https://linebetmobile.com/en/mobile

Covid, nuova variante Ba.2.87.1 dal Sudafrica: sintomi e cosa sappiamo

Redazione:

Il Covid non si ferma nemmeno nel 2024, ma continua a creare nuove varianti e sottovarianti in giro per il mondo. Finora però nessuna nuova variante del virus ha creato allarmi pandemici, ma gli esperti internazionali continuano a monitorare la situazione.

Stavolta tocca alla variante Ba.2.87.1, scoperta in Sudafrica nel settembre 2023 con il nome di Ba.2.X, e che presenta più di 100 mutazioni, di cui diverse sulla proteina Spike. In questo breve approfondimento scopriamo per bene di cosa si tratta, quanto ne sappiamo, quali sono i sintomi e soprattutto se stavolta bisogna preoccuparsi.

Cosa sappiamo sulla variante Covid Ba.2.87.1

Attualmente l’ECDC (l’European Centre for Disease Prevention and Control) ha inserito Ba.2.87.1 nella casella delle varianti sotto monitoraggio, dove figura anche la variante Omicron XBB.1.5.

In base a quanto spiega sempre l’ECDC, al momento non ci troviamo di fronte a una pericolosa variante del Covid. “Questo lignaggio – si legge in un rapporto – circola a bassi livelli da settembre 2023, senza alcun chiaro segno di aumento delle proporzioni o di un impatto sugli indicatori epidemiologici”.

Tuttavia, si tratta di una variante ancora in fase di studio: ulteriori approfondimenti infatti serviranno per “chiarire le proprietà di questa variante” e capire se potrà avere “un impatto sulla situazione epidemiologica nell’UE/SEE nel prossimo futuro”.

Su X Tulio de Oliveira, direttore del Centro per la risposta alle epidemia e l’innovazione alla Stellenbosch University (che viene anche indicato come l’esperto che l’ha identificata), ha spiegato che la variante sarebbe “geneticamente distinta dai lignaggi Omicron attualmente circolanti (in particolare BA.2.86 e JN.1)”. Al momento però, sappiamo ancora molto poco su Ba.2.87.1.

Sintomi variante Covid Ba.2.87.1

È ancora presto per poter conoscere i sintomi specifici di questa particolare variante del Covid, in quanto sono ancora poche le informazioni che abbiamo a nostra disposizione. Tuttavia è possibile che i segni siano quelli simili a quelli già mostrati dal Covid nel 2023 e nei primi mesi del 2024:

  • Febbre o brividi
  • Tosse e mal di gola
  • mal di testa
  • naso che cola
  • voce rauca
  • Affaticamento e stanchezza
  • Dolore muscolare
  • Congestione o raffreddore
  • Difficoltà respiratorie (soprattutto nei casi più severi)

Leggi anche: Positivo al Covid 2024, quali sono le regole: ecco cosa fare

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato