Giornata internazionale delle persone con disabilità 2021: perché il 3 dicembre?

Redazione:

Ogni anno il 3 dicembre si celebra la Giornata internazionale delle persone con disabilità nota anche in inglese, International day of people with disability (IDPwD). Lo scopo di questa iniziativa è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dei diritti e del benessere delle persone disabili, e porre l’accento sull’importanze dell’integrazione e inclusione verso la partecipazione politica, sociale, economica e culturale all’interno della società.

Quand’è nata la Giornata Mondiale della Disabilità?

Questa ricorrenza è stata proclamata nel 1981 (Anno Internazionale delle Persone Disabili) dall’Organizzazione delle Nazioni Unite con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale sul perseguire gli obiettivi di benessere, inclusione e difesa dei diritti dei cittadini disabili.

Nel 2006 tale giornata si è arricchita con la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, la quale ha ulteriormente sottolineato l’esigenza di difendere e salvaguardare la qualità della vita delle persone disabili nei principi di uguaglianza e partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale di una società.

Il 3 dicembre è anche la Giornata Europea delle Persone con Disabilità, decisa nel luglio del 1993 dalla Commissione Europea, con lo scopo di includere e integrare le persone disabili all’interno della società, contro ogni discriminazione e violenza.

Leggi anche: Ecco quali termini usare per parlare e scrivere di disabilità

giornata internazionale delle persone con disabilità
By seventyfourimages da Envato Elements

Giornata Disabilità 2021, quando i disabili sono invisibili

In occasione della Giornata mondiale delle persone disabili 2021, abbiamo deciso di porre l’accento sulle condizioni invisibili, cioè che nell’immaginario collettivo non sono riconducibili alla carrozzina in senso stretto. Già perché esistono disabilità che non si limitano all’uso della carrozzina, come erroneamente ci fa pensare anche la simbologia.

È il caso di Graziano Rossi, giornalista e attivista con la Distrofia Muscolare di Becker, la cui condizione non è così evidente all’occhio umano, ma esiste: “A scuola ho subìto tanti anni di bullismo, soprattutto perché la mia malattia non si vedeva. Anche in età adulta mi è capitato purtroppo di subire degli atti di questo genere perché le persone non credono che io abbia una disabilità”.

Leggi anche: Storia della disabilità

Angelo Andrea Vegliante
Da diversi anni realizza articoli, inchieste e videostorie nel campo della disabilità, con uno sguardo diretto sul concetto che prima viene la persona e poi la sua disabilità. Grazie alla sua esperienza nel mondo associazionistico italiano e internazionale, Angelo Andrea Vegliante ha potuto allargare le proprie competenze, ottenendo capacità eclettiche che gli permettono di spaziare tra giornalismo, videogiornalismo e speakeraggio radiofonico. La sua impronta stilistica è da sempre al servizio dei temi sociali: si fa portavoce delle fasce più deboli della società, spinto dall'irrefrenabile curiosità. L’immancabile sete di verità lo contraddistingue per la dedizione al fact checking in campo giornalistico e come capo redattore del nostro magazine online.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato