Riabilitazione e fornitura protesi al Centro Protesi Inail di Budrio

Il Dott. Duccio Orlandini, direttore Sanitario del Centro, spiega quali sono le tempistiche per la fornitura e per l’educazione all’uso di una persona disabile all’uso di una protesi.

Il Centro riabilitazione Inail di Vigorso di Budrio

centro riabilitazioneAl Centro Protesi Inail l’attività del centro riabilitazione è di fondamentale importanza. Infatti tutti i pazienti cominciano la fase riabilitativa e di addestramento con le protesi utilizzando il moncone delle stesse così che il personale abbia modo di apportare le opportune modifiche necessarie ad un corretto utilizzo prima che i pazienti stessi lascino il centro.

Due tipologie di pazienti

“I pazienti che vengono da noi al centro riabilitazione e fornitura protesi sono sia istituzionali – dichiara il Dott. Duccio Orlandini – ovvero quelli che hanno avuto un infortunio sul lavoro, sia persone che hanno subito un’amputazione a causa di una invalidità civile”.

Il percorso nel centro riabilitativo

“Il progetto riabilitativo – prosegue il Dott. Orlandini – è la parte iniziale del percorso che il paziente viene a fare al Centro riabilitazione del Centro Protesi Inail…vieni, fai una richiesta di visita, si fa una valutazione all’interno di un’equipe multidisciplinare che definisce un progetto di massima con un obiettivo correlato a quello che il paziente è in grado di fare e a quello che successivamente potrà fare con la protesi”.

L’ottimizzazione delle protesi

centro riabilitazione“Quando la protesi è in fase di costruzione – sottolinea il Dott. Duccio Orlandini – parallelamente comincia la cosiddetta “fase di addestramento” al centro riabilitazione, questo metodo consente di apportare tutte le modifiche necessarie per gli adattamenti al moncone della protesi stessa arrivando a fine lavoro con un’ottimizzazione del rapporto tra protesi e paziente”.

I tempi di lavoro nel centro riabilitazione

“Le protesi – afferma il Dott. Duccio Orlandini – possono essere dotate di componenti ad alta o media tecnologia in base agli obiettivi definiti dal progetto. Per la fornitura di una protesi mioelettrica si calcolano circa 5 giorni per il rilascio di un paziente addestrato, per un paziente amputato agli arti inferiori i tempi sono sensibilmente più elevati e si varia tra i 35/60 giorni”.

I pazienti all’anno? 10.000!

“Nel corso di un anno – conclude il Dott. Duccio Orlandini – il numero di pazienti che si rivolgono al centro riabilitazione sia in regime di ricovero che ambulatoriale è di circa 10.000 pazienti. 1200 vengono trattati in regime di ricovero perché hanno un carico assistenziale e di addestramento più alto. Poi ci sono i vecchi portatori che tornano per proseguire i trattamenti nel centro riabilitazione e rinnovare le protesi e addestramento”.