Coronavirus, rilevato Rna in acque di scarico. L’ISS: “Nessun rischio per l’uomo”

L’Rna del Coronavirus è stato trovato nelle acque di scarico di Roma e Milano. Lo afferma uno studio condotto da Giuseppina La Rosa del Reparto di Qualità dell’Acqua e Salute del Dipartimento Ambiente e Salute dell’Istituto Superiore di Sanità. Tale risultato, comunque, non presenta un pericolo per l’uomo, ma può aiutare a prevenire nuovi focolai.

Coronavirus e acque di scarico: cosa dice la ricerca

In parte, il ritrovamento di materiale genetico del virus Sars-Cov-2 è una buona notizia, in quanto permetterà di usare “questo tipo di campionamenti come ‘spia’ della presenza di un focolaio epidemico”.

Il risultato è arrivato dopo che i ricercatori hanno selezionato e analizzato “un gruppo di 8 campioni di acque di scarico raccolti dal 3 al 28 febbraio a Milano e dal 31 marzo al 2 aprile a Roma”, come spiega La Rosa.

Alcuni dati hanno confermato la presenza di Rna del Coronavirus nella rete fognaria della zona Occidentale e Centro-orientale di Milano. A Roma, invece, sono risultati positivi tutti i campioni prelevati dell’area orientale.

“Stiamo ora estendendo la ricerca ad altri campioni di acque di scarico provenienti da una rete di raccolta in diverse regioni, costruita negli anni nell’ambito di un progetto finanziato dal Centro Nazionale di prevenzione e Controllo delle Malattie del Ministero della Salute”, ha specificato La Rosa.

SARS-CoV-2 nelle acque di scarico è pericoloso per l’uomo?

Come annunciato poc’anzi, no. La presenza dell’Rna della SARS-CoV-2 non genera nessun rischio nell’uomo. Altresì, secondo Luca Lucentini, direttore del reparto sopracitato, “rafforza le prospettive di usare il controllo delle acque in fognatura dei centri urbani come strumento non invasivo per rilevare precocemente la presenza di infezioni nella popolazione”.

In sostanza, si tratta di una ricerca molto importante per la Fase 2, in quanto “la sorveglianza potrà essere utilizzata per monitorare in modo indiretto la circolazione del virus ed evidenziare precocemente una sua eventuale ricomparsa”. Ciò consentirà di “riconoscere e circoscrivere più rapidamente eventuali nuovi focolai epidemici”.

E non è una nuova strategia, poiché in passato ha riguardato anche altri virus, “come quello della polio”. Perciò, siamo di fronte a un risultato che “non sorprende e non implica alcun rischio per la salute umana”.

Infine, anche il presidente dell’ISS Silvio Brusaferro concorda con quanto dichiarato dal suoi colleghi: “Il risultato potrebbe essere d’aiuto nel controllo della pandemia”.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato