Demenza senile, calcio inglese: solo 10 colpi di testa in allenamento

In Premier League continua la battaglia contro la demenza senile e l’Alzheimer. La Football Association ha di fatto comunicato le nuove linee guida per la stagione 2021-2022 e, tra le varie nuove regole per i calciatori professionisti, non saranno permessi più di 10 colpi di testa in allenamento.

Demenza senile e calcio: esiste un collegamento

In base a un comunicato stampa diffuso dalla FA, “questa raccomandazione viene fornita per proteggere il benessere dei giocatori e sarà rivista regolarmente man mano che verranno intraprese ulteriori ricerche per comprendere meglio l’impatto del colpo di testa nel calcio”. Insomma, i colpi di testa saranno limitati in allenamento, in particolare quelli a seguito di un passaggio lungo di più di 35metri, un cross, un calcio d’angolo e un calcio di punizione.

Non si tratta di una presa di posizione priva di fondamento, in quanto da diversi anni numerosi scienziati stanno effettuando ricerche per capire quali possono essere le conseguenze negative di alcuni fattori del calcio, come appunto i colpi di testa.

Basti pensare che sul tema c’è un’importante ricerca del 2019, pubblicata su The New England Journal of Medicine e finanziata dalla FA e dalla Professional Footballers’ Association. Lo studio ha evidenziato che “la mortalità per malattie neurodegenerative era più alta e la mortalità per altre malattie comuni più bassa tra gli ex calciatori professionisti scozzesi rispetto ai controlli abbinati”. Oltreutto “i farmaci correlati alla demenza sono stati prescritti più frequentemente agli ex giocatori”.

Leggi anche: Differenza tra Alzheimer e demenza senile

demenza senile e calcio
By astrakanimages da Envato Elements

Oltre la demenza senile: calcio e SLA

Non solo malattie neurodegenerative come la demenza senile sono al vaglio degli esperti, ma c’è anche la Sclerosi Latera Amiotrofica. Nel corso degli anni, infatti, abbiamo documentato vari aggiornamenti sulla questione che legherebbe il gioco del calcio e la SLA.

Per esempio all’inizio del 2020 abbiamo evidenziato come uno studio condotto dall’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCSS di Milano abbia escluso “qualsiasi associazione tra le squadre in cui i calciatori avevano militato e l’insorgenza della Sclerosi Laterale Amiotrofica”. Tuttavia resta confermata “la correlazione tra il gioco del calcio e l’insorgenza della degenerazione neuronale”.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato