L’11 aprile ricorre la Giornata Mondiale del Parkinson

Come ogni anno, l’11 aprile c’è la Giornata Mondiale del Parkinson. Questa ricorrenza è stata voluta dall’European Parkinson’s Disease Association (EPDA), e coincide con la data di nascita di James Parkinson, medico inglese che nel 1817 scoprì per la prima volta questa patologia.

L’appuntamento internazionale richiama l’attenzione di numerosi medici da ogni angolo del mondo per fare il punto della situazione sulla patologia, ancora oggi purtroppo senza cura.

cos'è il parkinson

Giornata Mondiale del Parkinson: di che malattia parliamo?

In Italia le persone con il Parkinson sono circa 230mila. Si tratta di una malattia neurodegenerativa progressiva, descritta per la prima volta dall’omonimo medico inglese come “forma di paralisi agitante”. La patologia colpisce indipendentemente dal sesso, sebbene venga riscontrata una maggiore incidenza negli uomini. L’insorgere del Parkinson si osserva tra i 58 e i 60 anni. Non esiste una cura.

Per quanto riguarda sintomi iniziali del morbo di Parkinson, possiamo trovare:

  • perdita di espressività;
  • cambio del tono di voce;
  • stipsi;
  • eccessiva sonnolenza diurnia;
  • compromissione del senso dell’olfatto e del gusto;
  • pressione bassa;
  • problemi intestinali.

Con il progredire della malattia, i segni che possono aggiungersi sono:

  • La lentezza dei movimenti detta anche Bradicinesia;
  • Tremore;
  • Rigidità muscolare;
  • Instabilità posturale;
  • Depressione;
  • Insonnia;
  • Stipsi;
  • Iposmia;
  • Ipotensione Ortostatica.

Leggi anche: Parkinson e dieta, l’importanza di un’alimentazione corretta

Angelo Andrea Vegliante
Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato