Registro CUDE per il contrassegno disabili: a cosa serve?

Dopo l’introduzione del Contrassegno Unificato Disabili Europeo, ecco ora il Registro Pubblico CUDE, una banca dati nazionale online che raccoglie i dati non sensibili di tutti i pass disabili condivisi dalla pubblica amministrazione.

Tale piattaforma è diretta esclusivamente ai Comuni e ai Comandi di Polizia, con l’obiettivo primario di arginare la contraffazione del documento. Tuttavia concede vantaggi anche ai titolari del contrassegno, in quanto agevola la mobilità delle persone con disabilità su tutto il territorio nazionale.

Che cos’è il CUDE e perché è stato creato il Registro Pubblico

Il Contrassegno Unico Disabili Europeo (noto anche come CUDE) è stato introdotto con il D.P.R. n. 151/2012 (“Regolamento in materia di strutture, contrassegno e segnaletica per facilitare la mobilità delle persone invalide”), ed è il tagliando blu usato dalle persone con disabilità per circolare nelle Zone a Traffico Limitato oppure per parcheggiare/sostare nelle zone riservate indicate con il simbolo dell’omino in carrozzina.

Il Registro Pubblico CUDE, invece, raccoglie i dati non sensibili del contrassegno disabili (numero, Ente di rilascio, data di emissione, data di scadenza e targa associata), che potranno essere letti in tempo reale dalle Forze dell’Ordine e dai Comuni grazie a un microchip RFID presente sul tagliando e alla tecnologia Traffid. Tale iniziativa ha diversi obiettivi:

  • lotta alla contraffazione del documento;
  • sanzionare chi occupa abusivamente i parcheggi per disabili;
  • contrasto all’uso del pass disabili se il titolare è deceduto;
  • snellire la burocrazia per il rilascio e l’aggiornamento del documento.

Leggi anche: Registro CUDE, in arrivo app e sito: “Strumento fortemente richiesto”

come funziona registro cude

Registro CUDE per contrassegno disabili: ecco cosa permette

Come si legge sul sito ufficiale del Registro Pubblico CUDE, il servizio è rivolto principalmente a Comuni e Comandi di Polizia aderenti al progetto, i quali, una volta abbonati, potranno:

  • Gestire i contrassegni dei disabili (rilascio, aggiornamento, cessazione, controllo incrociato dei dati);
  • Controllare i dati dei contrassegni dei disabili
  • Condividere i dati dei contrassegni disabili, così da rafforzare la collaborazione con le Amministrazioni italiane.

Leggi anche: Disability Card: cos’è, a cosa serve e quando arriva

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato