritratto con scimmie (1943)
  • La novella sposa che si spaventa all’aprirsi della vita (1943)
  • Retablo (1943 circa)
  • Ritratto come una Tehuana (o Diego nel mio pensiero) (1943)
  • Pensando alla morte (1943)
  • Radici (1943)
  • Diego e Frida 1929-1944 (1944)
  • Fantasia (1944)
  • Il fiore della vita (1944)
  • La colonna spezzata (1944)
  • Ritratto di Donna Rosita Morillo (1944)
  • Il pulcino (1945)
  • La maschera (1945)
  • Mosè (o Il nucleo solare) (1945)
  • Ritratto con scimmia (1945)
  • Senza speranza (1945)
  • Il piccolo cervo (1946)
  • Autoritratto con i capelli sciolti (1947)
  • Albero della speranza mantieniti saldo (1946)
  • Il sole e la vita (1947)
  • Autoritratto (1948)
  • Diego e io (1949)
  • L’abbraccio amorevole dell’universo, la terra, Diego, io e il signor Xolotl (1949)
  • Autoritratto con ritratto del Dr. Farill (1951)
  • Ritratto di mio padre (1951)
  • Perché voglio i piedi se ho le ali per volare (1953)
  • Autoritratto con Diego nel mio Cuore (1953-1954)
  • Autoritratto con Stalin (o Frida e Stalin) (1954 circa)
  • Il cerchio (1954 circa)
  • Il marxismo guarirà gli infermi (1954 circa)
  • Viva la vita (1954).

Frida, il film

Nel 2002 Julie Taymor ha diretto un film dal titolo “Frida” incentrato sulla sofferta vita privata della pittrice messicana, interpretata da Salma Hayek.

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato