Come capire se la milza è ingrossata e cosa fare

La milza ingrossata, nota anche con il termine splenomegalia, simboleggia un malfunzionamento dell’organo stesso, riscontrabile con l’aumento del suo volume normale (in genere è lungo 12 cm), condizione da tenere sotto controllo per non incorrere nella rottura dell’organo stesso. Ciò può dipendere da una serie di cause e malattie, e quindi una milza gonfia non è associabile a una patologia in senso stretto.

Si tratta di una condizione trattabile, anche con l’asportazione dell’organo stesso. Tutto però dipende dall’individuazione della causa che ha originato l’ingrossamento della milza. Certo è che se ci troviamo di fronte a una causa di difficile cura, la condizione viene definita irreversibile.

A cosa serve la milza?

La milza ha diversi ruoli all’interno dell’organismo, come la produzione, la distribuzione e la distruzione dei globuli rossi, l’annientamento di batteri, il metabolismo del ferro e l’accumulo di piastrine.

A cosa si deve quindi l’ingrossamento della milza? In particolare, può accadere che un numero eccessivo di globuli rossi venga immagazzinato all’interno di questo organo (anemia). Può capire inoltre che lo stesso organo distrugga le piastrine (trombocitopenia) e i globuli bianche (leucopenia).

a cosa serve la milza

Quali sono i sintomi della milza ingrossata

Non essendo una patologia in sé, i sintomi della milza gonfia possono essere associabili alle cause che la determinano. In generale, comunque, vi sono dei segni che possono comparire in ogni caso. Ad esempio:

  • Dolore e sensazione di pienezza allo stomaco, all’intestino e alla vescica (anche dopo i pasti o senza aver mangiato nulla);
  • Difficile digestione;
  • Nausea e vomito;
  • Dolore addominale, alla schiena o alla spalla sinistra;
  • Rigonfiamento delle milza sensibile al tatto;
  • Affaticamento e respiro affannato;
  • Anemia;
  • Sangue nelle feci;
  • Infezioni e sanguinamento.

Quali sono le cause della milza ingrossata?

Come detto precedentemente, la milza gonfia non è una malattia in sé, ma può essere causata da una serie di patologie, infezioni e tumori. Come malattie della milza possiamo trovare:

quali sintomi milza ingrossata

Milza ingrossata nei bambini

I bambini che presentano una milza ingrossata sono tra le categorie più a rischio, e possono indicare la presenza di condizioni come mononucleosi, malattia di Gaucher e malattia di Nienmann-Pick.

Approfondimento diagnostico della milza ingrossata

La diagnosi di milza ingrossata può essere data da una serie di esami che, appunto, vanno a ricercare le cause della condizione. Possono essere utili:

  • Palpazione dell’addome da parte del medico;
  • radiografia, ecografia o tomografia;
  • esami del sangue;
  • esame del midollo osseo;
  • misurazione delle proteine ematiche;
  • analisi in laboratorio dopo asportazione dell’organo;
  • risonanza magnetica;

Grazie a ciò, è possibile individuare una splenomegalia lieve o moderata (quando la milza si gonfia tra i 13 e i 20 cm) o una splenomegalia grave (oltre i 20 cm). Tale termine non va confuso con l’ipersplenismo, che fa riferimento a un’incontrollabile funzionalità dell’organo.

approfondimento diagnostico milza ingrossata

Come curare la milza ingrossata?

Prima di spiegare i trattamenti esistenti, vale la pena rammentare che per qualsiasi decisione medica bisogna ascoltare sempre uno specialista, il quale indicherà anche i tempi di recupero. La cura e i rimedi per la cura della milza ingrossata, infatti, richiedono un parere medico abbastanza importante, che possono variare a seconda della patologia scatenante la condizione. Ad esempio:

  • Splenectomia, cioè l’asportazione completa dell’organo, che successivamente determina l’obbligo vaccinale per Streptococcus pneumoniae, Neisseria meningitidis e Haemophilus influenzae.
  • Antibiotici;
  • Radioterapia.

Cosa mangiare se si ha la milza ingrossata

Una dieta equilibrata e sana può aiutare a contrastare l’insorgere di una milza gonfia. In particolare, i cibi che possono far bene alla milza sono:

  • agrumi;
  • verdure e pomodoro;
  • antiossidanti;
  • vitamine;
  • pesce;
  • frutta (anche quella secca);
  • sali minerali.

E invece cosa bisogna evitare di mangiare se si ha la milza ingrossata?

  • Cibi di scarsa qualità;
  • Soia;
  • Carne rossa;
  • Pane bianco;
  • Latticini;
  • Pasta bianca;
  • Zuccheri;
  • Glutine;
  • oli vegetali.
alimentazione e milza ingrossata

Come si vive senza milza?

La milza non è un organo vitale, ma l’asportazione può determinare delle conseguenze negative, nonostante gli altri organi assumano alcuni dei lavori da lei portati avanti. In particolare, si può parlare di immunodepressione post-splenectomia, cioè il nostro organismo sarà più predisposto a una serie di infezioni come meningite, polmonite e influenza (per questo motivo, risultano molto importanti le vaccinazioni). Vale la pena comunque rassicurare su un punto: l’asportazione della milza non pregiudica l’aspettativa di vita di un essere umano.

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato