Eterotopia nodulare periventricolare: cos’è e come si cura

Redazione:

Ci sono malattie che non si vedono, ma che possono comunque travolgere una persona e/o un familiare. Stiamo parlando dell’eterotopia nodulare periventricolare, una delle “tantissime” malattie invisibili che fanno parte del nostro mondo e che appartengono alle cosiddette malattie rare genetiche.

Cos’è l’eterotopia nodulare periventricolare?

L’eterotopia nodulare periventricolare (PNH) è una malformazione cerebrale che risulta da un posizionamento anomalo di parte dei neuroni (le cellule nervose) nella parte profonda del cervello invece che nella corteccia cerebrale. Questi neuroni si raggruppano in agglomerati che vengono chiamati noduli e sono individuabili tramite risonanza magnetica.

La malattia genetica (il cui acronimo è PNH) è strettamente connessa all’epilessia (soprattutto per quanto concerne il genere femminile) e in alcuni casi può essere associata ad anomalie cardiache e difetti di coagulazione del sangue. La maggior parte delle persone colpite dall’eterotopia nodulare sono donne.

Trasmissione dell’eterotopia

Per quanto riguarda la trasmissione di questa malattia genetica, non vi sono dubbi che sia ereditaria. Il sospetto diagnostico viene avanzato sulla base della risonanza magnetica cerebrale e la conferma viene dall’analisi molecolare del gene FLNA. Per dirla in modo semplice, l’eterotopia consiste in una malformazione genetica che non consente ai neuroni di salire al cervello attraverso la corteccia cerebrale. Il feto si sviluppa quindi in maniera differente.

Nel caso in cui venga diagnosticata l’eterotopia nodulare periventricolare, è buona prassi iniziare un percorso genetico approfondito che vada a indagare tutto il ramo genealogico. La trasmissione è femminile quindi è altamente probabile che sia la madre a trasmetterlo alla figlia. Il gene maschile non dovrebbe intervenire nella trasmissione.

Leggi anche: Epilessia: l’Ospedale Bambino Gesù e la prevenzione nelle scuole

Eterotopia nodulare periventricolare
By iLexx da Envato Elements

Eterotopia nodulare e figli

Attualmente non abbiamo notizie certe sull’ereditarietà dei geni perché la malattia non è stata studiata ancora in modo profondo. Ciò che sappiamo attualmente è che se la donna con questa patologia rimanesse incinta, c’è il 50% di possibilità che il figlio maschio non riesca a venire alla luce. Per svilupparsi infatti, il feto maschile potrebbe aver bisogno di tutto il corredo genetico.

Per quanto riguarda la prole femminile invece, non ci dovrebbero essere problemi inerenti alla gravidanza (il feto si dovrebbe sviluppare in modo naturale) ma non è escluso che la bambina possa sviluppare una forma di epilessia. Sia chiaro, le notizie non sono certe e ogni caso fa storia a sé: esistono per esempio casi di eterotopia nodulare asintomatica e non è escluso che una madre asintomatica possa avere una figlia asintomatica.

La speranza della scienza

Quando ci si trova di fronte a queste malattia, c’è solo una cosa da fare: affidarsi alla scienza. Fino a qualche anno fa, malattie come queste non erano neanche catalogate: chissà quanti “aborti spontanei” sono stati scambiati per un semplice volere della natura. Adesso invece la storia è diversa: gli studi genetici hanno portato alla luce questa malattia e attraverso esami approfonditi è possibile saperne di più sul futuro.

Soprattutto in caso di gravidanza, per la madre non dovrebbe essere difficile capire se il feto (maschile o femminile) abbia contratto la malattia. Un’informazione fondamentale e decisiva che mette in guardia la madre di fronte al destino, qualsiasi esso sia.

Come si cura l’epilessia

Per chi sviluppa forme di eterotopia nodulare periventricolare sintomatica, è alto il rischio di sviluppare forme di epilessia. La terapia dell’epilessia mira a prevenire la ricorrenza delle crisi che possono incidere sulla qualità di vita del paziente. Il 50% delle crisi inizia ad essere gestito in maniera totale dopo il primo farmaco, mentre un ulteriore 13% risulta controllato dall’introduzione di un secondo farmaco.

Secondo la Lega Internazionale contro l’Epilessia, si parla di farmacoresistenza solo quando ci sia una mancata risposta ad almeno due farmaci ben tollerati. Il trattamento delle crisi deve essere personalizzato, considerando diversi aspetti come ad esempio:

  • il tipo di epilessia;
  • il tipo di crisi;
  • l’età del paziente;
  • la tollerabilità del trattamento;
  • le potenziali interazioni con altri farmaci;
  • le condizioni mediche del paziente.
Angelo Dino Surano
Giornalista, addetto stampa e web copywriter con una passione particolare per le storie di successo. Esperto in scrittura vincente e comunicazione digitale, è innamorato della parola e delle sue innumerevoli sfaccettature dal 1983. La vita gli ha messo davanti sfide titaniche e lui ha risposto con le sue armi più potenti: resilienza e spirito di abnegazione. Secondo la sua forma mentis, il contenuto migliore è quello che deve ancora scrivere.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato